giovedì 10 novembre 2016

Il Birramisù di Betty Boop


Correva l'anno 2010, avevo aperto il blog da un paio di mesi e, scoprendo per caso la ricetta del Birramisù dello Chef Claudio Sadler, avevo deciso di prepararla.
Risultato: strepitoso, una variante del Tiramisù classico veramente azzeccata, e in più diversa dalle decine di birramisù che intasano la rete, tutte uguali e tutte banali e piatte.

A 6 anni di distanza quella pazza scatenata di Susy May vince l'MTChallenge sbaragliando la Community con le sue Un, dos, Trek, Tapas! e su che cosa ci sfida, questo mese? Sul Tiramisù! 


Ma la nostra non si accontenta di un Tiramisù, che già per una chiavica con i dolci come me non è cosa facile pensarne uno, no: pure il tema ci ha imposto.  Considerato che il Tiramisù e’ uno dei dolci piu’ voluttuosi del pianeta e considerata la grande passione per il Cinema che anima lei e suo marito, perché non legare il vostro Tiramisù ad un film o ad una incona sexy della storia del Cinema Mondiale? Così recita il regolamento, e a quel punto io vado totalmente in tilt.
Studiare un Tiramisù diverso, a questo posso anche arrivare; ma il tema? Espresso per giunta in una interpretazione fotografica? Io e le foto siamo pianeti diversi, io e i dolci siamo pianeti diversi, e anche il tema va interpretato con garbo, evitando di scadere nella (facile e acchiappavisite) volgarità.

Stavo per rinunciare, quando dai recessi della memoria mi si è affacciato un ricordo di quando ero bambina: Betty Boop.

Immagine dal web
Garbatamente sexy, è considerata come una dei primi e più famosi sex symbol dell'animazione cinematografica: la sua carica erotica imprevedibile irruppe nel panorama dell'animazione americana degli anni '30 del secolo scorso. Ragazza alla moda, irriverente e con un taglio di capelli maliziosamente mascolino, indossa un vestitino succinto che lascia scoperte le spalle e la giarrettiera, e pare più che consapevole del suo sex appeal, ma è fornita di una buona dose di auto-ironia.

Il suo personaggio compare per la prima volta nel 1932 nel cartoon di Dave Fleischer, Bamboo Isle, e sarà seguito da altri cortometraggi animati, fino a quando la morale puritana dell'epoca non bandirà il personaggio, nel 1934.

Bene, l'ispirazione c'era; la ricetta che mi è venuto spontaneo reinterpretare è proprio quella citata sopra: il Tiramisù alla birra (o Birramisù) di Claudio Sadler. Ora non mi rimane che rivisitare la ricetta dello Chef (lui usa la colla di pesce, che nella nostra sfida è bandita, ma non adopera gli albumi; lui usa i brownies come base, io devo usare i savoiardi) aggiungendo un richiamo a Betty Boop, sì, ma quale? Idea! La sua famosa giarrettiera! Ho provato a farne una di cioccolato, con esiti che vedete anche voi. D'altra parte l'avevo detto, no, che con i dolci sono una chiavica?

BIRRAMISU'
Ispirato dalla ricetta di Claudio Sadler


Per la meringa italiana alla birra:

340 g di albumi (da 7 uova medie)
200 g di zucchero semolato
50 ml di birra rossa
qualche goccia di succo di limone

Per la crema al Mascarpone:

500 g di Mascarpone
150 ml di birra rossa
115 g di tuorli (da 7 uova medie)
90 ml di panna fresca montata

Per la bagna alla birra:

300 ml di birra scura
2 cucchiai di zucchero di canna Muscovado

Per la glassa alla birra scura e cacao:

200 ml di birra scura
180 g di zucchero di canna Muscovado
120 ml di panna fresca
45 g di cacao amaro
10 g di colla di pesce

1,5 dosi di Savoiardi al cacao, pari a circa 450 g di biscotti

Per la giarrettiera di cioccolato:

100 g di cioccolato fondente al 70% di cacao


Preparare la meringa italiana alla birra: Versare in un pentolino lo zucchero semolato e la birra rossa e accendere il fuoco. Nel frattempo cominciare a far schiumare gli albumi insieme a qualche goccia di succo di limone, avviando la planetaria con la frusta a gomitolo a velocità 2-3.
Quando lo sciroppo di zucchero avrà raggiunto i 121 °C aumentare la velocità delle fruste facendola giungere al massimo, e appena gli albumi cominciano a montare versarvi lo sciroppo a filo. Proseguire la lavorazione a velocità massima fino al raffreddamento del tutto. Tenere da parte.

Preparare la crema al Mascarpone: Montare il mascarpone con le fruste elettriche. Unire i tuorli e amalgamare il tutto, aggiungere la birra rossa a filo e mescolare bene. Incorporare delicatamente prima la panna montata, poi la meringa italiana, con una spatola di silicone, facendo dei movimenti dall'alto al basso. Coprire con pellicola e tenere da parte.

Preparare la bagna alla birra scura: Versare in una casseruola la birra e lo zucchero di canna, mettere sul fuoco e fare addensare lo sciroppo. Far raffreddare prima di usarlo.

Preparare la "giarrettiera" di cioccolato: disegnare la giarrettiera su un foglio di carta. Metterlo sotto a un foglio di carta forno, fissandolo con dello scotch a una teglia in modo che non si muova. Spezzettare il cioccolato, metterne metà in una ciotola e farlo fondere a bagnomaria. Togliere dal fuoco e incorporare il cioccolato spezzettato rimanente, mescolando fino ad aver ottenuto un composto fluido. Farlo raffreddare mescolando in un bagnomaria freddo, poi trasferirlo in una sac-à-poche munita di bocchetta tonda liscia sottile (io ho usato la n. 2). Seguire i contorni del disegno, quindi mettere tutto in frigo fino a che non si sia indurito. Staccare molto delicatamente la decorazione, per evitare che si rompa. Disegnare tante decorazioni, quante sono le porzioni da servire (circa 8).

Preparare la glassa di finitura: Ammollare la colla di pesce in acqua fredda per 5 minuti. Mescolare zucchero e cacao per amalgamarli e "sciogliere" gli inevitabili grumi di cacao. Versare in una casseruola la panna e la birra, mettere sul fuoco, aggiungere lo zucchero al cacao. Portare a 103 °C, togliere dal fuoco, incorporare la colla di pesce e mescolare per farla sciogliere e amalgamare il tutto. Far raffreddare in un bagnomaria freddo finché raggiunge la temperatura di 30 °C prima di utilizzarla.

Montare il dolce: Preparare la base immergendo brevemente i savoiardi nella bagna alla birra. Attenzione a non lasciarli troppo nella bagna: occorre evitare che diventino mollicci. Formare nelle coppette individuali uno strato di savoiardi, coprirli con uno strato di crema, formare un secondo strato di savoiardi e ricoprirlo con la crema rimanente. Livellarla bene e versarci sopra la glassa alla birra scura.
Coprire con pellicola e tenere in frigo fino al momento di servire.

Al momento di servire tagliare le fette e servirle decorando con una giarrettiera di cioccolato.

Note della Apple Pie:

- Se Sadler usava la colla di pesce un motivo c'era: la crema è troppo morbida e non regge. Nei miei intendimenti dovevo fare un rettangolo su cui appoggiare la "giarrettiera"; siccome il rettangolo si spatasciava e non c'era verso di tenerlo su (complice anche il fatto che non trovavo la formina rettangolare per tenerlo in forma passandolo brevemente in freezer), ho optato per una presentazione in coppa. Ovviamente la "giarrettiera" di cioccolato si era già solidificata diritta e non era il caso di tentare la sorte... ;-)

- Birra scura e savoiardi al cacao vanno a nozze: entrambi hanno come ingrediente di base un elemento fortemente tostato (il malto caramello per la birra scura, le fave di cacao per il cacao) che fa andare molto bene insieme questi due ingredienti.
Allo stesso modo, la glassa alla birra scura e cacao stempera la dolcezza della crema, dando al dolce il giusto equilibrio.

53 commenti:

  1. Betty Boop l'ho conosciuta attraverso qualche disegno e attraverso Roger Rabbit, in cui compare come personaggio :) TrovoL'idea della giarrettiera carinissima. Magari si poteva provare a ricrearla sul bicchiere, decorando il bordo interno e, dopo raffreddato, comporre il tiramisù. Non so se sarebbe vento fuori lo stesso, ma sarebbe da provare :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...Ed è qui che si vede la differenza di età. ;-) Io ho visto i cartoni animati originali, anche se qualche decennio dopo il 1930. :-D
      Creare la giarrettiera di cioccolata sul bordo del bicchiere per ME è assolutamente impossibile: non ho né la dimestichezza, né la manualità, né la pazienza necessari per fare una cosa del genere. Mi sono divertita a partecipare, that's all. :-)

      Elimina
  2. Bellissima ispirazione! Originale e garbata :-)
    Molto interessante anche la ricetta, non ho mai usato la birra nei dolci e, soprattutto in abbinamento al cacao, mi piace molto. Non tu smentisci mai, neanche quando tema e ricetta non ti sono - dici - congeniali. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alice! La birra nei dolci, abbinata a cacao/cioccolato è fantastica: prova e vedrai! Un abbraccio.

      Elimina
  3. E per fortuna sei una chiavica coi dolci!! Lasciamo perdere gli orpelli come la giarrettiera di cacao che si "spatasciava" :-) ma il dolce è elegantissimo e l'interpretazione dolcemente sexy e perfetta per Betty Boop. Grandissima Mapi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono una chiavica, sì... sia il giudice, sia una partecipante mi hanno suggerito di fare la giarrettiera sul bordo del bicchiere, pensa un po'. O_O Vorrei proprio vedere il giudice, a farla. Così, per curiosità.

      Elimina
  4. Un personaggio e un dolce che ti rappresentano molto. Eleganti, con stile. Mi piacciono molto.

    RispondiElimina
  5. Un personaggio e un dolce che ti rappresentano molto. Eleganti, con stile. Mi piacciono molto.

    RispondiElimina
  6. La giarrettiera è bellissima :-) Guardandolo di primo acchito mi sembrava un tiramisù after eight invece è alla birra, uao

    RispondiElimina
  7. Ma che ci combinavi allora se eri brava a fare i dolci? Non solo il birramisù che adoro, ma anche la giarrettiera di cioccolato... irresistibilmente sexy!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, è un'idea che mi è venuta. Sinceramente temevo peggio. :-)

      Elimina
  8. Splendido il tuo birramisu' con giarrettiera ma ne ero certissima che avresti preparato un dolce magnifico, mi piace moltissimo anche la presentazione capisco però come scocci quando bisogna cambiare presentazione in corso d'opera
    Io ieri ho passato tutta la sera in cucina a "litigare" con il tiramisù proprio per la presentazione gioiscono solo i ragazzi che oggi lo mangiano e io devo rifarlo quindi ti capisco benissimo, ma questo non toglie niente alla tua splendida ricetta sei bravissima anche con i dolci
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Manu, io non ero così certa (e del resto l'idea non è mia originale, l'ho mutuata da un altro). Ma all'MTChallenge l'importante è partecipare. ;-)

      Elimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. eccola li, la più sexy delle icone con una interpretazione che mi lascia a bocca aperta... a parte che lo sconforto mi assale e mi sovrasta non posso che farti i complimenti per tutto, ma soprattutto per quella giarrettiera che occhieggia maliziosa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lasciarti prendere dallo sconforto Lara, era successo anche a me ma poi ho trovato l'ispirazione. ;-)

      Elimina
  11. Cara Miss Betty Mary Pia Boop, il tuo birramisù è formidabile, io non sapevo neppure che birra e tiramisù potessero andare d'accordo.
    Tema azzeccato, ricetta top e quella giarrettiera di cioccolato è davvero bellissima!, avrei osato con la giarrettiera foderando il bicchiere ma va bene così! Sei stata davvero PAZZESCA!!! Hip-hip Hurrà per te Maria Pia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figliuola, è già stato tanto (anzi, tantissimo) che sia riuscita a fare delle giarrettiere di cioccolato fuso. Erano state pensate per una presentazione rettangolare, che è stata però impossibile a causa della consistenza della crema da un lato e della tua pervicace ostinazione a dire NO a quantità minime di colla di pesce dall'altro (e adesso pare che a dette quantità minime si apra).
      Chiedermi pure di foderare il bicchiere, è davvero troppo. Diciamo che a questo turno è già tanto se ho partecipato.
      In bocca al lupo per la scelta del vincitore (e non so se lo dico più a te o a me). :-)

      Elimina
    2. E meno male: confesso che mi sarebbero girate... le giarrettiere, se dopo tutta questa fatica (e 750 g di mascarpone suddivise in 2 prove) ci fosse stata l'apertura alla gelatina. :-)

      Elimina
  12. Immensa Mapi, sei stata ingegnosa è bravissima! Inserire la birra in tante preparazioni non era affatto facile, la presentazione è bellissima e la giarrettiera super sexy 😍😍 complimenti!!

    RispondiElimina
  13. Santo cielo Mapi, che meraviglia!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Stefy, ma giuro che non mi pigliano più a un'altra sfida del genere. ;-)

      Elimina
  14. senza parole.
    anzi in realtà è una bugia, siamo abituati ai tuoi livelli di perfezione.
    copiata nel volume "scuola di cucina della Mapi".
    grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La scuola di cucina qui non c'è. C'è solo un'idea realizzata come meglio ho potuto. Grazie però! :-)

      Elimina
  15. a me sembra parecchio ma parcchio invitante!!!
    e l'idea è stupenda!
    insomma, mapi come sempre superlativa.

    poi, si sa, se non puoi preparare un fondo fatto con otto carcasse di volatili che cuociono otto ore non sei contenta :-)
    hai pensato a preparare un tiramisù al fondo bruno per la versione salata?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto bene, cara Gaia: se non posso preparare un fondo con otto carcasse di volatili che cuociono in otto ore, non sono soddisfatta. E in effetti avrei in mente proprio una versione salata col fondo bruno... se me la sento. ;-)
      Un abbraccio.

      Elimina
  16. Amo follemente il birramisù, ma finora ho sempre e solo visto intingere i savoiardi in una stout, ma pensare a mettere la birra nella meringa, nella crema e nella glassa.. WOW!
    Questo sì che è un tiramisù coi fiocchi! Anzi, con le giarrettiere!

    RispondiElimina
  17. Sei formidabile!!! E anche se lo sai già, ho voluto dirtelo lo stesso!!!

    RispondiElimina
  18. Sei super mapi e lo sai! Alzi sempre l'asticella e fai gran bene all'MTC! Voglio imparare ad osare come te. Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elisa. Si impara a osare poco per volta, e credimi: ci si diverte molto di più! ;-)
      Un abbraccio.

      Elimina
  19. Dunque, a me piace moltissimo la presentazione scelta che occhieggia gli anni '30 e trovo BB estremamente simpatica anche se non ho mai visto nessun cartone.

    Per quanto riguarda la ricetta potrebbe decisamente funzionare anche per me; l'unica perplessità è la mia idiosincrasia alle bagne specie amare e/o alcooliche; però come tu ci fai riflettere l'abbinamento cioccolata birra dei savoiardi apre accordi molto diversi dal solito caffé.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, per una versione Pellegrina io ridurrei drasticamente la quantità di zucchero nella crema: è decisamente troppa.
      La lascerei nella glassa, per bilanciare l'amaro della Stout, che altrimenti emerge troppo.
      L'abbinamento birra stout-cioccolata è da provare: strepitoso. Specialmente con un cioccolato fondente ad alta percentuale di cacao, cioè non dolce, esattamente come è nelle tue corde. ;-) Prova e fammi sapere.

      Elimina
    2. Ohhh ho sempre sognato di avere una ricetta personalizzata d'autore :-)... il cioccolato fondente mi fa impazzire.
      Grazie per la comprensione.
      Sperimenterò volentieri le corde, anzi, dato il contesto, le giarrettiere.

      Elimina
  20. Beh, la tua ostinazione nel dire che sei negata ai dolci ed alla pasticceria è un pretesto per lasciarci ogni volta a bocca aperta.
    Adoro Betty Boop, la sua vocina sospirata e acuta da cartoon, le sue gambe tornite e quella giarrettiera che da bambina catalizzava il mio sguardo. E poi adoro il tuo birramisù e la tua immensa bravura!
    Grande Mapi. Un abbraccione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Patty. La mia ostinazione nel dire che sono negata per i dolci si spiegherà in pieno non appena avrai pubblicato la tua versione, ne sono certa. ;-) Di Betty Boop si trovano i cartoni originali su YouTube e sono davvero bellissimi! Storia del costume e del fumetto insieme, Dave Fleischer è stato un precursore di Walt Disney, secondo me.
      Un abbraccio.

      Elimina
  21. Adoro fumetti, illustratori e via dicendo. Non posso che adorare anche la tua proposta davvero ben realizzata. Da ragazzina mi divertivo un mondo a ricopiare Betty Boop ma non sapevo che su Youtube ci fossero i cartoni originali... non mi è mai venuto in mente di cercarli! E' proprio come dici tu Mapi, credo proprio anche io che David Flescher ha per così dire spianato la via a quelli che sarebbero state le opere di Disney.... e poi Betty è davvero sensuale e ironica al tempo stesso come si fa a non amarla??? Il tuo tiramisù mi piace tantissimo!

    RispondiElimina
  22. Menomale che sei una chiavica con i dolci!!! Mi intriga moltissimo perchè alla birra non avrei mai e poi mai pensato per il tiramisù, quindi assolutamente da provare! Complimenti Mapi! Baciotti e ronron Helga e Magali

    RispondiElimina
  23. Anche io ho provato il mio primo Birramisùin un ristorante dove vado spesso e non mi aveva per niente entusiasmata, poi mia nipote trova la ricetta di Sadler e me la manda con la "velata" richiesta di farglielo e come ti ho già detto la sua complessità mi ha sempre bloccata, così tanto per dire che se dici di non essere brava nei dolci ti meriti un cazziatone peggio di quelli della Van Pelt ;-)
    Una piccola nota, in fondo al post scrivi di tagliare le fette e decorarle con la giarrettiera, magari ti sei rifatta a una ricetta precedente dimenticando di togliere questa parte.

    RispondiElimina
  24. mai provato il birramisù ma il tuo lo provo sicuramente, splendida interpretazione... io adoro betty boop avevo una maglietta da bambina che mettevo sempre con lei!

    RispondiElimina
  25. Bellissima proposta! mai fatto il birramisù mi intriga molto...bravissima!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  26. Il primo post che ho letto questo mese, ma solo adesso ho il tempo di commentarlo con calma.
    Non amo la birra e questo ormai è risaputo, ma questo accattivante tiramisù in giarrettiera lo assaggerei e sono sicurissima che mi piacerebbe.
    Dai, prova a foderare il bicchiere, lo congeli e poi via alle decorazioni, secondo me viene fuori una figata.
    Comunque Mapi, per me sei sempre sul pezzo e l'umiltà che una grande come te riesce a vere in certi casi in qui non si sente pienamente all'altezza, è qualcosa che non è davvero da tutti e io questo lo apprezzo moltissimo in te.
    Fermo restando che il tiramisù mi piace un sacco.

    RispondiElimina
  27. Hai saputo dare un'interpretazione molto elegante che ho notato subito. Mi piace proprio, complimenti!!

    RispondiElimina
  28. ciao, bello e buono tutto ma la giarrettiera...fantastica!

    RispondiElimina
  29. Il mio primo pensiero sulla rivisitazione del tiramisù aveva chiamato in ballo proprio il birramisu che in passato avevo già provato a fare...meno male che poi mi sono indirizzata su altro perché il mio rispetto al tuo sarebbe impallidito! Sempre bravissima!

    RispondiElimina
  30. Il mio primo pensiero sulla rivisitazione del tiramisù aveva chiamato in ballo proprio il birramisu che in passato avevo già provato a fare...meno male che poi mi sono indirizzata su altro perché il mio rispetto al tuo sarebbe impallidito! Sempre bravissima!

    RispondiElimina
  31. adoro betty boop i cartoni animati che belli i cartoni di una volta in bianco e nero e questo birramisù non me lo faccio perdere bellissimo complimenti

    RispondiElimina
  32. Guarda che non è da tutti prendere e dire facciamo il tiramisu alla birra! Guarda che solo tu potevi pensare al detagglio della giarretierra!
    Mapi devi esserene fiera di questo tuo tiramissu, é stupendoooooo!

    RispondiElimina

Nella Apple Pie c'è posto per tutti, tranne i maleducati. :-)