venerdì 18 maggio 2012

CAPESANTE CON SALSA DI PANNA AI FIORI DI ERBA CIPOLLINA


Grazie dei fiori, questo è il titolo dell'attuale progetto delle (St)renne, che si propone di esplorare un ingrediente delicato e aromatico.

Naturalmente per utilizzare i fiori commestibili bisogna seguire qualche piccolo accorgimento. Le persone che soffrono di allergia ai pollini farebbero meglio a consultare
il medico prima di consumare pietanze con i fiori e naturalmente bisogna accertarsi quali siano i fiori commestibili. Qui, qui e qui ad esempio potrete trovare informazioni utili al riguardo.
E' ovvio e quasi superfluo raccomandare di usare fiori biologici, rigorosamente non trattati con pesticidi. No quindi ai fiori appena acquistati o provenienti dai mazzi dei fioristi, ad esempio. L’ideale naturalmente sarebbe avere un giardino dove coltivare i nostri fiori, ma anche chi come me vive in città può organizzarsi con i vasi in balcone. Acquistare le piante desiderate almeno 2 mesi prima di utilizzarne i fiori, in modo da essere certi che i boccioli non siano stati trattati con sostanze tossiche.
Vi sono anche dei produttori di fiori biologici per uso alimentare che forniscono abitualmente i ristoranti e a cui ci si può rivolgere in tutta sicurezza: una ricerca su internet ci darà il nome di quello più vicino a casa propria.
Il momento migliore per raccogliere i fiori è la mattina oppure la sera, quando il loro contenuto idrico è più alto. I fiori vanno usati quando sono al picco della fioritura e il loro profumo è al meglio. La parte commestibile è costituita dai petali (unica eccezione: lo zafferano).
Prima di utilizzarli, i fiori vanno sciacquati delicatamente in acqua salata, quindi immersi per 1 minuto in una ciotola con acqua e ghiaccio, e stesi su un tovagliolo di carta bianco. Eliminare la parte bianca finale dei petali, che spesso ha un sapore amaro.
Vi ricordo che la prossima settimana ci passeremo ancora il testimone con le altre (st)renne, (lunedì Menù Turistico, martedì Assaggi di Viaggio, mercoledì Cardamomo & Co., giovedì Cuocicucidici e venerdì io) mentre dal 28 maggio potremo tutti gustare le preparazioni fiorite delle Strennine, vincitrici della tornata di marzo del contest di Stefania: Roberta di La valigia sul letto, Patty di Andante con Gusto, Eleonora di Burro e miele, Roberta di Le chat egoiste e Mai del colore della curcuma.  

Questa ricetta mi ha riportata indietro agli anni ’80, quando si metteva la panna dappertutto; mi ha ricordato inoltre la Clam Chowder americana, una zuppa a base di capesante e panna, a dimostrazione del fatto che non è detto che pesce e latticini non vadano d’accordo. E’ semplicissima, deliziosa e di grande effetto.


CAPESANTE CON SALSA DI PANNA AI FIORI DI ERBA CIPOLLINA
 (Da: L. Cagnoni, M. Ceriani, S. Rugiati – I Fiori – Monografie del gusto)

Per 4 persone:

20 grosse capesante
2 patate
Fiori di erba cipollina
500 ml panna fresca
60 g burro
1 rametto di timo
½ spicchio d’aglio
Sale
Pepe


Versare la panna in una casseruola, unire il timo e l’aglio, mettere sul fuoco e ridurre della metà, facendo attenzione a non farla sobbollire.
Filtrare, regolare di sale e pepe e tenere in caldo.

Lessare le patate con la buccia in abbondane acqua salata, scolarle, lasciarle intiepidire, quindi pelarle e tagliarle a fette spesse circa 1 cm.

Pulire e sgusciare le capesante lavandole molto bene per eliminare l’eventuale sabbia. Eliminare il corallo e la parte dura del piede.
Scaldare il burro in un tegame e cuocere le capesante per 2 minuti, girarle, cuocerle un altro minuto. Salare i molluschi e adagiarli sulle fette di patate ancora calde.
Sistemare nei piatti, colare la salsa al timo e cospargere di fiori di erba cipollina.


12 commenti:

  1. un piatto davvero poetico e delicato. mi piace molto

    RispondiElimina
  2. Parto con la riflessione mattutina: Chissà perchè tutte queste resistenze a mangiare i fiori. Del resto, non mangiamo le erbe? E poi mi pare che le raccomandazioni siano le stesse un pò per tutto: fate attenzione a ciò che mettete in bocca! Nonostanzte ciò, i fiori commestibili sono ancora un tabù, o una "sciccheria" (a seconda dell'occhio che giudica)
    E tu sei la dimostrazione palese di come sia semplice e gustoso realizzare piatti da veri gourmet!

    P.s. la mia erba cipollina non fa nemmeno l'erba. com'è che la tua fa pure i fiori? Non mi dire che hai pure il pollice verde che manca tanto a me!

    Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con te Stefania: mangiamo le erbe, perché non anche i fiori, una volta che sappiamo quali sono commestibili e quali no? Ad esempio di pomodori e patate le foglie sono tossiche, mentre i frutti li mangiamo tutti senza problemi...

      Per quanto riguarda il pollice verde, ti assicuro che con me resistono solo le piante veramente rustiche, le altre muoiono tutte. Se l'erba cipollina fa l'erba, vedrai che ti farà anche i fiori! ;-)

      Un bacione.

      Elimina
  3. A proposito di fiori commestibili, ho una dubbio/domanda da farti: mi hanno regalato fiori commestibili secchi. Che devo fare per usarli ? Breve resurrezione in acqua calda ?
    Grazie e carissimi saluti
    Maria Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria Chiara, che piacere sentirti!!! :-D

      I fiori secchi si usano, a seconda delle ricette, ammollandoli nello stesso liquido che si userà nella ricetta, per non perderne la fragranza. Latte o panna caldi quindi per budini, creme e panne cotte, o acqua e zucchero se vuoi fare un profumato sciroppo.

      Un abbraccio!

      Elimina
  4. che meraviglia!!!!! mi piace tantissimo questa ricetta, semplice, raffinata, perfetta! e che presentazione, brava mapi :)))
    la mia erba cipollina finora ha fatto un -dicasi un- solo fiore... :(((

    ps: la clam chowder è con le vongole, con le capesante non l'ho mai vista...

    RispondiElimina
  5. Mi sono svegliato col piede sbagliato, ma tu mi riconcili col mondo!

    RispondiElimina
  6. ma chi sei?!?!?!? ma è una ricetta fantastica questa!!!!!!!
    i colori, la foto, i sapori che immagino, così chic... bella bella bella. sono senza parole.
    smaaack

    RispondiElimina
  7. Accidenti che piatto raffinato! vorrei provare!

    RispondiElimina
  8. Mapiiiiiiii!!! Ma questa è una vera figata :)!!! Grandiosa!!! E anche le foto sono bellissime :)!Un bacione

    RispondiElimina
  9. Con questa salsa ci potrei condire qualsiasi cosa!!!!
    I tuoi abbinamenti salati con i fiori mi fanno perdere la testa, lo sai vero?!!
    Riesco a immaginare quanto sono morbide queste capesante...mmmmm...

    besos!

    RispondiElimina
  10. queste capesante sono una favola, bellissime e immagino la bontà!

    buffo: oggi ho fatto i budini per l'MTC e visto che mi è fiorita l'erba cipollina che avevo sul davanzale, ci ho messo i fiori che erano così bellini...
    non sapevo di averti inconsapevolmente copiato!

    RispondiElimina

Nella Apple Pie c'è posto per tutti, tranne i maleducati. :-)