sabato 8 marzo 2014

Petto d'anatra arrosto con salsa ai lamponi, per Unlamponelcuore


Tutto è nato dal commovente post di Anna Maria, che per introdurre una ricetta ha parlato della drammatica storia delle donne di Bratunac, in Bosnia Erzegovina, e del loro faticoso tentativo di tornare alla vita e a una vita dignitosa, dopo che si sono viste portare via e uccidere barbaramente padri, fratelli, mariti e figli maschi - perfino i neonati - e dopo 10 anni di deportazione, il tutto circondato dall'assordante silenzio della vicinissima Europa e dell'ONU, così pronto a intervenire per difendere i diritti umani in Paesi ricchi di petrolio o altri giacimenti importanti per l'economia mondiale.

Ogni anno l'8 marzo trascorre tra retorica stantia, mimose, cene tra donne e spogliarelli con gli emuli dei California Dream Men; qualcuno ci fa ancora gli auguri per il fatto di essere donne (!), cosa che personalmente accetto con un sorriso di plastica sul viso e buona grazia, ma che privatamente ritengo quanto meno surreali; la società dei consumi ci guadagna due soldini, poi tutto riprende come prima.

Quest'anno insieme a un gruppo di food blogger vorrei cogliere l'occasione di questa "festa" ormai datata per parlare di un'iniziativa reale a favore di donne che sono state private di tutto dalla follia di un regime: casa, famiglia, dignità.


Con questa iniziativa, i food blogger che aderiscono a "unlamponelcuore" intendono far conoscere il progetto "lamponi di pace" ella Cooperativa Agricola Insieme (http://coop-insieme.com/), nata nel giugno del 2003 per favorire il ritorno a casa delle donne di Bratunac, dopo la deportazione successiva al massacro di Srebrenica, nel quale le truppe di Radko Mladic uccisero tutti i loro mariti e i loro figli maschi. Per aiutare e sostenere il rientro nelle loro terre devastate dalla guerra civile, dopo circa dieci anni di permanenza nei campi profughi, è nato questo progetto, mirato a riattivare un sistema di microeconomia basato sul recupero dell'antica coltura dei lamponi e sull'organizzazione delle famiglie in piccole cooperative, al fine di ricostruire la trama di un tessuto sociale fondato sull'aiuto reciproco, sul mutuo sostegno e sulla collaborazione di tutti. A distanza di oltre dieci anni dall'inaugurazione del progetto, il sogno di questa cooperativa è diventato una realtà viva e vitale, capace di vita autonoma e simbolo concreto della trasformazione della parola "ritorno" nella scelta del "restare".


PETTO D'ANATRA ARROSTO CON SALSA AI LAMPONI



Per 2 persone:

2 mezzi petti d’anatra da circa 150-180 g l’uno
Sale
Pepe di mulinello

Per la salsa:
300 g lamponi
450 ml brodo di pollo
150 ml succo d’arancia di Ribera appena spremuto
90 ml di vino bianco secco
50 g burro
50 g scalogno
30 ml di aceto di lamponi
30 ml di vino Fragolino (in mancanza, vino bianco secco)
1 cucchiaio di zucchero
Sale
Pepe di mulinello


Preparare la salsa ai lamponi: in una pentola dalla capienza adeguata (20 cm di diametro) far fondere 30 g di burro e farlo raffreddare. Nel frattempo mondare lo scalogno e tritarlo finemente, metterlo nella pentola. Porre la pentola sul fornello più piccolo, accendere il fuoco e metterlo al minimo e far sudare lo scalogno per circa 5-8 minuti. Unirvi il vino, il succo di arancia filtrato e l’aceto di lamponi e portare a ebollizione, mescolando. Aggiungere a questo punto il brodo di pollo caldo e i lamponi (tenerne da parte qualcuno per decorare i piatti), passare la pentola sul fornello medio tenendo la fiamma al minimo e far cuocere la salsa finché non si sarà ridotta della metà, mescolando ogni tanto: ci vorranno 45 minuti circa (a meno di non usare un tegame più largo, che favorisca l’evaporazione dei liquidi).
Frullare la salsa con il frullatore a immersione, poi filtrarla attraverso un colino per eliminare i semini dei lamponi, che sono fastidiosi sotto i denti. Rimettere la salsa nella pentola, aggiungervi il fragolino e lo zucchero, regolare di sale e pepe e farla restringere ancora: bisognerà ottenerne 250-300 ml. A fine cottura unirvi 20 g di burro, mescolare accuratamente per scioglierlo e tenere in caldo.

Arrostire i petti d’anatra: preriscaldare il forno a  200 °C in modalità statica.
Pareggiare i petti d'anatra eliminando il grasso in eccesso, praticare dei piccoli tagli sulla pelle avendo cura di non arrivare alla carne (questa operazione serve per permettere al grasso dell'anatra di sciogliersi e cuocere la carne senza ulteriori aggiunte di grassi), poi massaggiare i petti con sale e pepe.
Scaldare una padella pesante che vada anche in forno su fiamma alta, mettervi i petti di anatra dal lato della pelle, ridurre la fiamma e cuocere per 5 minuti circa, finché sarà dorata. Girare i petti e farli grigliare per altri 2-3 minuti, poi trasferire la padella nel forno e proseguire la cottura per altri 5 minuti o più, fino a quando non è cotta al punto desiderato (l'anatra deve rimanere sempre un po' al sangue).

Nappare i piatti con la salsa, disporvi sopra i petti d'anatra tagliati a fettine e guarnire con i lamponi tenuti da parte.


8 commenti:

  1. Oggi vorrei pranzare con la tua ricetta, talmente bella da farmi venire fame nonostante il raffreddore violento. Buon Lampone di pace cara Mapi. Un abbraccio fortissimo. Pat

    RispondiElimina
  2. ma tu lo sai che sei il mio riferimento nr. 1 per i piatti di carne??? ma guarda qui che roba stratosferica!!!
    grazie per il tuo post, di cui sottoscrivo ogni parola, è bello partecipare tutte insieme!
    un abbraccio (più forte di quello di patty!) ;)

    RispondiElimina
  3. Patty che io ti lovvo, ti adoro e ti ammiro lo sai, vero??
    Adoro il petto d'anatra, penso che dopo l'agnello sia la mia carne preferita! E trovo che l'accostamento con i lamponi sia assolutamente perfetto!!
    Un abbraccio forte forte a te e ad ogni Donna!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio ho scritto Patty e volevo scrivere Mapi!!! :O :O :O
      Perdonamiiiiiiiiiii!!!! :(((((

      Elimina
  4. Adoro l'anatra ma non ho mai provato a cucinarla...con questa salsa è davvero molto molto attraente!! Buona domenica..

    RispondiElimina
  5. Speriamo che i nostri contributi possano essere un piccolo aiuto!
    Ciao
    Elisa

    RispondiElimina
  6. Il tuo petto d'anatra lo presenterei come secondo dopo i miei ravioli!!!

    RispondiElimina
  7. originalissima , complimenti! siamo una squadra fortissimi ( come cantava qualcuno!) :)

    RispondiElimina

Nella Apple Pie c'è posto per tutti, tranne i maleducati. :-)