venerdì 24 giugno 2011

Brownie cioccolato, cocco e cranberry


Confesso che i frutti rossi stanno cominciando a mettermi ansia. ^_^
Quando tra le varie proposte che ci siamo fatti è saltata fuori la cucina alla frutta, ero in visibilio; poi la cosa si è ristretta ai frutti rossi e lì sono cominciati i dolori, perché tutte le ricette un minimo decenti che trovavo richiedevano l'uso di qualche ingrediente che, benché non introvabile di per se', io personalmente faccio fatica a reperire.
Come la Crème de cassis, per esempio.
Parrebbe facile trovarla, la Crème de cassis: vai in un ipermercato ben fornito, ti rechi al reparto superalcolici ed è fatta, no? No.
Ora, va bene che si tratta di un liquore al ribes nero e io invece rivolgendomi al commesso che in quel momento stava ricaricando lo scaffale ho parlato di liquore di mirtilli, ma tutto mi aspettavo tranne la risposta "al mirtillo abbiamo solo lo Zedda Piras". "Ma quello è mirto, non mirtillo: sono due cose diverse!", ho replicato. Il commesso mi ha guardata con aria dubbiosa e ha ribadito il concetto che il peraltro squisito mirto di Sardegna (e lo Zedda Piras, mi sia consentito dirlo, non è certo il migliore della produzione regionale!) fosse l'equivalente della Crème de cassis.

Scoraggiata, ho eliminato (ma solo temporaneamente) la ricetta che avevo in mente e mi sono rivolta all'unico che potesse davvero aiutarmi in quel frangente: mio marito. Marito immaginario e per giunta gay, d'accordo, ma bisogna sapersi accontentare e per giunta in quel momento non ero certo nella posizione di chi può dettare condizioni.

Non mi è andata male per la verità, tutt'altro: questo dolce è da svenimento tanto è buono, anzi la prima cosa che mi è venuta in mente quando l'ho assaggiato è stata: "questo è porno food!!!".

Quindi se avete più di 18 anni vi è consentito prepararlo e assaggiarlo, ma se ne avete di meno chiedete almeno prima il permesso ai genitori!!!! ^_^
E adesso gustatevi insieme a me questo godurioso dolce, in attesa dell'appuntamento di lunedì da Ale e Dani.

BROWNIE COCCO E CRANBERRY
(Da Paul A. Young - Avventure al cioccolato - De Agostini)

Veramente il titolo della ricetta era Brownie cocco e ciliegie; solamente, io avevo dei cranberries essiccati in dispensa che volevo sottrarre alla voracità delle farfalline, così ho pensato bene di utilizzare quelli. Se però volete seguire la ricetta originale, sappiate che Paul A. consiglia le ciliegie Bing essiccate, una qualità di ciliegie statunitensi molto grosse; possono tuttavia essere utilizzati tutti i tipi di ciliegie essiccate, tranne le Glacé che sono troppo dolci.

Per 12-16 Brownies

275 g cioccolato fondente al 70%
250 g zucchero di canna semolato
100 g cranberries essiccati (o ciliegie Bing essiccate ^_^)
100 g burro salato
4 uova medie
70 g farina 00 (va bene anche quella di riso, per gli amici celiaci) o farina di farro
 50 g noce di cocco essiccata


Preriscaldare il forno a 160 °C in modalità statica (per il mio forno è troppo poco, la prossima volta lo regolerò a 170 °C).
Foderare di carta forno una teglia rettangolare di cm 20 x 15 x 2,5 (o quella le cui dimensioni più si avvicinano).
Spezzettare il cioccolato.

Far sciogliere in una casseruola di capacità adeguata il burro a dadini, lo zucchero e il golden syrup fino a ottenere un composto omogeneo (io ho preferito lavorare a bagnomaria in una bastardella).
Togliere dal fuoco e aggiungere il cioccolato, mescolando con cura finché si è sciolto.
Sbattere le uova e aggiungerle al composto, amalgamandole con cura.
Aggiungere infine la farina e il cocco e amalgamarle bene.

Versare il composto nella tortiera precedentemente preparata, livellare bene la superficie e cospargerla uniformemente con i cranberry essiccati.
Infornare per 20 minuti circa (nel mio forno ci è voluto un po' più tempo, la prossima volta lo metterò a 170 °C), sfornare e far raffreddare, poi mettere il dolce in frigo per una notte. 
Il giorno dopo sformare il dolce, togliere la carta forno e pareggiare i bordi, che sono sempre più secchi. Inumidire la lama di un coltello e suddividere il dolce in 12-16 quadratini. Servire a temperatura ambiente, o ben caldo.

I Brownies si conservano per 4 giorni in frigorifero, dentro a un contenitore a chiusura ermetica. Vi garantisco però che a 4 giorni non ci arrivano! ^_^


Con questa ricetta partecipo al contest di Sara "Tu vuò fa' l'americano".

Con questa ricetta partecipo al contest di Vaniglia e Cannella "J'adore le chocolat"

15 commenti:

  1. Di primo mattino mi sento male a vedere queste leccornie...solo perchè non posso averle tra i denti...che meraviglia!!! buon we, ciao.

    RispondiElimina
  2. Porno food, marito gay...ma dove sono capitato!! :D ahahahahahahahaha
    Scherzi a parte...e meno male che non sapevi cosa fare...io mi sarei messo a piangere con un 'compito' del genere ed invece tu trovi una soluzione golosa e di certo effetto soprattutto su di me che stravedo per i dolci! :)))))

    RispondiElimina
  3. Effettivamente un post davvero osè!!!

    RispondiElimina
  4. Bene bene...food porn...marito immaginario e gay...e il brownie è la ciliegina, ops, il cranberry su tutto!!!! :-))))

    RispondiElimina
  5. Mapi, sei la degna moglio di quell'uomo, ti assicuro, gay o meno che sia:-D
    Anche io rimango basito dinanzi all'ignoranza evidente di chi non conosce nemmeno le cose del suo lavoro. Vedo che si tratta di una cosa diffusa, ahimé.
    Fabio

    RispondiElimina
  6. Ma che buoni questi brownies...devono proprio mandare in estasi...da provare subito allora! ;-) Mi piace il tuo blog, lo scopro per caso solo adesso...ma mi aggiungo subito ai tuoi sostenitori per non perderti più di vista!

    RispondiElimina
  7. Mapi....mi presti tuo marito.?
    ..Anzi no, guarda decisamente una complicazione un marito, mi basta scrivere le tue ricette nel mio bel quadernetto...fatto !
    Il mirtillo zedda piras é il massimo della vita, secondo me gli hai dato un'idea a quelli della zedda piras....:DD

    RispondiElimina
  8. Questi dolcetti sono golosissimi...

    RispondiElimina
  9. Max, non ti dico come mi sono sentita io assaggiando solo i bordi rifilati!!! :-9 Grazie mille!

    Mario, sei capitato davvero in un postaccio! ^_^ Pensa che io mi sarei messa a piangere quando ho saputo che mio "marito" era gay: questa in confronto è una passeggiata (e il porno food è altamente consolatorio ^_^).

    Stefanie (la (st)renna e l'Araba), se il post è osé, ti lascio immaginare il dolce! ;-)

    Lecherhotel grazie, e sono facilissimi da fare!

    Fabio, se me lo dici tu lo sposo lo stesso... chi me lo presenta, please? :-) Quanto alla Crème de cassis, sono andata in enoteca e me ne sono procurata una bottiglia giusto ieri. :-)))

    Claudia Grazie! :-)

    Simonetta ma che dici, te lo presto quando vuoi mio marito: per le amiche questo e altro! :-D

    Memole grazie. Golosissimi e semplicissimi! ;-)

    RispondiElimina
  10. Ma guarda dove sono andata a finire...ahahah...uno splendore di brownie!! A presto!

    RispondiElimina
  11. Dei dolcetti superlativi.
    Buona serata

    RispondiElimina
  12. Ringraziamo tuo marito per il porno...ops..pronto intervento e te per averci fatto conoscere questa ricetta che va assolutamente provata (soprattutto considerando che anche io ho i cranberries essiccati in dispensa che aspettano pazientemente di sapere quale sarà la loro fine) :-D
    Nel frattempo gioisco di avere (un po') più di 18 anni :-DDD
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  13. Da svenimento questi brownies! E anche tutto il tuo blog mi piace molto :)

    RispondiElimina
  14. Grazie per aver inviato queste delizie per partecipare al contest!
    ciao e buon WE

    RispondiElimina

Nella Apple Pie c'è posto per tutti, tranne i maleducati. :-)