venerdì 14 gennaio 2011

Gli avanzi delle (st)renne: Risotto ai carciofi, funghi e cotechino e Piccoli flan di cavolfiore e cotechino



Come hanno già detto le altre (st)renne prima di me, siamo tornate: abbiamo infatti realizzato insieme un bel cesto di (st)renne ma adesso, trascorse le feste, ci sono rimasti in frigorifero un sacco di avanzi: che farne? Riciclarli in ricettuzze tristanzuole? Impossibile: già riprendere il lavoro e le normali attività è faticoso, non trasciniamo questa fatica anche a tavola.
Il motore delle (st)renne come al solito è Alessandra di Menù Turistico e la sequenza è la stessa del cesto: lunedì su Menù Turistico dove Alessandra e Daniela ci deliziano con creazioni straordinarie, martedì Anna Luisa e Fabio di Assaggidiviaggio ci stupiscono con gli effetti speciali che solo la Montersinite acuta regala; mercoledì l'eclettica Stefania di Cardamomo & Co. ci presenta delle meravigliose interpretazioni in chiave siciliana degli avanzi delle feste, mentre giovedì la vulcanica Eli/Fla di Cuocicucidici ci regala delle ricette così estrose che vien voglia di comperare i cibi delle feste solo per avere gli avanzi da cucinare. Io chiudo la settimana lavorativa il venerdì, il che vi lascia l'intero fine settimana per sperimentare le nostre ricette. :-D

Per reinterpretare gli avanzi mi sono rifatta a un libro che per me è preziosissimo: Il gourmet degli avanzi di Allan Bay e Fabiano Guatteri, Edizioni Touring.
I pregi di questa pubblicazione sono tanti. Innanzi tutto propone modi mai scontati di riutilizzare i nostri avanzi, ricavandone dei piatti di tutto rispetto; in secondo luogo dosa gli avanzi a porzioni. Difficilmente dà il peso esatto dell'ingrediente principale, parla piuttosto del numero di porzioni avanzate, dandoci una certa elasticità.
A me sono piaciute moltissimo le ricette che ho sperimentato da questo libro e oggi ve ne propongo due: un robusto risotto e dei delicati flan, con il cotechino (o lo zampone) che funge da filo conduttore.

Buon appetito!

RISOTTO AI FUNGHI, CARCIOFI E COTECHINO

Da Il gourmet degli avanzi – A. Bay, F. Guatteri – Ed. Touring

 4 persone – 40 minuti


400 g riso per risotti
2 porzioni di cotechino o di zampone
4 carciofi
25 g funghi secchi
100 ml vino bianco secco
1 cipolla
1 spicchio d'aglio
prezzemolo
40 g grana grattugiato
1 l brodo
olio extravergine di oliva
burro
sale
pepe
succo di 1 limone



Tuffare i funghi in acqua tiepida per 15 minuti circa.
Nel frattempo mondare i carciofi, tagliarli a spicchi e tuffarli in una ciotola d'acqua acidulata con il succo di limone.
Tritare la cipolla e metterla nella pentola dove si cuocerà il risotto insieme ai funghi, allo spicchio d'aglio intero, ai carciofi, all'olio e a una noce di burro. Unire un mestolino di brodo e far cuocere per 15 minuti.
Togliere l'aglio, unire il riso, farlo insaporire e poi sfumarlo con il vino bianco. Non appena questo sarà evaporato aggiungere il brodo caldo un mestolo alla volta e portare a cottura.
Mantecare con una noce di burro e il grana grattugiato, regolare di sale, profumare con una macinata di pepe e del prezzemolo tritato, aggiungere il cotechino tagliato a dadini e servire.


E passiamo adesso alla seconda ricetta, un contorno:



PICCOLI FLAN DI CAVOLFIORE E COTECHINO

Da Il gourmet degli avanzi – A. Bay, F. Guatteri – Touring Editore




 Dose per 6 persone – 50 minuti


1 cavolfiore da 1 kg circa
1-2 porzioni di cotechino
250 g di panna fresca
2 uova e 2 tuorli
40 g burro
sale, pepe e noce moscata
burro e pangrattato per gli stampini


Lavare e mondare il cavolfiore, dividerlo in cimette e lessarle in abbondante acqua salata. Scolarlo, farlo saltare nel burro spumeggiante, farlo raffreddare leggermente e trasferirlo nel mixer. Frullarlo riducendolo in purea, aggiungervi le uova e la panna, regolare di sale e pepe e profumare con una grattatina di noce moscata.
Unire al composto il cotechino spellato tagliato a dadini.
Imburrare 6 stampini individuali da flan e cospargerli di pangrattato. Distribuirvi equamente il composto.
Porre gli stampini in una teglia più grande e riempirla di acqua che arrivi ai 2/3 dell'altezza degli stampini. Far cuocere in forno già scaldato a 180 °C per mezz'ora.
Servire i piccoli flan nel loro stampino oppure sformarli nei piatti individuali, decorandoli con qualche dadino di cotechino saltato in padella senza grassi (il suo grasso è più che sufficiente).



13 commenti:

  1. Leggero leggero 'sto menù :-) ma chissenefrega! (della leggerezza, ovvio, no del tuo menù!)

    RispondiElimina
  2. Che bella idea sopratutto questi flan!
    Purtroppo da noi quando si prepara un cotechino non si fanno prigionieri... non ne avanza neanche una fettina!! :-)

    RispondiElimina
  3. Eh brava....qua la renna più strabiliante sei proprio tu...il risotto lo devo fare assolutamente...il flan...pure Anche!!!! buon weekend, baci, Flavia

    RispondiElimina
  4. e MENO MALE CHE QUELLA ECLETTICA SONO IO!! E comunque hai fatto un ottimo investimento comprando quel libro ... e anche io! ;)
    Baciiiiiiii

    RispondiElimina
  5. Francy è vero, la leggerezza non abita qui... il gusto sì però! ;-)

    Alessandro è vero, in ogni famiglia ci sono cibi che non avanzano proprio e altri che avanzano a kg... :-)

    Fabio grazie! Il merito è tutto del libro, sia chiaro! ;-)

    Fla grazie, mi fai arrossire!

    Stefania certo che sei quella eclettica, che stai a ddì??? :-D

    RispondiElimina
  6. Eccomi, fra una sistemazione e l'altra delle tue foto... com'è che mi è venuta voglia di comprare del cotechino, me lo spieghi???
    ciao
    ale

    RispondiElimina
  7. Mapina te lo devo dire.... sei la strenna piu' golosastra!!!! :-)
    Grandi ricette!
    Buon fine settimana!
    Paola

    RispondiElimina
  8. ma stupendevole questo riciclo! gnaaammm!!!

    RispondiElimina
  9. a me il cotechino non piace ma con queste ricettine potrei riaprire il discorso!!

    RispondiElimina
  10. Cavolo mi hai fatto venire voglia di cotechino! Ora come faccio visto che sono a Parigi? Afferro il primo cochon che mi capita fra le mani e lo gambizzo???

    Mannaggia...

    PS: alla faccia degli avanzi, comunque! Dopo aver preparato questi piatti non esiste alcuna possibilità che avanzi qualcosa :-D

    Un bacione!!!

    RispondiElimina
  11. "...chi in cucina sa riciclare... è sicuro non passerà fame"
    Frase mitica di mia mamma.

    Mary sei bravissima! Il tuo risotto lo mangerei anche a colazione!

    RispondiElimina
  12. Per la cronaca sono corsa a comprare il tuo preziosissimo libro ;-)La ricetta è fantastica...da provare immediatamente :-P
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina

Nella Apple Pie c'è posto per tutti, tranne i maleducati. :-)