martedì 14 dicembre 2010

Anelli al salmone affumicato

- (Dolce Principe) Zia, quando torni a trovarci?
- Mah, non so amore...
- (Pulcetta) Puoi venire domani sera?
- No tesoro, domani sera proprio non posso.
- (Dolce Principe) Ma zia, io voglio che tu torni presto!!!
- Facciamo così: vedo che impegni ho questa settimana, e se ce la faccio vengo una di queste sere.
- (Pulcetta) Ma hai già detto che domani sera non puoi!
- Beh, una settimana ha 7 sere, mica una sola!

Con queste parole mi sono congedata dai miei nipotini ieri sera intorno alle 19.00, dopo essere stata con loro per 4 ore buone. Salgo in macchina infilando un guanto, cerco a tentoni l'altro in borsa mentre avvio il motore, non lo trovo, mi avvio, a ogni semaforo tasto nella borsa (la mia assomiglia al borsone di Mary Poppins) senza trovarlo e mi dico "magnifico, abbiamo perso un guanto". Arrivo a casa e stavolta mi metto a cercare il guanto per bene, inutilmente. Alla perdita del guanto si somma quella del cellulare e qui entro davvero nel panico: come faccio ad affrontare la giornata di domani senza telefonino? Chiamo mia sorella, che non ha trovato nulla. Dopo 10 minuti squilla il telefono: è mio nipote.

-Zia, avevo visto il tuo guanto, il telefono e il foulard per terra vicino alla tua borsa (leggi: li ho estratti dalla tua borsa) e li avevo messi da parte per darteli, ma me ne sono dimenticato...

Così sono saltata in macchina un'altra volta per recuperare i miei preziosi averi, e davanti al musetto innocente dei nipotini ho detto ridendo: "Va bene che volevate che la zia tornasse presto, ma era il caso di farmi tornare così presto?"

Impossibile sgridarli però: per quei due bimbi io ho un debole, i piccoli infami lo sanno e se ne approfittano alla grande... ma il bello di essere zia è anche questo. :-)))








Anelli al salmone affumicato
Da La Cucina Italiana, dicembre 1991


Per 8 persone


Per la pasta:
200 g farina 0 
2 uova 
sale 


Per farcire:
400 g zucchine 
300 g carote
250 g porri 
200 g panna liquida, fresca 
200 g salmone affumicato a fettine g 200 
80 g sedano 
20 g parmigiano grattugiato 
olio d'oliva 
sale 
panna e burro per gratinare


Preparare la pasta con la farina e le uova e farla riposare per mezz'ora sotto a un tegame capovolto, perché non si asciughi.


Nel frattempo tritare insieme il sedano e le carote, tagliare le zucchine a julienne e i porri a rondelle e porre il tutto a stufare in 3 cucchiaiate d'olio, insieme a una presa di sale. Quando tutta la verdura sarà cotta, ma non spappolata, aggiungere la panna e lasciare addensare a fuoco moderato. Togliere dal fornello, insaporire con il parmigiano e lasciar raffreddare.



Tirare la sfoglia in modo da ottenere 6 lasagne sottili. Lessare le lasagne, tuffarle in acqua fredda, poi disporne 3 su un foglio di carta da forno, accavallandole di 1 cm circa in modo da formare un rettangolo. Fare lo stesso con le altre 3 lasagne, disponendole su un secondo foglio di carta forno. Adagiare sulla pasta le fettine di salmone affumicato sul il lato più lungo del rettangolo, spalmare le verdure sull'intero rettangolo lasciando circa 3 cm liberi sul lato opposto a quello delle fettine di salmone, quindi arrotolare ciascun rettangolo dal lato lungo, partendo dal salmone.
Tagliare il rotolo a fette regolari alte circa cm 1,5 - 2.
Disporre gli anelli di pasta e salmone in una larga pirofila imburrata e, al momento di servirli, cospargerli con fiocchetti di burro.
Coprire la pirofila con un foglio d'alluminio e passarla nel forno caldissimo per 5-6 minuti. Sono squisiti.


Con questa ricetta partecipo al contest Controcorrente della Renna in Cucina.

16 commenti:

  1. E ci credo che sono squisiti questi anelli!!!
    Ero partito con il commentare i tuoi nipotini...essendo zio anche io di un nannerottolo teppistello...poi ad esser sincero sono stato rapito dalla ricetta! eheheheheh
    Mi sa che devo colmare quanto prima la lacuna della pasta fatta in casa, vero?! :P
    PS
    Fossi in te sarei contenta che non ti hanno chiesto il riscatto per il foulard, il guanto ed il cell!! :PPP ahahahahahaah

    RispondiElimina
  2. Ciao Mapi, riesco ad entrare nuovamente oggi nel tuo blog dopo essere stata bloccata d aproblemi di visualizzazione della pagina .. il mio computer è sfigato!
    :/
    Che cuccioli i tuoi nipotini, ti hanno fatto proprio un bello scherzetto innocente, anch'io amo le mie zie!!
    :)
    Senti però amo anche questi anelli con il ripeino verduroso e ricco grazie al salmone ... sono dvavero sfiziosi e credo che sulla tavola delle feste farebbero un figurone!
    Baci e buona giornata

    RispondiElimina
  3. Ecco l'idea per i miei lumaconi della Cocco! Brava!

    RispondiElimina
  4. Una sola parola:

    M I T I C A!!!

    RispondiElimina
  5. Ingegnosi i nipotini!!! ;)
    Ma la pasta la si può preparare prima senza cuocerla però e poi metterli al forno l'indomani????

    RispondiElimina
  6. che bella ricetta! e questi nipotini sono adorabilissimissimi!! spero solo che la distanza tra casa tua e quella di tua sorella non sia troppo grande...
    un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Mario, tra zii ci si capisce, vero? :-D
    Il riscatto me lo chiederanno tra qualche anno, per fortuna ancora non ci sono arrivati! Per la pasta in casa direi che non è indispensabile: basta prendere le lasagne fresche e sovrapporne due grandi anziché tre... e puoi risparmiarti la fatica!

    Meggy carissima, ne so qualcosa di PC sfigati... il mio è defunto sabato e sono dovuta correre a comperarne un altro! :-(

    Dona, in effetti è un'idea anche per i lumaconi ripieni... Buonissima la pasta del Cav. Cocco, io la adoro!

    Nora ma figurati, è una ricettina semplice ma di effetto...

    Stefania se non vuoi precuocere le lasagne immergile semplicemente in acqua fredda per 2-3 minuti, in modo da ammorbidirle. Fatto questo puoi tranquillamente farcire, arrotolare e passare in forno a gratinare senza problemi.

    Cristina grazie! Casa di mia sorella per fortuna non è distante da casa mia, è più la seccatura che altro, ma i bimbi sono così adorabili!!! :-D

    RispondiElimina
  8. ...bello essere zii..tutti vantaggin e nessun momento educativo. Mapi, sono senza collegamento internet in casa, adesso sono in un bar wi.fi (una tragedia) e ormai non faccio piú nulla dato che rientro in Italia per le vacanze, ma ti volevo dire che mi sono goduta tutte le ricette......una per una...Un abbraccio, Simonetta

    RispondiElimina
  9. ahahahaha!!!! e bravi sti nipotini!!! :))

    e anche tu, questi anelli sono buonissimi

    RispondiElimina
  10. Ciao Pulcetta :-)
    Grazie della ricetta e in bocca al.. salmone!

    RispondiElimina
  11. Il bello di essere zia è anche questo...ma perchè il bello di essere giudichessa di un contest non è poter asssaggiare tutti in piatti presentati???

    RispondiElimina
  12. Ti vogliono proprio bene i tuoi nipotini....che dolci!!!!
    Complimenti per la ricetta, davvero deliziosa!!!

    RispondiElimina
  13. Piu' ti conosco,piu' mi convingo che sei una bella persona;bella ricetta,favolosa.Lisa

    RispondiElimina
  14. Mmmmh questi anelli sono da provare assolutamente... (ma come si fa a resistere??)

    E tuo nipote è già un piccolo adorabile delinquentello ;-)

    RispondiElimina
  15. Simonetta, ti capisco: il mio PC di casa, dopo un anno di lenta agonia, è spirato sabato pomeriggio. Mi fa piacere che le ricette ti siano piaciute, mi dispiace solo che la maggior parte non sia gluten-free. :-(

    Eleonora, grazie. :-D I nipotini sono uno spettacolo! :-(

    Alessandro, crepi il salmone e W la Renna!!! :D

    Flavia, te ne mando una teglia? ;-)

    Laura, hai detto bene: è stato amore reciproco a prima vista. Io sono il loro giocattolo preferito e loro, beh... loro sono i miei amori!!!

    Lisa, grazie davvero, sei deliziosa. :-)

    Muscaria, hai detto bene: è un adorabile delinquentello... e lo sa. Oh, se lo sa!!! :-D

    RispondiElimina
  16. Ottima idea per la cena della vigilia...

    RispondiElimina

Nella Apple Pie c'è posto per tutti, tranne i maleducati. :-)