mercoledì 30 gennaio 2013

Sally Lunn Bread senza impasto, a chiusura dello Starbooks di gennaio


E' giunto il momento di tirare le somme per il ricettario non ufficiale di Downton Abbey, oggetto dello Starbooks di gennaio.

Per quanto mi riguarda il verdetto è molto positivo: ho trovato delle dimenticanze qui e
là, ma nel complesso è un ottimo libro e ne consiglio l'acquisto a chiunque sia abbastanza curioso e anticonvenzionale da non ritenere che la cucina inglese sia indegna di tale nome.
A me personalmente basta pensare alla prima colazione inglese per andare in sollucchero: amo alla follia le uova strapazzate a colazione, benché le preferisca accompagnate dalla salsiccia piuttosto che dalla pancetta, e praticamente tutte le ricette di questo splendido libro hanno attirato la mia attenzione e mi hanno fatto venire una gran voglia di provarle. La sua autrice va senz'altro tenuta d'occhio: ha in se' quel pizzico di follia che le fa sperimentare le ricette più strane (e non mi riferisco a questo libro, ma al suo precedente "The Hunger Games Unofficial Cookbook", per scrivere il quale si è procurata ogni sorta di bestiolina selvatica, comprese le manguste) e bravura a sufficienza da poter scrivere questo splendido libro di ricette ispirandosi alla serie di Downton Abbey.



Oggi ho messo alla prova Miss Ansara Baines con un lievitato: è sui lievitati che sono cadute alcune autrici di libri presi in considerazione dallo Starbooks, e questo è quindi diventato un banco di prova significativo.
La prova è stata brillantemente superata da un Sally Lunn Bread senza impasto, dove le giuste proporzioni tra farina, lievito di birra e liquidi hanno dato un pan brioche che mi è piaciuto assai.

Prima di vederlo nel dettaglio, passiamo però in rassegna quello che hanno fatto le altre Starbookers e vediamo se anche per loro il bilancio è positivo:


Roberta - Le Chat Egoiste: Sweet Cream Scones
Emanuela - Arricciaspiccia: Cream of Asparagus Soup
Stefania - Araba Felice in cucina: Mrs.Patmore's Rosemary Oat Crackers
Patrizia - Andante con gusto: Anna Bates's Chocolate Crumpets
Cristina - Vissi d'arte e di cucina: Baked Cod with Parmesan Bread Crumbs


Mrs Patmore’s No-Knead Sally Lunn Bread with Warm 

Honey Butter
(Da: Emily Ansara Baines – The Unofficial Downton Abbey Cookbook – Adams Media)


Mrs Patmore potrebbe preparare rapidamente e facilmente questo pan brioche, da servire durante il tè o il pranzo. Richiede meno lavoro della maggior parte dei pani, ma è ugualmente delizioso, specialmente se servito con il burro al miele tiepido! Questo pane sarebbe un successone non solo con gli aristocratici di Downton Abbey, ma anche con la servitù indaffarata (se avesse la fortuna di accaparrarsene un pezzetto).


Per 1 pagnotta, o 10-12 porzioni.


Per il pane :

1 bustina di lievito di birra secco (io: 9 g di lievito di birra fresco)
½ tazza (125 ml) di acqua tiepida (max 30 °C)
1 tazza (250 ml) di latte intero tiepido (max 30 °C)
¾ di tazza (180 g) di burro morbido
½ tazza (125 g) di zucchero semolato
2 cucchiaini (10 g) di sale fino
3 uova medie a temperatura ambiente
1 cucchiaino di succo di limone
5 ½ tazze (700 g) di farina 00


Per il burro al miele :
½ tazza (125 g) di burro morbido, a temperatura ambiente
¼ di tazza (60 g) di miele leggermente riscaldato
½ cucchiaino di zucchero
1 cucchiaino di sale marino


Sciogliere il lievito nell’acqua tiepida, in una ciotola capiente. Aggiungere il latte, il burro, lo zucchero, le uova e il sale. Se il burro non è completamente sciolto, non ha importanza. Unire il succo di limone mescolando con una frusta, poi aggiungere la farina lentamente e mescolare con la frusta fino a ottenere un impasto perfettamente liscio. Se l’impasto dovesse risultare troppo appiccicoso, aggiungere fino a 125 g di farina.

Imburrare bene un’altra ciotola di adeguata capienza e versarvi l’impasto senza lavorarlo ulteriormente, rivoltarlo in modo che sia completamente unto, coprire la ciotola con un canovaccio pulito e umido e mettere a lievitare in un luogo tiepido, al riparo da correnti d’aria, per un’ora e mezza.

Sgonfiare l’impasto con un pugno, poi versarlo in uno stampo per pane di 30
cm imburrato e leggermente infarinato. Coprire e far lievitare fino al raddoppio, per circa un’ora.

Preriscaldare il forno a 190 °C in modalità statica, posizionare lo stampo
a metà altezza e farlo cuocere per 30-35 minuti o finché non sia diventato ben dorato e uno stuzzicadenti inserito al centro ne esca pulito.
Sformare il pane e farlo raffreddare su una gratella.

Preparare il miele: mescolare in una ciotola tutti gli ingredienti e lavorarli fino a ottenere un composto uniforme. Passarlo in frigo fino a quando raggiunge una consistenza spalmabile, oppure fino a quando non ce n’è bisogno.

Spalmare sulle fette del pan brioche.


I bei tempi andati
L’origine di questo pane è molto controversa; secondo alcuni la ricetta di questo pan brioche fu portata a Bath nel diciassettesimo secolo da un’immigrata francese, e che una Signora Sally Lunn si mise a vendere i suoi Sally Lunn Buns per fare soldi. Secondo altri il nome deriva dal francese Soleil et Lune, sole e luna, a causa della forma e del colore della forma tradizionale: il sole si riferirebbe alla cupola dorata e la luna alla candida mollica. Sia come sia, chiunque si fosse recato in vacanza a Bath in epoca Edoardiana avrebbe conosciuto benissimo questo pan brioche.

Note della Apple Pie
La ricetta dice di sciogliere il lievito di birra nei liquidi e di mischiarvi immediatamente dopo gli altri ingredienti. Io ho preferito attendere una mezz’oretta prima di aggiungere gli altri ingredienti al composto acqua-lievito, per aumentarne il potere lievitante.

Lo stampo indicato nella ricetta è il classico stampo da pan carré o in mancanza da plum cake. Io ho preferito attenermi alla forma tradizionale di questo pan brioche e ho quindi usato uno stampo da panettone da 1 kg. In realtà il vero Sally Lunn Bun richiederebbe 2 stampi da panettone basso: spero che mi perdonerete. J
 


18 commenti:

  1. Il pane mi sembra perfetto, ma io sono rimasta assolutamente incantata da quei ciuffetti di burro al miele! :)

    RispondiElimina
  2. Direi prova superata anche qui!
    Sembra ottimo, e il burro al miele imperdibile :-)

    RispondiElimina
  3. Se il lievitato mi fa un po' paura, il burro al miele mi stuzzica da matti... E quindi adesso non mi resta che fare un bel collage delle ricette di questo libro, perfino tradotte sapientemente da tutte voi!

    RispondiElimina
  4. Questo pane me lo immagino tra le mani di una gentildama inglese alle 5 pomeridiane con sopra il burro al miele e l'immancabile te'.......poi se aggiungiamo come sfondo le ambientazioni di downton Abbey ..... Il sogno prosegue all'infinito
    A presto Ila

    RispondiElimina
  5. il pane è spettacolare, ma quei ciuffetti sono da bava alla bocca... e insieme che saranno mai???

    RispondiElimina
  6. mamma il burro al miele..... e il pan brioche.... svenuta!

    RispondiElimina
  7. velocissimo e poi il burro al miele, che idea!!!

    RispondiElimina
  8. Su quei deliziosi ciuffettini di burro al miele potrei anche svenire! Devo provarlo assolutamente! Bellissimo anche il pan brioche!

    RispondiElimina
  9. perdonami Mapi ma..son qui che sto ridendo all'idea di vederti prendere a pugni l'impasto :D
    lo so che dici di sgonfiarlo con un pugno ma continua a venirmi in mente quest'immagine :D
    non mandarmi a quel paese, ok? :)
    baciotti!!!

    RispondiElimina
  10. 1) la cucina inglese mi piace deicsamente più di quella USA.
    2)questo pane lo vedrei bene pure con dei paté salati?
    3)il burro lo addolcirei meno ma questo lo faccio sistematicamente quando una ricetta prevede zuccheri, mi sembrano sempre troppi al gusto.
    4)un pane che non si impasta è decisamente un grande regalo! di sicuro almeno finché non mi regaleranno una planetaria... pure vintage ;-)

    RispondiElimina
  11. Buonasera anch'io avrei aspettato una mezzo ora. Se possiede una macchina del tempo facciamo un salto x informarci Sull'origine della ricetta.

    RispondiElimina
  12. anch'io voglio prendere a pugni un impasto :D :D :D
    bellissimo il tuo pane, fantastico il burro (l'ho già copiato...), scicchissima la tovaglietta!

    RispondiElimina
  13. Burro al Miele? Come sentirsi Winnie the Pooh di prima mattina...Visto che ho preso coraggio con i lievitati, ed ho un paio di ricette di pain brioche senza impasto, darò la precedenza a questo perché le tue parole sono sempre garanzia di riuscita. Questo libro mi è piaciuto davvero tanto. La mancanza di immagini ha stimolato la mia voglia di cucinare e affinato il mio istinto. Credo che mi affiderò più spesso a manuali senza foto. Purtroppo le foto ai nostri tempi, surclassano la ricetta, che resta solo fine a se stessa e spesso, tanto per essere chiari, una vera e propria sòla!
    Grandissima Mapi. L'idea del sac a poche per i ciuffetti di burro è di una eleganza inarrivabile.
    Bacionissimo, Pat

    RispondiElimina
  14. Sally Lunn Bread... burro al miele... Svenuta! ;)
    Ne avrei proprio bisogno questa mattina!
    Buona giornata, Sarah

    RispondiElimina
  15. Questo "pane" mi aveva gia' incuriosito quando ne avevi parlato in precedenza, adesso che lo vedo non ho piu' dubbi.... Devo provarlo!!! Il burro al miele con quella punta di salato dev'essere irresisitibile... :-) Grande Mapi realizzazione e considerazioni sempre ad alto livello :-))))
    Ho lo stampo basso da panettone da 1/2 kg, ne faro' mezza dose... Grazie!

    RispondiElimina
  16. io ti perdono per lo stampo, dai!!! :-) ottimo aspetto e credo, ottimo sapore...questo pane burroso accompagnato al burro al miele deve essere fantastico...loproverò (adoro fare i pani) e poi con la fortuna di avere foto e ricetta tradotta :-) chi mi ferma più! complimentissimi mapi!

    RispondiElimina
  17. mi avete incantata tutte con le ricette di questo sceneggiato che non conoscevo...
    il burro al miele sarà nel mio brunch di domenica. garantito al limone.
    che brava che sei mapi...ogni volta che ti leggo per forza mi inchino.
    a presto.

    RispondiElimina

NO VITALBIOS!!!