lunedì 8 ottobre 2012

Torta alla frutta disidratata


Ci sono ricorrenze che non si possono dimenticare e il primo blog-compleanno della Ema è proprio una di queste. Lei tra l'altro lo festeggia in maniera degnissima: con un contest dedicato alla deliziosa frutta disidratata, in collaborazione con Noberasco che ha aperto un bellissimo punto vendita a Milano, in Via Spadari. 

Il negozio, tenuto da una bella signora sulla quarantina, è un'autentica caverna di Alì Babà, piena di gemme colorate e profumate sotto le loro campane di vetro.
Scordatevi le buste di prodotti che trovate al supermercato: ci sono anche quelle, è vero, ma il vero tesoro è la frutta disidratata sciolta, che vi guarda invitante dalle sue belle ciotole in ceramica decorata a mano.
Ogni frutto è dotato di carta d'identità che ne certifica l'origine e in negozio se lo desideri ti fanno assaggiare le loro prelibatezze. Il problema è che dopo averle assaggiate non puoi fare a meno di acquistarle! :-9
La squisita gentilezza, la cortesia e l'attenzione al cliente caratterizzano il Personale di un negozio che tornerò a visitare molto spesso in futuro, parola mia! 
Tra l'altro ci sono andata insieme alla Ema, alla Mai e a Cristina P.: ci siamo divertite un sacco!

E ora passiamo alla prima ricetta con cui partecipo al contest:

TORTA DI FRUTTA DISIDRATATA AL MIELE


La ricetta l'ho presa da qui (versione Mark 1): stavo navigando su internet alla ricerca di dolci con il miele quando sono incappata in questa ricetta, semplice e veloce. 
Se sapete l'inglese vale la pena leggersi tutto il post: è spassosissimo!
Ho resistito alla tentazione di aggiungere delle spezie, che pure ci sarebbero state bene, perché volevo che fosse esaltato al massimo il delizioso sapore della frutta.

300 g frutta secca disidratata (io ho usato fichi, datteri, pesche e albicocche)
150 ml di vino bianco aromatico di ottima qualità (io ho usato un Gewurztraminer)

120 g di burro
120 g di miele aromatico (castagno, per me)
250 g farina 00
1 uovo
1 cucchiaino di lievito per dolci
1 cucchiaino di bicarbonato
zucchero a velo per completare


La sera prima tagliare a dadini la frutta disidratata e metterla a rinvenire in una ciotola insieme al vino.

Far fondere il burro e il miele in una pentola abbastanza grande da poter contenere tutta la miscela della torta (io ho preferito usare un bagnomaria con la ciotola del Kenwood immersa in una pentola di acqua bollente). Mescolare per amalgamare bene gli ingredienti, poi fare intiepidire (ma non rassodare) la miscela.

Preriscaldare il forno a 160 °C.
Imburrare una teglia di 20-24 cm di diametro (io ne ho usata una di 28 e la torta mi è riuscita un po' bassa) e rivestirla di carta forno.

Unire alla miscela di burro e miele la frutta disidratata insieme al vino e amalgamare bene. Aggiungere l'uovo precedentemente sbattuto in una ciotolina e amalgamarlo molto bene. Unire infine la farina setacciata insieme al lievito e al bicarbonato a poco a poco, poi trasferire l'impasto nella teglia e livellare bene.

Infornare il dolce posizionando la griglia a metà altezza e far cuocere per 40 minuti circa: il dolce assumerà un bel colore dorato e uno stuzzicadenti inserito al centro uscirà perfettamente pulito.

Far raffreddare nella teglia per 15 minuti circa, poi sformare e far raffreddare completamente su una gratella. Spolverare di zucchero a velo prima di servire.





7 commenti:

  1. Qui quel negozio non c'è, ma mi rifaccio con le enormi ceste di frutta disidratata che trovo nelle fiere, hai ragione, come resistere?
    La torta al miele mi piace moltissimo!!

    ciao loredana

    RispondiElimina
  2. Grazie Mapi!!! Grazie di cuore :)! Questo post è meraviglioso e la torta un vero spettacolo :)! Miele e frutta disidratata e poi il mio vino preferito fanno di questa ricetta un concentrato di profumi e sapori! E hai ragione quando dici che le spezie ci sarebbero state bene, ma concordo con te quando sostieni che avrebbero coperto il mix di profumi e sapori che questa torta ha già :)! E' una torta fantastica...di quelle che piacciono a me!
    Grazie davvero dolce Mapi!
    Ti abbraccio forte!
    Ema

    RispondiElimina
  3. hai fatto proprio un ottima pubblicità dato che mi hai fatto venir voglia di provare la frutta disidratata, non ho ancora avuto modo di utilizzarla ma la tua preparazione mi piace molto, davvero complimenti e buona giornata!

    RispondiElimina
  4. Che ricetta super, Mapi :-) L'abbiamo pubblicata anche nell'album creato sulla nostra pagina di Facebook (https://www.facebook.com/Noberasco). E per la ricetta che riceve più “Mi Piace”... stiamo pensando anche a una piccola sorpresa extra :-)

    RispondiElimina
  5. Mi scusi ma volevo aver chiarimenti dopo aver fatto,provato, degustato questa ottima ricetta.
    All'inizio Lei dice di far fondere insieme burro, zucchero,miele e poi continuare.
    NON c'è da nessuna parte o almeno io non riesco a trovarla la quantità di zucchero da impiegare per la miglior riuscita del dolce.
    E' una quantità ad personam ?, od esige quantità precise.
    Grazie per la cordialità e le sue buone ricette

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lei ha perfettamente ragione: la ricetta non contempla la presenza di zucchero. Sono andata a verificare la versione originale in inglese e nemmeno lì si fa menzione di zucchero: la traduttrice che è in me lo ha aggiunto nel procedimento, anche se non ve n'era.
      Provvedo subito a correggere la ricetta e la ringrazio di cuore per la segnalazione.

      Elimina

NO VITALBIOS!!!