mercoledì 7 dicembre 2011

Charlotte di zucca, birra e cioccolato con cialde alle nocciole e cannella (E. Knam)


Se fosse dipeso da me, si sarebbe chiamata Petalo di Rosa.
I nostri genitori però avevano un'altra idea, che ha prevalso sulla mia.
Ricordo ancora il momento in cui ho saputo che stava arrivando: mi trovavo in Sicilia da una zia, quando è squillato il telefono. Pochi minuti dopo la zia mi ha passato la mamma, che mi ha annunciato che aspettava “un fratellino nuovo”. Non ho capito esattamente che cosa volesse dire: i miei fratelli erano nati che io avevo 11 mesi ed erano due presenze che davo per scontate nella mia vita; ma un fratellino nuovo? Non riuscivo neppure a immaginarmelo. La zia sorrideva e così ho sorriso anch'io, di quel sorriso incerto e forzato di chi non ha capito, ma cerca di adeguarsi. Tornata a casa ho scoperto che non sarebbe stato necessariamente un fratellino: poteva benissimo trattarsi di una sorellina, e mi sono aggrappata a quella possibilità con tutte le mie forze. Essere l'unica femmina con due maschietti vivaci era dura, avevo bisogno di un'alleata. Allora le ecografie non c'erano e si apprendeva il sesso del nascituro solo al momento del parto.

Quella mattina è rimasta impressa nella mia mente: la mamma aveva un vestito blu e stava cercando qualcosa, indubbiamente da mettere nel valigino che era già pronto da un po'. “Forse il fratellino nasce oggi”, mi ha detto. Noi tre siamo stati smistati a casa di amici, uno per famiglia, perché non era pensabile che mio padre si occupasse di noi. Abbiamo continuato ad andare a scuola e quella sera papà ci venne a prendere e ci caricò in macchina, per andare a conoscere la sorellina appena nata.
Una sorellina, che gioia!!! Il mio desiderio era stato esaudito ed ero molto grata a Gesù. C'era un gran nebbione fuori e papà guidava piano, nel buio ovattato che si era fatto intorno a noi. In macchina, tiepido bozzolo contro il freddo esterno, c'era un silenzio carico di attesa, rotto a un certo punto da mio fratello Guido che ha chiesto: “Papà, ma i bambini nascono nudi?

La bambina dormiva, tranquilla e serena accanto alla mamma. Petalo di Rosa. L'ho chiamata così per un po', ma non ha funzionato: tutti si sono messi a usare il nome datole da papà e mamma. Alla fine mi sono arresa e ho cominciato a chiamarla così anch'io. La bambina più bella del mondo, che ha portato nella nostra famiglia tanto amore e tanta gioia.

Buon Compleanno, Principessa.







La ricetta di questa delizia? La trovate qui.
 

17 commenti:

  1. un dolce perfetto per festeggiare la vittoria del mitico Spyros!

    RispondiElimina
  2. Bellissima ricetta per un uso alternativo della birra...grande idea!
    ciao loredana
    Anche le brioches al foie gras mi fanno gola...e qui ci mettiamo all'ingrasso!!

    RispondiElimina
  3. Che meraviglia!! per gli occhi e per il palato!

    RispondiElimina
  4. wow!!!ricettina strepitosa:)complimenti!!!

    RispondiElimina
  5. Gnam gnam ... che super abbinamento! Ma tuo marito non è geloso quando lo tradisci con qualcun'altro?

    RispondiElimina
  6. Ma come fai ad azzeccarle tutte!!!!! è bellissima! non ho mai osato utilizzare la birra in una preparazione dolce. ma se lo dici tu ci credo e ci provo! Teresa G.

    RispondiElimina
  7. Ora, premesso che la prossima volta mi prepari questo meraviglioso dessert, vorrei sapere, ma qual'è il nome vero di Petalo di Rosa??? :D , baci, Flavia

    RispondiElimina
  8. mmmmmhhhh... visto che la tua famiglia è già così numerosa, adotti anche me??? il mio compleanno è in ottobre, quindi hai un sacco di tempo per pensare al dolcetto... ;)
    mapiiii, questa charlotte è da urlo! tantissimi auguri alla fortunata sorellina :))))

    RispondiElimina
  9. Grandiosa, bravissima, un bacione!!

    RispondiElimina
  10. Sappilo, con questa ricetta hai spostato l'asticella un po' più in alto, ora non si può tornare indietro^^
    Avendo avuto un fratellino quando avevo ben 14 anni, mi immedesimo in tutto, i dubbi, la curiosità, la gioia.
    Fabio

    RispondiElimina
  11. Buon compleanno di cuore anche da parte mia a "Petalo di rosa"! Cristina P.

    RispondiElimina
  12. che bella dedica! piena d'amore!
    il dolce è magnifico :)

    RispondiElimina
  13. Mi associo al gruppo! Per me i miei fratellini sono stati come giocare al "cicciobello"!
    Propongo un gioco:
    facciamo i turni per portarci la mapi a cucinarci a casa!
    Primaaaaa!


    charlotte (st)ratosferica! Besos

    RispondiElimina
  14. Io ho trovato due fratelli molto più grandi di me, e ho chiesto un petalo di rose anche io... Non è mai arrivato... Però ringrazio Dio di avermi fatto conoscere persone speciali come te! ... peccato solo essere così lontane! :(

    RispondiElimina
  15. tutti a parlare del dolce, che è effettivamente bellissimo, ma io da te mi aspetto oramai la luna.

    io invece ti dirò che questo post mi ha commosso, sarà perché anche a casa di mio marito sono in quattro, e a leggerti mi venivano in mente tutti i racconti di famiglia di mio marito, con questo piccolo esercito di bambini tutti in fila. non so, oggi ho la lacrima facile...

    e allora...

    tanti auguri petalo di rosa!

    RispondiElimina
  16. Auguri a Petalo di Rosa!!!! Alla fine, il nome che le avevi dato le è rimasto come secondo nome ;-)

    RispondiElimina

Nella Apple Pie c'è posto per tutti, tranne i maleducati. :-)