venerdì 18 novembre 2011

Christmas Pudding al triplo cioccolato




Sono ripartite le (St)renne, e sono ripartite alla grande: a un anno esatto dalla fondazione del gruppo, nato da un'idea geniale di Alessandra Gennaro, ci siamo ritrovate con una "stalla allargata" a parlare della tavola delle feste. Il merito dell'allargamento del gruppo è tutto di Stefania, che ha indetto il contest "(St)renne sì, for gluten-free" nel corso del quale i partecipanti devono reinterpretare il tema delle (St)renne in chiave gluten-free. Il contest si svolge nell'arco di 9 mesi (astenersi spiritosoni ^_^) ed è partito in settembre. I giudici siamo noi (St)renne Fondatrici e scegliamo di volta in volta le 5 ricette che secondo noi hanno interpretato meglio il tema trasformando ricette normali in ricette senza glutine senza usare prodotti dietoterapici. I vincitori di ogni edizione diventeranno (st)renne per un mese, partecipando al nostro backstage e pubblicando le loro ricette in coda alle nostre, nell'ultima settimana del progetto. Tra tutti i vincitori dei singoli temi, le (St)renne selezioneranno il vincitore finale, che avrà uno splendido premio: un week-end per 2 persone nello splendido Baglio Costa di Mandorla a Petrosino (TP). 



Le vincitrici della prima tornata del contest sono state Emanuela di Arricciaspiccia, Eleonora di Burro e Miele, Mai de Il Colore della Curcuma, Stefania di Profumi & Sapori e Giulia di Rossa di Sera
Da oggi per 3 settimane le (St)renne pubblicheranno le loro proposte per la tavola delle feste; la quarta settimana sarà il turno delle (St)rennine, come le abbiamo affettuosamente soprannominate, e naturalmente anche le loro ricette finiranno nel pdf ufficiale delle (St)renne. 

A scanso di equivoci preciso subito una cosa: le ricette delle (St)rennine potranno non essere gluten-free, per rientrare nel pdf. Se però loro vogliono partecipare anche a questa tornata del contest, possono pubblicare una ricetta gluten-free: chi ha detto che non si può vincere due volte il premio parziale? :-D


Passiamo adesso al tema delle (St)renne: la tavola delle feste. Chiaramente le prime feste a cui ci viene da pensare sono quelle natalizie che si stanno avvicinando a grandi passi, ma proporremo in generale dei piatti da gran festa, quella che vede la famiglia riunita attorno a una tavola imbandita, dove il cibo è la sinfonia che fa da sottofondo alla gioia di stare insieme.


Come prima ricetta ho pensato di proporre l'inglesissimo Christmas Pudding, nella versione del mio adorato Paul A. Young, l'uomo che mi ha conquistata nel momento in cui ho assaggiato i fondant con ganache al basilico preparati seguendo la sua ricetta. 
Non avevo mai preparato questo dolce in vita mia, e quando ho letto nell'introduzione alla ricetta “se solo una volta nella vita preparerete un Christmas Pudding, allora fate questo” ho pensato: OBBEDISCO!!!!! :-D


Il Christmas Pudding va preparato con un certo anticipo rispetto alla data di consumo, perché deve maturare al fresco (in una camera non riscaldata, ho letto da qualche parte; in balcone ben riparato dentro un armadietto, ho deciso io). Ho consultato diverse ricette e ho constatato che i tempi di maturazione del dolce variano parecchio dall'una all'altra. La ricetta più comune viene preparata l'ultima domenica di novembre, detta stirrup Sunday (domenica del mescolamento) perché è tradizione che ciascun membro della famiglia agguanti il cucchiaio di legno e dia una bella mescolata all'impasto del pudding esprimendo un desiderio per l'anno a venire. 
Ho però visto anche ricette che richiedono fino a 3 mesi di maturazione. 
Nel libro di Paul viene riportato quanto segue: idealmente, il pudding non dovrebbe essere consumato prima di otto settimane dalla preparazione
Insomma, ognuno si regoli come crede, io ho cominciato a prepararlo il 28 ottobre per gustarlo a Natale (barando di un paio di settimane); mi dispiace che a causa della tempistica di programmazione delle (St)renne sono costretta a pubblicare solo oggi la ricetta. 
Attualmente il mio Christmas Pudding è quindi in pieno work in progress e le immagini del prodotto finito sono state prese dal web per darvi un'idea del risultato finale; mie sono invece le fotografie delle varie fasi, e aggiornerò questo post con la foto finale del pudding fatta da me quando lo servirò in tavola, completo di commenti su consistenza e sapore.
Chiaramente non è un dolce per bambini, dato l'elevato tenore alcolico.

Avrei potuto usare un frullatore o la planetaria per prepararlo, ma ho voluto ricorrere al caro, vecchio cucchiaio di legno (quello destinato alle sole preparazioni dolci, ovviamente), per cercare di immedesimarmi in una tradizione secolare a me sconosciuta e nella quale voglio entrare in punta di piedi.

Quando ho letto della cottura a bagnomaria in una pentola capiente mi sono congratulata con me stessa: una decina di giorni prima di cimentarmi avevo infatti acquistato una bella pentola da brodo della capacità di 10 litri perché ero stufa di mettere in mezzo 3 pentole ogni volta che preparavo il brodo di carne. Curiosamente, il battesimo di questa pentola è avvenuto con questa ricetta di Paul: quale migliore auspicio per i suoi usi futuri? :-)


CHRISTMAS PUDDING TRIPLO CIOCCOLATO
(Da: Paul A. Young – Avventure al cioccolato – DeAgostini)

100 g fichi secchi
100 g datteri al naturale
100 g ciliegie essiccate
50 g albicocche secche
25 ml Brandy + 8 cucchiaini per bagnare il pudding
25 ml Porto
1 cucchiaino cannella in polvere
1 cucchiaino cardamomo
½ cucchiaino noce moscata grattugiata
75 g burro morbido
100 g zucchero light Muscovado
2 uova medie
200 g farina 00
25 g cacao amaro in polvere
50 g cioccolato fondente al 70% spezzettato
50 g cioccolato bianco spezzettato
250 ml birra Guinness
1 arancia non trattata, succo e scorza grattugiata

Per la salsa al Brandy
(di Delia Smith)
175 g burro a temperatura ambiente
175 g zucchero di canna
6 cucchiai di Brandy


La sera prima di cucinare il pudding mettere a bagno in Brandy e Porto la frutta secca spezzettata e le spezie.

In una ciotola capace lavorare a crema il burro e lo zucchero.
Aggiungere le uova uno alla volta, incorporando perfettamente il primo prima di aggiungere il successivo, poi la farina, il cacao e i due cioccolati spezzettati. Versare la birra, la frutta con la sua bagna alcolica, il succo e la scorza di arancia. Mescolare bene ed esprimendo un desiderio per l'anno successivo (solo uno??? Ecco perché gli Inglesi lo preparano ogni anno!^_^).

Imburrare e infarinare uno stampo da pudding della capacità di 1,5 litri e versarvi il composto. Coprirlo con un disco di carta forno dello stesso diametro dello stampo adagiandolo sopra il pudding e cercando di eliminare le bolle d'aria. Sigillare lo stampo con pellicola trasparente per alimenti, che va fissata con dello spago da cucina.
Collocare lo stampo in una pentola, versare acqua bollente sufficiente a lambirlo fino a metà altezza, incoperchiare e cuocere a vapore per 3 ore, aggiungendo altra acqua bollente se il livello dovesse diminuire troppo.


Far riposare il pudding per una notte, lasciandolo sigillato nel suo stampo; l'indomani avvolgere tutto in un canovaccio e riporlo in un luogo fresco e buio.

Una volta alla settimana bagnare il pudding con un cucchiaino di Brandy: rimuovere la pellicola e la carta forno, irrorare la superficie con il liquore e sigillare nuovamente. Questa operazione va eseguita fino al momento di consumare il dolce, che idealmente va preparato 8 settimane prima.

Il giorno in cui si deve consumare il dolce cuocerlo nuovamente al vapore per un'ora e mezza e servirlo con la tradizionale salsa al Brandy, oppure con panna montata o ancora con del gelato.


Preparare la salsa al Brandy: montare il burro e lo zucchero fino a ottenere un composto dorato e spumoso. Aggiungere il Brandy un cucchiaio alla volta, incorporandolo bene prima di unire il successivo. Assaggiare e se lo si ritiene opportuno unire altro Brandy. Conservare in frigorifero fino al momento dell'uso. La salsa al Brandy può essere preparata anche con una settimana di anticipo.



Note della Apple Pie:
  • Prima di preparare tutti gli altri ingredienti, pesare il burro e tagliarlo a dadini: il tempo di preparare il resto, e sarà sufficientemente morbido da poter essere lavorato.
  • Per non sbagliare con la quantità d'acqua del bagnomaria evitando al contempo di inondare lo stampo accuratamente sigillato di acqua bollente, fate così: prendere una pentola capiente nella quale lo stampo possa stare molto comodamente, mettervi lo stampo e versare con cautela acqua sufficiente ad arrivare a metà altezza di questo. Togliere lo stampo e portare l'acqua a bollore. Adagiare lo stampo - questa volta pieno e sigillato - nell'acqua bollente, incoperchiare e farlo cuocere come indicato. 
     
  • Una nota negativa, invece: al momento di scrivere il post ho letto più attentamente l'introduzione alla ricetta, dove ho trovato questa frase: “Questo pudding è farcito con tre diversi tipi di cioccolato, ma ha una consistenza più leggera rispetto al budino tradizionale, ed è ricco di frutta secca – fichi, datteri, albicocche, ciliegie, uva sultanina, ribes e uva passa – macerata nell'alcol”. Ora, nell'elenco di ingredienti della ricetta non v'è traccia né degli ultimi 3 frutti menzionati, né tantomeno delle loro quantità e quindi delle due una: o nell'edizione italiana del libro tali frutti sono stati dimenticati – immagino per un refuso di stampa che però trattandosi di un libro di ricette considero grave – o Paul non ci ha dato la ricetta per intero, e allora poteva fare a meno di citare gli ingredienti assenti. Immagino inoltre che il cacao amaro sia considerato come un tipo di cioccolato, perché nella ricetta io vedo solo 2 cioccolati: bianco e fondente.

18 commenti:

  1. Questa ricetta mi incuriosisce, ma confesso che la preparazione mi blocca un pò...esprimo un desiderio per il prossimo anno...di riuscire a prepararla??
    Aspetto le tue foto!
    ciao loredana

    RispondiElimina
  2. Ancora lui?!?!?! Young?!?!? ma dai....e chi è costui? :-)))
    è proprio il dolce di Natale della vita perchè ci vuole una vita a farlo ma chissà che soddisfazione....
    bravissima ma che te lo dico a fà?

    RispondiElimina
  3. Ma tu una semplice tortina o un normale biscottino...mai??? :-)
    Grande Mapina...io mi sarei spaventata solo a leggere la lunghezza del procedimento! Complimenti! E aspetto curiosa di vedere le foto!
    Baci!!!

    RispondiElimina
  4. Confesso che un po mi spaventa...pensa se io mi metto li otto settimane prima di natale a preparare il dolce...e alla fine...non mi riesce bene?!?!!!?!? ahahahahahaha...Va bhè..ci sono panettoni, torroni e quant'altro, a natale ci si salva lo stesso!! Però sono incuriosita da questa lunga lunga preparazione. Io ho anche lo sgabuzzino in casa, luogo buio e senza calorifero... Ecco...come te mi chiedevo anche io dove fosse il terzo cioccolato, ma probabilmente, sarà il cacao...E grazie per la dritta sulla birra...io non ci avrei mai pensato!!! Sempre bravissima Mapi! Attendiamo la fine delle 8 settimane per l'aggiornamento sulla "creatura"!:)

    RispondiElimina
  5. Miiiiiiiiiiiiiiih...MApi... anche io tra due domeniche voglio girare il cucchiaio di legno nel tuo Xmas pudding..voglio esprimere un desiderio....sigh!!!! BAci..seguirò il Work In Progress.... e l'anno prossimo mi organizzerò per tempo, baci Flavia

    RispondiElimina
  6. Cioè se comincio adesso posso mangiarlo per il compleanno del pargolo n. 3... altrimenti vengo a fare il natale da te!
    P.s. Nella Bibbia sta scritto che la moglie è l'aiuto convonevole del marito... ecco perché Paul ha assolutamente bisogno di te! :****

    RispondiElimina
  7. Yum, che mi hai ricordato! Per qualche anno l'ho fatto anche io in casa insieme alla Christmas cake. Decisamente calorici entrambi. Ma il bello è nel rispettare la tradizione.
    Per quanto riguarda la presenza di uvetta passa di solito si mettono tre tipi:currants, raisins and sultanas. Frutta fresca no, i ribes dovrebbero essere canditi, quindi? O usati come decorazione, serviti con l'immancabile salsa.

    RispondiElimina
  8. Marito comanda e la brava moglie ubbidisce! E come dargli torto?

    RispondiElimina
  9. mi piace l'idea della famiglia che esprime i desideri e partecipa insieme alla preparazione della torta per le feste... poi un certo grado alcolico aiuta a "sopportare" meglio i parenti! :-D
    aspetto i giudizi finali ma dev'essere buonissimo!

    RispondiElimina
  10. E' ora di prendere a mano queste ricette ..bella la tua
    ciao ♥

    RispondiElimina
  11. Noooo, vuoi dire che sono in netto ritardo per preparare questo pudding...ma io lo voglio!!! Aspetta, se lo hai fatto il 28 Ottobre significa che giace tranquillo a casa tua...è la volta buona che ti vengo a trovare... :-D
    Fantastico veramente, inizio ad avere un debole per il tuo Paul ;-)
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  12. Ma che coraggio Mapi un lavorone!
    Supermegabrava!

    RispondiElimina
  13. Spetacolo, soltanto te potevi immergerti in una ricetta del genere! Se ti perdi sappiamo dove trovarti... là dove ci sia il ciocoato o il tuo amato Paul!
    Comunque devo dire che questo pudding lo sognare fino al giorno di Natale e se bussano alla porta quel giorno, a l'ora di pranzo, apri perche ci sarò io!!!!

    besos

    RispondiElimina
  14. un'impresa epica: la preparazione del christmas pudding!
    sei mitica mapi, non so come tu faccia!

    RispondiElimina
  15. ma lo sai che sono anni, per non dire decenni, che questa ricetta è nella miam lista "to do"??? e che mai e poi mai ho avuto il coraggio di iniziare a farla, per i tempi, la quantità degli ingredienti e per il fatto che devo aspettare troppo per mangiarlo! e tu cosa i combini? lo prepari come fare "du spaghi"??? tu stai diventando davvero il mio mito:-) non scherzo! stamperò il tuo post e lo metterò nel libro di paul, ops, nel SACRO libro di paul e semmai dovesse prendermi l'estro mi cimenterò grazie ai tuoi suggerimenti e al tuo..coraggio! bravissima!!!!

    RispondiElimina
  16. Mapi, dolce Mapi...posso amabilmente odiarti per questa ricetta???io generalmente resisto alle tentazioni, ma a questa penso che non riuscirei....

    RispondiElimina
  17. Good day! I simply want to give you a big thumbs up for the excellent info you
    have here on this post. I am returning to your website for more soon.
    Look at my homepage - Handmade Christmas Ornaments

    RispondiElimina
  18. Carissima, volevamo ringraziarti infinitamente della bellissima figura che ci hai fatto fare con questo strepitoso dolce.....
    Buone feste e buon 2013
    Manuela e Sara

    RispondiElimina

NO VITALBIOS!!!