mercoledì 20 luglio 2011

Torta crumble alle albicocche di Knam

Quando è arrivata la nius ho fatto una doppia OLA: una volta perché Ale sta ricominciando con le nius, e un'altra per la ricetta. Questa ricetta. Ero arrivata fino al punto a cui arrivo di solito, e cioè ad aggiungerla alla lista di cose da fare, ma quando Ale l'ha anche realizzata e pubblicata non ho saputo resistere e l'ho fatta balzare in cima alla lista, alla stregua di un raccomandato qualsiasi.
Venerdì sera ho fatto la spesa ed oltre alla centrifuga e alle mele ho comperato pure la ricotta di bufala (che costa un Perù, però è davvero buona) e le albicocche, con l'idea di portarla a casa di mia sorella per il pranzo del giorno dopo.


Le albicocche nella nostra famiglia hanno assunto un significato particolare quando il Dolce Principe era piccolino e aveva appena imparato a parlare. All'epoca farlo mangiare era una vera impresa (adesso è un'impresa farlo smettere), e ogni volta che gli chiedevamo se voleva questo o quello lui rispondeva: "neenteee!!!". Niente e no per lui erano sinonimi, e ogni volta che non voleva fare qualcosa rispondeva immancabilmente con il suo "neenteee!!!".
Quella sera mia sorella aveva appena faticosamente finito di farlo cenare e voleva dargli un omogeneizzato di frutta, così ha cominciato a chiedergli:
- Vuoi la pera?
- Neenteee!!!
- Vuoi la mela?
- Neenteeee!!
- Vuoi la prugna?
- Neeeeenteeeeee!!!
- Vuoi l'albicocca?
All'albicocca il ragazzo si è fermato a pensare.
- Albicoccaaaaaa..., ha detto con l'aria di chi fosse tentato, e già mia sorella si stava apprestando ad aprire il prezioso vasetto, quando la vocina del Dolce Principe ha decretato in tono categorico:
- Albicocca nente.




TORTA CRUMBLE ALLE ALBICOCCHE
(Ernst Knam - Viva le torte)
Ricetta e note prese da Menù Turistico: http://menuturistico.blogspot.com/2011/07/chi-di-crumble-alle-albicocche-ferisce.html




per 8 persone


per il crumble:
50 g di burro morbido
50 g di farina 0
50 g di zucchero semolato
50 g di farina di mandrole


per la torta:
240 g di farina 00
120 g di albicocche fresche (io ho triplicato questa dose)
120 g di burro
120 g di ricotta di bufala
90 g di zucchero a velo
2 uova
la scorza grattugiata di un limone non trattato
1 baccello di vaniglia
9 g di lievito chimico in polvere
un pizzico di sale



Imburrare uno stampo rettangolare di cm 20x30 e rivestirlo con carta forno, che trasborderà dai lati.
Accendere il forno a 170 °C in modalità statica.

Preparare il crumble: in una ciotola, unire tutti gli ingredienti e impastare velocemente con la punta delle dita, fino ad ottenere una consistenza granulosa. Mettere in frigorifero fino al momento di utilizzarlo.lavare, asciugare denocciolare le albicocche e tagliarle a pezzetti.

Preparare la torta: setacciare la farina con il sale e il lievito; con lo sbattitore elettrico montare a lungo il burro ammorbidito con lo zucchero a velo fino a quando diventa spumoso e soffice, aggiungere le uova uno alla volta e i semi del baccello di vaniglia, continuando a sbattere.
Unire un po' di farina, poi la ricotta e infine la restante farina, amalgamando bene con una spatola, facendo un movimento dall'alto in basso. Terminare con l'aggiunta della scorza di limone e delle albicocche, distribuendole bene nell'impasto.


Versare l'impasto in uno stampo rettangolare di 20x 30 cm imburrato e infarinato, riempiendolo fino a tre quarti. Ricoprirlo con il crumble e infornare a 170 °C per 50 minuti (prova stecchino).
Sfornare il dolce, lasciarlo riposare per 15 minuti nello stampo, poi aiutandosi con la carta forno toglierlo dallo stampo facendo attenzione a non romperlo e farlo raffreddare su una gratella.
Trasferirlo infine sul piatto da portata.


Accompagnare con una pallina di gelato al pistacchio o al fiordilatte oppure con una crema inglese, perché non è molto dolce.
 

14 commenti:

  1. E' strepitosa Mapi..non credo di essere capace di replicarla, ma me la segno lo stesso...o me ne fai recapitare una a domicilio ;-) ???? Un bacio

    P.S. però io aspettavo lo spetegulesssssssssss

    RispondiElimina
  2. Ma che delizia questo crumble!

    RispondiElimina
  3. pazzesca...una ricetta a cui non si può dire di no!

    RispondiElimina
  4. Francy, lo spetteguless ci sarà... ma solo quando sarò riuscita a preparare la ricetta con le dosi corrette e col sugo corretto. ;-)

    Mary grazie! :-)

    Sulemaniche, pensa che è semplicissima e buonissima! :-9

    RispondiElimina
  5. Esattamente il contrario del mio pargolo che quando era piccolo mangiava tutto, aggiungendo pure "bono, bono!"... adesso l'unica parola che sa dire è NO!

    RispondiElimina
  6. l'ho letta nella nius, la leggo qui, che poi ti è venuta benissimo... ma cosa aspetto a farla?

    RispondiElimina
  7. Lo sapevo che la facevi...non mi chiedere il perchè ma ne ero quasi certo. Direi perchè sono certo delle tue amicizie...e non mi sbaglio vero?! :P ehehehehehehe
    Tu sempre brava...ed anche questa una certezza :)

    RispondiElimina
  8. Stefania verissimo, i bambini cambiano drasticamente... pensa che io da piccolina non mangiavo quasi niente e adesso, come per mio nipote, è difficile farmi smettere! ;-)

    Gaia giusto: cosa aspetti a farla? ^_^ Basta sostituire la farina normale con quella di riso et voilà! :-)))

    Memole grasssssie! :-9

    Mario ossignur, sono così prevedibile? Allora sai già cosa pubblicherò domani! :-D Il fatto è che hai ragione: sulle amicizie sono prevedibilissima e anche su tutto il resto... il bello della vita. La bravura invece è un'altra cosa, ma noi non ce ne curiamo più di tanto, vero? :-)

    RispondiElimina
  9. Tu sei brava davvero altrochè! :)

    RispondiElimina
  10. miii, ma che meraviglia di torta.. una ricetta che non immaginavo, però me la salvo, e poi chissa mai che riesca a farla anch'io

    RispondiElimina
  11. Mario la chiudo qui, che è meglio! ;-)

    Cinzia grazie! Ti dirò che non la immaginavo neanch'io, finché Ale non ce l'ha proposta... buonissima! :-9

    RispondiElimina
  12. Io ti dico solo grazie.
    Tirando su col naso. E il crumble non c'entra. C'entra la immensa fortuna di aver incontrato una persona come te- e di poterla vantare come amica.
    Un bacione
    ale

    RispondiElimina
  13. Ale, vuoi un fazzolettino di carta? :-D
    Sono io ad essere fiera e orgogliosa di potermi dire tua amica, un dono inaspettato e immeritato che mi colma di gioia ogni giorno.

    Un abbraccio!

    RispondiElimina

Nella Apple Pie c'è posto per tutti, tranne i maleducati. :-)