sabato 18 dicembre 2010

Le (st)renne di Babbo Natale: il pdf


L'avventura delle (st)renne di Babbo Natale si è conclusa la scorsa settimana, ed oggi pubblichiamo il pdf con tutte le ricette che abbiamo inserito nei nostri blog in queste 4 settimane.

Ma che cosa è stata veramente l'avventura delle (st)Renne?
E' nata, l'abbiamo detto in tutte le salse, da un'idea di Alessandra-Raravis, una donna piena di idee e di iniziative, ma soprattutto di voglia di condividere, che abbraccerebbe il mondo e si farebbe carico di tutti i suoi problemi, se potesse (e poi si domanda come mai ha mal di fegato... ;-) ).
In una blogsfera in cui ognuno coltiva il suo orticello (il che va benissimo, intendiamoci!), lei ha fatto un passo più in là e ha pensato di creare una collaborazione tra bloggers.
La collaborazione non si è però limitata al postare ciascuno 4 ricette: dietro le quinte c'è stato un fittissimo scambio di mail, un brain storming di proposte, una grande generosità caratterizzata da frasi del tipo "se non hai idee per questa settimana ti posso passare io una bella ricetta". Capite che cosa intendo? Le (st)renne, quali moderni moschettieri, avevano il motto sottinteso "Tutti per uno e uno per tutti", il che significava che se qualcuno era in difficoltà gli altri volentieri davano una mano, e questo non perché ci fosse un regolamento scritto a cui tutti dovevano attenersi pena l'esclusione: è nato tutto spontaneamente, dal cuore.

Le (st)renne sono quindi state un pretesto per rinsaldare alcuni legami che già c'erano, e per costruirne di nuovi. Conoscevo già di persona Alessandra, Flavia, Annalù e Fabio; ho avuto l'onore e il piacere di conoscere Stefania, una persona dolcissima, allegra, solare e molto positiva. Con le (st)renne questi legami si sono rafforzati, abbiamo condiviso molto più di 4 ricette a testa: ci siamo stretti attorno a Stefania quando il suo dolce Daniele si è malamente rotto una gamba e siamo perfino riusciti a riderci sopra: la proposta iniziale era infatti stata di pubblicare tutti una ricetta di Stefania; poi qualcuno ha fatto notare che sembrava un po' una commemorazione, risatona generale e via con tante allegre e dolci marmellate! :-D

E' difficile condensare in un piccolo post (e con una connessione ballerina per giunta) tutto quello che le (st)Renne hanno significato per me. Natale è un po' più vicino, quando la gioia della condivisione unisce. La pace - quella vera - è un po' più vicina, quando allarghiamo il nostro orizzonte e guardiamo negli occhi (sia pure solo virtualmente) gli altri; la gioia è un po' più vicina, quando sappiamo che in caso di necessità ci sono persone sul cui appoggio possiamo contare. Il cuore si dilata, il respiro diventa più ampio e libero, quando il fuoco dell'amicizia ci riscalda. 

Per tutte queste cose vorrei ringraziare tutti i miei amici delle (st)renne, ma un grazie tutto speciale va a tutti quelli che ci hanno seguiti in questa staffetta tra blog: il calore con cui avete accolto l'iniziativa ci ha fatto capire che la strada era quella giusta e ci ha motivati ad andare avanti.

Adesso voglio solo dirvi una cosa: provateci anche voi. Le (st)renne possono e devono essere replicate nella blogsfera. La nostra esperienza, bellissima perfino nelle caotiche settimane che precedono il Natale, ci ha insegnato che la voglia di amicizia e di scambio è grande e che può concretizzarsi in iniziative analoghe.
Adottate una (st)renna anche voi, l'arricchimento che ne avrete sarà veramente molto maggiore di quello che potrete dare! :-D

E adesso bando alle ciance: tutti qui a scaricare il pdf! :-D

Buon fine settimana a tutti.

4 commenti:

  1. Bella idea, chi lo sa che non la coglierò al volo! :D

    RispondiElimina
  2. Gia' vi ho seguito durante il percorso di questa bella iniziativa,voglio fare i complimenti a tutte ,avete fatto un bel lavoro,siete bravissime e...fortunate per la bella amicizia che vi accomuna.Ciao,Lisa.

    RispondiElimina
  3. Avete fatto un gran bel lavoro, complimenti a tutti voi!!!! :-)
    Devo ancora finire di sfogliarlo tutto, ma prima o poi ce la farò :P

    RispondiElimina

Nella Apple Pie c'è posto per tutti, tranne i maleducati. :-)