mercoledì 5 marzo 2014

Torta alla panna e pesche sciroppate


Questa torta è la preferita di mio fratello Guido; mia mamma ce la faceva sempre ai compleanni quando eravamo piccoli, ma da adulti i nostri gusti si sono un po' differenziati; non per mio fratello per l'appunto, che è rimasto affezionato a questa torta semplicissima, ma fresca e squisita.

TORTA ALLA PANNA E PESCHE SCIROPPATE



Per il pan di Spagna:
6 uova medie
150 g farina 00 (oppure 110 g di farina 00 e 40 g di amido o fecola)
150 g zucchero semolato
i semi di 1/2 bacca di vaniglia
1 pizzico di sale
burro e farina per la teglia

1 teglia dal fondo amovibile del diametro di 26 cm

Per la farcia:
500 ml di panna fresca da montare
80-100 g di zucchero (meglio lo Zefiro, che si scioglie facilmente)
500-600 g di pesche sciroppate (peso sgocciolate)


Preparare il pan di Spagna (metodo di casa mia, diverso da quello classico): Preriscaldare il forno a 180 °C in modalità statica. Imburrare bene una tortiera di 26 cm di diametro preferibilmente a cerniera e infarinarla leggermente.

Separare i tuorli dagli albumi.
Mettere gli albumi in una ciotola capiente insieme a un pizzico di sale e con l'aiuto di una frusta elettrica montarli a neve ferma: capovolgendo la ciotola, gli albumi non si devono muovere.
Unire lo zucchero e continuare a montare finché il composto diventa lucido.
Aggiungere a questo punto i tuorli e i semini di vaniglia, incorporandoli molto bene.
Unire la farina setacciata a poco a poco, incorporandola bene e diminuendo la velocità delle fruste elettriche, per non farla volare in giro J.
Versare il composto nella teglia e passarlo nel forno già caldo inserendolo a metà altezza, facendolo cuocere per 40 minuti.
Prima ancora della prova stecchino, controllare che i bordi del Pan di Spagna si siano staccati dalla teglia: è un sicuro segnale che il dolce è cotto.
Spegnere il forno e farvi riposare il Pan di Spagna per 10 minuti prima di estrarlo, per evitare che si sgonfi.
Estrarre il dolce dalla teglia e farlo raffreddare perfettamente su una gratella.

Sgocciolare le pesche sciroppate (quando saremo in stagione metterò la ricetta per farle), tenendo da parte lo sciroppo.
Montare a neve la panna, ben fredda (meglio tenere in frigo per qualche ora anche la ciotola in cui la si monterà e le fruste del frullatore) e dolcificarla secondo i propri gusti.
Tagliare le pesche sciroppate più regolari a fettine, per la decorazione superiore, e a pezzetti per la farcia.
Tagliare in 2 il pan di Spagna ben freddo e inzupparlo con lo sciroppo delle pesche. Spalmarvi la metà della panna montata creando un bello strato, dello stesso spessore dei dischi di pan di Spagna. Cospargervi i pezzettini di pesche sciroppate, poi coprire con l'altro disco di pan di Spagna e versarvi la rimanente panna montata, facendola andare anche sui lati. Decorare a piacere con le fettine di pesche sciroppate e passare in frigorifero fino al momento di servirla.


7 commenti:

  1. ciao Mary, ho scoperto adesso il tuo blog e ti faccio i miei complimenti!
    E' davvero bello e io adoro letteralmente le pesche sciroppate!
    Ale.

    RispondiElimina
  2. Amo questo tipo di torte, per il compleanno me ne faccio sempre una così ma con le fragole!
    L'abbinamento panna e pesche sciroppate non l'ho mai provato ma mi piace da morire l'idea!!!!
    Ciao Mapi!!!!

    RispondiElimina
  3. Come Fed anche io ho nei ricordi dei compleanni una torta tipo questa, ma con le fragole.
    Le pesche saranno il prossimo esperimento!

    RispondiElimina
  4. che bellissima torta! bianca, soffice, golosa....vorrei poterla assaggiare....ma limiterò a segnarmi la ricetta perchè va assolutamente riproposta.
    Coscina di pollo

    RispondiElimina
  5. Volevo ben dire che tu NON avresti mai usato insipide pesche in scatola.
    Non so se ti sia mai capitato di assaggiare una conserva di frutta candita che fanno in Yugoslavia e dico Yugoslavia perché l'ho mangiata prima dell'implosione e non saprei etichettarla etnicamente: lo slatko. Somiglia alla faccia delle tue pesche :-)

    RispondiElimina

Nella Apple Pie c'è posto per tutti, tranne i maleducati. :-)