lunedì 17 giugno 2013

Insalata liquida (Antonino Cannavacciuolo)


Quando ho letto che l'MTC di maggio era stato vinto da Leo, alias Cozzaman, sono scoppiata in una irrefrenabile risata: evidentemente è il momento dei mariti, in questa nostra sfida culinaria mensile che in giugno compie 3 anni. Questo caso di vittoria però è meno grave di quello di Cristian (agli occhi di sua moglie, intendo), che gli ha passato il testimone, perché almeno Mai ha già al suo attivo una vittoria all'MTC. Aveva anche senso che un tarantino vincesse la sfida della Taieddhra, perché chi più di un "locale" poteva capire appieno e quindi meglio reinterpretare quella meraviglia di piatto regionale che è la Tiella?


Ho riso un po' meno quando ho visto la ricetta della sfida: la Caesar Salad, reinterpretabile e rivoluzionabile ma senza dimenticare che il tema è la cucina della Belle Époque con tutto il suo edonismo, la leziosità, la spensieratezza e la voglia di lasciarsi alle spalle le brutture di una guerra per godersi la vita.
E' questo il periodo in cui nacque lo stile Liberty, in cui i Caffé presero una grande importanza e in cui ristoranti e teatri erano sempre affollati di persone eleganti e raffinate.
E tutto questo va tradotto, quasi un secolo dopo e nel bel mezzo di una crisi economica, tramite un'insalata. Ohibò.

Sfida apparentemente molto facile, si sta rivelando (almeno per me) difficilissima: tutte le idee che mi frullano per la testa sono scontate, sono perfino giunta a preparare un'insalata per poi accorgermi che l'avevo già fatta, molto simile, ma con un altro nome e copiandola da un libro per giunta. Qualche idea nebulosa mi è nata in testa ma non riesco ad afferrarla, è sfuggevole come un sogno e ha la consistenza di un ectoplasma. Insomma, un disastro.
Fino al giorno in cui mi è capitato sottomano (arrivato in ritardo, ma puntualissimo per l'MTC di giugno) il numero di maggio di Grande Cucina. Lo sfoglio distrattamente e vedo, a pagina 21, una ricetta di Antonino Cannavacciuolo: insalata liquida.

Perfetto.
Ottimo inizio.
Da qui in poi spero che il neurone si sblocchi, perché se è vero che non è obbligatorio inventarsi una ricetta di sana pianta per partecipare all'MTC, è anche vero che a me di solito questi estremi non piacciono un granché: li trovo leziosi, finti, non di sostanza.

Alla ricetta di Cannavacciuolo mancava solo una cosa per renderla MTC-compatibile: la vinaigrette, che mi è stata suggerita dalla natura stessa del piatto: mi sono ricordata di un caviale di pomodoro fatto da Greta per un altro MTC e ho preso spunto da lì per preparare un caviale di vinaigrette, usando la ricetta di Michel Roux della vinaigrette al basilico.

E' stato mentre lo preparavo che ho capito pienamente perché io e la cucina molecolare non andiamo d'accordo: al di là del fatto che la mia vinaigrette, già densa in partenza, assomiglia a pezzi di mucillagine pescati direttamente dal Mare Adriatico, non mi sono divertita per niente a preparare questo caviale, complice forse il fatto che il primo bicchiere di olio raffreddato mi è sfuggito di mano e si è rotto ungendomi il pavimento appena lavato della cucina.
Da lì in poi sono andata in apnea e ho dimenticato pure di decorare il piatto con le erbe aromatiche, che pure erano state lavate, asciugate e sfogliate e aspettavano solo di essere spolverate sul piatto.

Consapevole di queste mancanze chiedo perdono in ginocchio sui ceci mentre vi presento per l'MTC di giugno 2013 la mia versione dell'insalata liquida di Cannavacciuolo (il quale se la vedesse mi farebbe sicuramente oscurare il blog ^_^).

INSALATA LIQUIDA
Di Antonino Cannavacciuolo – da: Grande Cucina, maggio 2013



Per 4 persone:

1 cespo di scarola
100 ml di olio extravergine di oliva
1 burrata di bufala
50 ml di panna fresca
15 g di acciughe dissalate
4 scampi di media grandezza (io: gamberi rossi)
1 fresella integrale
1 rametto di timo limone
1 rametto di maggiorana
1 rametto di santoreggia
Sale

Per le perle di vinaigrette al basilico 
(variante della ricetta tratta da Michel Roux – Salse – Bibliotheca Culinaria grazie a Greta di Greta's Corner):

15 g di foglie di basilico fresche
2 cucchiai di aceto di vino rosso (io ho usato aceto di Champagne per via della presenza del gambero crudo)
1 piccolo spicchio d’aglio privato dell’anima e tritato finemente
30 g di scalogno tritato finemente
40 g di pomodoro spellato e privato dei semi
Sale e pepe di mulinello
0,5 g di agar-agar
1 bicchiere di olio

Preparare l’insalata liquida: lavare accuratamente la scarola come spiegato da Elisa qui e sbollentarla per 3 minuti in acqua bollente salata.
Toglierla dalla pentola con un mestolo forato e raccogliere l’acqua che ne scola; raffreddare la scarola in una ciotola con acqua e ghiaccio, strizzarla e frullarla con l’olio di oliva ed eventualmente un po’ dell’acqua di cottura tenuta da parte. Regolare di sale.

Preparare la stracciatella di bufala: privare la burrata dell’involucro di pasta filata, ricavandone solo il cuore. Frullarlo insieme alla panna fresca.

Dissalare le acciughe e conservarle in olio extravergine di oliva.
Sbriciolare la fresella integrale
Sciacquare le erbe aromatiche, asciugarle tamponandole delicatamente con carta da cucina e staccarne le foglie

Preparare le perle di vinaigrette al basilico: versare l’olio (va bene un olio d’oliva non extravergine) in un bicchiere e riporlo in freezer per 40 minuti: dev’essere molto freddo ma non deve iniziare ad addensarsi.
Nel frattempo mischiare tutti gli ingredienti della vinaigrette tranne l’agar-agar e frullarli in modo da ottenere un composto omogeneo. Regolare di sale e pepe, poi versarlo in un pentolino unendo l’agar-agar e portare a ebollizione, poi spegnere e far raffreddare un poco.

Servendosi di una pipetta o di una siringa senz’ago aspirare un po’ del composto e versarlo, goccia a goccia, nel bicchiere di olio freddo. Bisogna lavorare velocemente perché l’olio si scalda; lo shock termico farà addensare le perle di vinaigrette, grazie all’agar-agar.
Raccogliere delicatamente le perle e sciacquarle per eliminare quanto più olio possibile. Io in realtà non mi sono impegnata tanto in questa operazione di distacco perché, non avendo messo olio nell'emulsione della vinaigrette (temevo non gelificasse) volevo lasciarne un po', visto che comunque rientra nella composizione della vinaigrette (nella ricetta originale di Roux ce ne vanno 2 cucchiai).

Sgusciare gli scampi, dividerli a metà e privarli del budellino.

Montare l’insalata: distribuire la crema di scarola in 4 piatti; disporre sopra ciascuno 3 acciughe, 3 cucchiaiate di stracciatella di burrata, 2 metà di scampo, briciole di fresella e qualche perla di vinaigrette. Completare con le foglie di erbe aromatiche miste e servire.
(Ossignur!!! Ho dimenticato le erbe aromatiche!!!!)

Nonostante l'aspetto non sia raffinato come nella presentazione del grande Chef, devo dire che il sapore dell'insieme era fresco e gradevole. Posso però confessarvi che la mia opinione sulla cucina molecolare è analoga a quella che ha Fantozzi sulla Corazzata Potemkin? :-D

24 commenti:

  1. Ciao Mapi! Sei stata bravissima come sempre. Secondo me Cannavacciuolo ti farebbe i suoi complimenti altro che oscurare il blog.
    Adoro i gameberi crudi per non parlare della burrata di bufala. BUONISSIMA!!!
    GRANDISSIMA MAPI!

    Cristian

    RispondiElimina
  2. L'insalata liquida non è nel mio genere xo ci sono spinti interessanti, E la mucillagine è geniale

    RispondiElimina
  3. della cucina molecolare non butterei tutto ma anche a me le insalate liquide proprio non vanno giù anche se sono liquide e dovrebbero scendere meglio :-))
    la tua comunque è stata una giusta interpretazione, indovinato il parallelo storico, bravissima!
    Cris

    RispondiElimina
  4. tu dici che l'aspetto non è raffinato? A me invece sembra molto belle epoque, ricercato ed elegante. E la fresella sbriciolata un chiaro tentativo di corruzione del terzo giudice! Complimenti (e che lo dico a fare?)

    RispondiElimina
  5. Partendo dall'idea che non amo molto le consistenze liquide ( mio marito mi rifila passati di verdure a tutto spiano!) devo ammettere che questa insalata mi attira e come.
    Mi piace l'accostamento dei sapori e poi non è completamente liquida, insomma non la si può bere con la cannuccia e già questo è un ottimo inizio, per me!
    Quelle perle di vinaigrette, la stracciatella di bufala, le acciughe, direi che niente è stato lasciato al caso, incluso la parte croccante con le friselle:
    Bravissima è riduttivo per le tue creazioni!

    RispondiElimina
  6. chiamarla originale è riduttivo, grande impegno e grande ingegno :-)

    RispondiElimina
  7. Mapi ma ...ma... solo tu potevi proporre una versione simile!
    Più che oscurare il tuo blog dovrebbero iluminarlo perche sei veramente un genio!

    (io t'immagino sempre con una lampadina in testa e con farfaline nelle mani!!)



    besos grande!

    RispondiElimina
  8. ...anche a me sta mettendo in difficoltà la ricetta...come sempre! La ricetta è fantastica, anche se liquida....un'interpretazione degna dell'MTC...un abbbraccio cri

    RispondiElimina
  9. Ti dirò solo una cosa... sono talmente curiosa di capire come possa essere questa meraviglia che quasi quasi me la faccio :)
    Mitica come sempre!

    RispondiElimina
  10. che pazza sei! ma tutti i geni lo sono un po', no?
    ;)))
    grande mapi, ti abbraccio :)

    RispondiElimina
  11. Non so il Cannavacciuolo ti farebbe oscurare il lob, ma io, se potessi, sì... sei sempre oltre... e chi ti può raggiungere???
    P.s. Voglio l'aceto di champagne, mi sembra chiccosissimo!

    RispondiElimina
  12. Mapi, Mapi ogni tuo piatto è uno shock e questo non è da meno! Però concordo con Stefania in merito al tuo tentativo di "arruffianamento" del giudice anche se aggiungo.....non ti serve, sei già abbastanza grande!

    RispondiElimina
  13. Non so che aspetto abbia l'orginale, ma la tua composizione è da urlo, sembra un quadro di un pittore. Stupenda, mi hai lasciata senza parole! il tuo tocco "alla Mapi" con il caviale di vinaigrette completano e rendono ancor più speciale questa meraviglia!
    chapeau!
    Francy

    RispondiElimina
  14. Risposte
    1. Cosa pensi? Comincio a inquietarmi... ^_^

      Elimina
    2. ciao mapi...penso e a me piace pensare...perchè mai dovrebbe inquietare il pensiero? non c'è cosa piu' bella e positiva che pensare, non credi?

      Elimina
  15. Mapi tu non sarai tanto soddisfatta ma il risultato mi sembra strepitoso e moooolto originale invece! Per me sei stata semplicemente bravissima ;-)

    RispondiElimina
  16. i ceci, in effetti, sarebbero potuti essere quel quid...
    dunque: come te, certi estremi li lascio agli chef- e la cucina molecolare, passo: ho già dato, ai tempi della famosa cena al Guggenheim con Fabio e Annalu e francamente ne faccio a meno.
    Però, siam sempre lì: una volta che si trova un punto di incastro, fra stili che da soli non convincono, ma messi insieme chissà, ti si aprono prospettive differenti. Ovvio che tutto dipende da chi lo propone, questo incontro. e- chissà perchè- se me lo dici tu, mi convinco all'istante. E comunque, le perle di vinaigrette al basilico, mapi... solo tu...!

    RispondiElimina
  17. questa è un'opera d'arte in tutti i sensi, la burrata è una delizia per il palato e le perle di vinaigrette al basilico sono una genialata!! complimenti!!!!

    RispondiElimina
  18. accipicchia mapi, ma tu ogni volta metti il paletto un po' più in alto, ma come fai?!?!" pure l'insalata liquida!
    maremma che roba chic!
    io quasi quasi mi vado a nascondere...
    come puoi dire che non ti è piaciuto come è venuta, a me sembra una figata.
    l'unica cosa che potrebbe perplimermi è il sapore, ma se dici che è buona, cosa c'è che non va?
    altro che corazzata potemkin, tu sei l'ejzenstein della cucina in persona :-)

    RispondiElimina

Nella Apple Pie c'è posto per tutti, tranne i maleducati. :-)