lunedì 25 febbraio 2013

PETTO D’ANATRA ARROSTO IN SALSA DI GOJI E CONFETTURA DI ROSA CANINA


Nevica a Milano, nevica a larghe falde e questa volta, a differenza di quanto accaduto in settimana, la neve attacca. Si è avvinghiata ai rami spogli degli alberi rivestendoli della sua candida magia, e mi ha fatta tornare indietro di due mesi, ricordandomi
irresistibilmente il Natale. 
Una tazza fumante di gløgg, un plaid caldo e colorato sulle gambe e un buon libro, con della musica rilassante di sottofondo, ci sarebbero stati proprio bene. 
E invece no: ho rimandato il relax alla sera e mi sono messa ai fornelli, perché una decina di giorni fa mi è arrivata la boîte magique dall'Azienda Agricola Prunotto, che sponsorizza il nuovo contest di Emanuela-Arricciaspiccia: Dolcemente salato

L'Azienda Agricola Prunotto ha mandato alle partecipanti 4 prodotti dolci con cui realizzare ricette salate: confettura di rosa canina, gelatina di aceto balsamico, gelatina di dolcetto e composta di fichi.

Ho voluto cominciare dal prodotto che mi ispirava di più, la confettura di rosa canina, e ho voluto abbinarla al petto d'anatra, che notoriamente va d'accordo con la frutta, creando salsa di frutti rossi, dove i goji la fanno da padroni, ma dove la nota discreta della confettura di rosa canina, unita ad aceto di lamponi e crème de cassis, si fondono a meraviglia.
Per la preparazione del petto d'anatra ho usato la doppia cottura: grigliatura iniziale per provocare la reazione di Maillard e il calore diffuso del forno per completare la cottura.

Il risultato finale a me è piaciuto e spero che lo apprezziate pure voi.



PETTO D’ANATRA ARROSTO IN SALSA DI GOJI E CONFETTURA DI ROSA CANINA

Per 4 persone:

2 petti d’anatra
30 g bacche di goji disidratate
30 g burro
1 scalogno
50 ml vino bianco secco
Il succo di 1 arancia
Il succo di 1 lime
20 ml aceto di lamponi
1 cucchiaio di confettura di rosa canina
1 cucchiaio di crème de cassis
Sale
Pepe di mulinello

Preparare la salsa: far rinvenire i goji per mezz’ora in una tazza di acqua calda, poi scolarli.
Far fondere il burro in una casseruola e appassirvi lo scalogno finemente tritato. Versarvi il vino, il succo di agrumi e l’aceto di lamponi e portare a ebollizione. Unire a questo punto i goji – tenendone da parte qualcuno per la decorazione - e il brodo caldo (che, lo ricordo, non deve essere salato), salare leggermente e abbassare la fiamma, facendo sobbollire fino a ridurre la salsa della metà.
Frullare la salsa ottenuta, unirvi un cucchiaio di confettura di rosa canina e un cucchiaio di crème de cassis, regolare di sale e pepe e tenere in caldo.

Arrostire i petti d’anatra: preriscaldare il forno a 190 °C in modalità statica.
Eliminare con una pinzetta eventuali residui di piume rimaste sui petti d’anatra, pareggiarli tagliando la pelle in eccesso ai bordi, quindi incidere col coltello la pelle praticando dei tagli trasversali. Fare altrettanto nel senso opposto in modo da ottenere delle incisioni “a rombo”.
Mischiare in una ciotola sale e pepe di mulinello e massaggiare con essi i petti da ambo i lati.
Scaldare su fiamma vivace una padella che possa andare anche in forno e quando è sufficientemente calda adagiarvi i petti dal lato della pelle. Non è necessario aggiungere alcun grasso, quello contenuto nella pelle si scioglierà e sarà più che sufficiente (direi perfino… eccessivamente abbondante! J).
Far dorare i petti per qualche minuto, poi voltarli e farli grigliare un paio di minuti dal lato della carne. Spegnere il fuoco, toglierli momentaneamente dalla padella ed eliminare il grasso in eccesso.
Rimettere i petti in padella adagiandoli dal lato della pelle e infornarli per 7-8 minuti se si vuole la carne al sangue, 10-12 se la si vuole cotta a puntino.

Estrarre la carne dal forno e farla riposare 10 minuti, poi affettarla e servirla, nappandola con la salsa di goji.


6 commenti:

  1. qua c'è sempre da imparare, quanto mi piace!!!

    RispondiElimina
  2. Facciamo finta che quello che dice Acquolina l'abbia detto anche io... e poi aggiungo che questa salsina di goji/rosa cannina mi fa proprio aprire non soltano gli occhi, ma anche l'appetitto l'olfato e in definitiva tutti i sensi!

    besitos!

    RispondiElimina
  3. Facciamo finta che quello che dice Acquolina l'abbia detto anche io... e poi aggiungo che questa salsina di goji/rosa cannina mi fa proprio aprire non soltano gli occhi, ma anche l'appetitto l'olfato e in definitiva tutti i sensi!

    besitos!

    RispondiElimina
  4. ...ti ho scritto un comento e il sig. Bloguer mi ha detto: Service Unavailable Error 503
    GGgrrrrr!!! Meno male che la tua salsina di rosa canina e goji mi può fare dimenticare tutto...

    Comunque volevo dire che concordo con Acquolina (qua sopra)

    besitos!

    RispondiElimina
  5. UN SECONDO VERAMENTE SPETTACOLARE!!e' da poco che abbino dolce e salato ma soprattutto sui piatti di carne ci sta tutto!

    RispondiElimina
  6. Caspiterina Mapi! Così mi conquisti subito :)! amo il petto d'anatra! Ne vado matta! E questa salsina agrodolce che ripulisce la bocca dal forte sapore della sua carne mi fa venire una voglia di assaggiarlo che non hai idea! Ricetta splendida e spiegata in modo eccellente. Si vede che di cucina ne sai di brutto ;)!
    Ti abbraccio tesorina!
    Grazie di cuore per aver scelto di partecipare! E' un'onore averti tra le concorrenti <3!
    Smack!!!
    Ema

    RispondiElimina

Nella Apple Pie c'è posto per tutti, tranne i maleducati. :-)