lunedì 17 dicembre 2012

Gløgg




E' da quando la mia collega Starbooker Cristina ne ha pubblicato la ricetta, che muoio dalla voglia di farlo. Sarà che mi piace molto il vin brulé e lei ha scritto che il gløgg, sua versione scandinava, è molto più buono; sarà perché avevo voglia di fare agli amici un regalo di Natale diverso dai soliti biscottini e marmellate, fatto sta che lo scorso fine
settimana sono corsa a procurarmi gli ingredienti e ho preparato tanto estratto per gløgg. Tantissimo estratto per gløgg. Dieci litri, per l'esattezza.
Non che io fossi partita con l'idea di farne 10 litri, intendiamoci: volevo solo preparare una ventina di dosi da 250 ml, che poi ho ulteriormente aumentato pensando di regalarlo anche a questo e a quello. 
Solo che la Sig.ra Hahnemann, nello scrivere la ricetta dell'estratto, non ha menzionato l'acqua tra gli ingredienti (io l'ho aggiunta in corsivo) e solo dopo aver versato nella pentola 3,600 litri di succo di ribes nero mi sono resa conto che avrei dovuto diluirlo con più di 5,400 litri di acqua, a cui dovevo aggiungere 1,350 litri di succo di limone. Il risultato è stato che ho dovuto cambiare pentola di corsa, dare fondo a tutti i miei limoni e a tutto il mio cardamomo e soprattutto dare la caccia a tutte le bottigliette e i vasetti vuoti che avevo in dispensa.
Il risultato però ne è valsa la pena: la casa era profumatissima di spezie e quest'anno i miei amici brinderanno letteralmente a me, mentre gusteranno i loro gløgg caldi e profumati!

Prima di passare alla ricetta vorrei ringraziare ancora una volta Cristina di Vissi d'arte e di cucina: io ho potuto infatti fotografare le mie bottiglie di estratto, ma non il gløgg nei bicchierini e lei molto gentilmente mi ha messo a disposizione tutte le foto che aveva fatto quando ha pubblicato la ricetta per lo Starbooks.
Prosit Cristina, e Buon Natale! :-)


Estratto per Gløgg
(Da: Trine Hahnemann - Scandinavian Christmas)

Per 2 bottigliette da 250 ml:
200 ml di succo di ribes nero
300 ml di acqua
75 ml di succo di limone
20 chiodi di garofano
10 bacche di cardamomo, leggermente schiacciate
2 bastoncini di cannella lunghi 5-6 cm
200 g di zucchero

Mettete tutti gli ingredienti in un pentolino insieme a 300 ml di acqua. Incoperchiate e portate a bollore, mescolando ogni tanto per sciogliere lo zucchero. Lasciate sobbollire per 30 minuti, poi filtrate il liquido attraverso un colino fine.

Eliminate le spezie, poi versate l'estratto in bottiglie sterilizzate e tappate subito.
Riposto in luogo fresco e buio si conserva per parecchi mesi.

...E delle spezie eliminate che ne facciamo, le buttiamo? Assolutamente no!!! Sono ancora sufficientemente profumate per poter essere utilizzate. Io le ho disposte sulla placca del forno in un unico strato e le ho fatte asciugare a 40-50 °C per qualche ora per eliminare l'umidità residua, poi le ho macinate e utilizzate per i biscotti di panspeziato che preparo ogni anno, a grande richiesta di famiglia e amici. 

Per sterilizzare bottiglie e barattoli io procedo come per le marmellate: metto bottiglie, vasetti e rispettivi coperchi nel forno freddo; accendo poi il forno in modalità ventilata a 120 °C e lascio tutto in forno per tutto il tempo che occorre per cuocere l'estratto, tirandole fuori solo al momento di imbottigliare. Imbottiglio servendomi di un imbuto in metallo (quello in plastica fonderebbe!), tappo per bene e capovolgo per formare il sottovuoto. Rimetto diritte le bottiglie e i barattoli solo dopo che il contenuto si è perfettamente raffreddato.


Gløgg
(Da: Trine Hahnemann - Scandinavian Christmas)

Foto Vissi d'arte e di cucina
Per 8 bicchieri:
250 ml di estratto di gløgg
750 ml di vino rosso (e che sia buono!)
150 g di mandorle pelate, tagliate a bastoncino
150 g di uvetta

Mettete il vino, l'estratto di gløgg, le mandorle e l'uvetta in un pentolino. Scaldate a fuoco basso per 10 minuti, senza far prendere il bollore.

Servite in bicchieri di vetro, con un cucchiaino per "pescare" l'uvetta e le mandorle.

6 commenti:

  1. Ti piace il vin brulé? Io l‘adoro. Ogni anno in questo periodo mi ritrovo in Austria con una tazza che sembra quella del caffelatte e dieci gradi sotto zero a bermi un Glühwein (equivalente del vin brulé) fumante sotto una fitta nevicata mentre uno pseudo San Nicoló mi passa accanto con la sua barba bianca. E sento che sta arrivando il Natale ;)
    Inizialmente, invece di leggere 3,600 litri di succo di ribes nero ho letto 3.600 e mi sono spaventata ;) mi piace questo glogg. Da provare!

    RispondiElimina
  2. 10 litri??? penso che potrai fare regali a tutta Milano e dintorni! :D

    RispondiElimina
  3. Che splendida idea hai avuto Mapi!!!
    Mi piacerebbe tantissimo provarlo......... (!!!)
    provero' a farne un poco anch'io, cosi' potro' confrontare.........eventualmente!
    Bacioni, Diana

    RispondiElimina
  4. non ne avevo mai sentito parlare! chissà che buono! mi piacciono tantissimo le spezie :)
    buona giornata
    sabrina
    http://mycherrytreehouse.blogspot.it/

    RispondiElimina
  5. e vabbè... ma c'era scritto subito sotto che ci voleva anche l'acqua ;))) fai come i tedeschi: leggere TUTTA la ricetta prima di cominciare, jaaaaa!!!
    bacio grande

    RispondiElimina

Nella Apple Pie c'è posto per tutti, tranne i maleducati. :-)