lunedì 10 settembre 2012

Cous Cous trapanese per Cinegustologia!


La commedia è servita è il titolo del bellissimo contest della Patty, che consiste essenzialmente nella libera associazione tra un film e un piatto. La prima volta che ho letto di che si trattava e il regolamento, confesso di essermi spaventata: apprezzo i buoni film come tutti, ma non posso certo definirmi un'appassionata o un'intenditrice. Poi ho
riletto attentamente il suo esempio con Victor-Victoria, e le rotelle del cervello hanno cominciato a darsi da fare.
Certo, quel limite delle 3000 battute spazi inclusi... :-) ho fatto un po' fatica ad attenermi, ma le regole sono regole e vanno rispettate. ;-)



Per questa mia prima interpretazione (commedia sofisticata) ho scelto La rosa purpurea del Cairo di Woody Allen, uscito nel 1985 e che ho visto per la prima volta in lingua originale proprio quell'anno, perché mi trovavo in Inghilterra per motivi di studio.

New Jersey, anni ’30. Cecilia fa la cameriera per mantenere se stessa e un marito dispotico e fannullone. Ciò che l'aiuta a tirare avanti è andare al cinema, dove guarda film romantici e sogna una vita diversa. Un giorno perde il lavoro e si consola rifugiandosi al cinema, dove guarda per l'ennesima volta La rosa purpurea del Cairo. Tom, protagonista del film, si accorge di lei e improvvisamente interrompe la recitazione (già prima si vede che ha lo sguardo inquieto) per esclamare: “Perbacco, deve piacerti molto questo film!”. Seguono un dialogo surreale (“dici a me?” “sì, dico a te: è già la quinta volta che lo vedi”) e l’uscita del personaggio dallo schermo, tra lo sconcerto del pubblico e del direttore del cinematografo. Tom e Celia escono all’aperto, si conoscono e si innamorano; sono gli unici personaggi che possono passare a piacimento dalla realtà alla finzione cinematografica, grazie a una sorta di innocenza che permette loro uscire dagli schemi prefissati della vita e del piccolo schermo. Gli altri invece vivono secondo il ruolo che è stato loro assegnato e faticano a discostarsene.


Nel frattempo però anche in tutte le altre pellicole del film il personaggio è uscito di scena, con grande disastro per gli incassi. La casa cinematografica fa pressione su Gil, l’attore che interpreta Tom, per cercare di convincere il personaggio a rientrare nella pellicola. Questi rintraccia quindi Cecilia, la corteggia all’insaputa di Tom e la convince a venire via con lui, che appartiene alla vita reale. Celia sceglie Gil e Tom, fortemente deluso, rientra nel film. Gil però, una volta ottenuto il suo scopo sparisce, lasciando nuovamente Cecilia sola con i suoi sogni e la sua vita uggiosa di sempre.



Il piatto che io associo a questo film è il cous-cous di pesce. L’umile semola, che ha subìto una lavorazione appena accennata, tanto che non è nemmeno diventata pasta, viene messa a cuocere avvolta dal vapore onirico del brodo di pesce che sobbolle sotto di lei, sussurrandole parole d’amore e impregnandola dei suoi profumi. La semola a contatto col vapore si gonfia e prende nuova vita; esce dalla pentola e riposa tra le braccia del brodo profumato. “Vieni con me”, le dice il pesce: io sono reale, non svanisco in niente come il vapore! E la semola gli dice di sì, esce dal brodo ed entra nel piatto in fiduciosa attesa; ma il pesce, che con la bollitura prolungata ha speso ogni sua energia, non è più buono per essere servito con il cous-cous e l’abbandona, dicendole di trovarsi un’altra zuppa appena fatta, più adatta per accompagnarla.

COUS COUS TRAPANESE
(Da: Antonio Cardella - Sicilia in bocca - Harel edizioni)



Per preparare il cous-cous ci vorrebbe l'apposita pentola in terracotta, la cuscussiera. Se come me non l'avete, potete tranquillamente usare una pentola per la cottura al vapore.

Per 6-8 persone:
  • 600 g cous cous a grana medio-fine
  • 1,5 - 2 kg* pesce misto da zuppa (triglie, gallinelle, scorfani, merluzzetti, pesce San Pietro, dentici, pescatrice, etc.). Scegliere almeno 4 tipi diversi di pesce.
  • 1 cipolla
  • 3-4 spicchi d'aglio
  • 5 pomodori
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • 2 gambi di sedano, foglie incluse
  • 1 mazzetto di basilico
  • 1 peperoncino di Cajenna sbriciolato
  • olio extravergine d'oliva 
  • 1 cucchiaio di estratto siciliano di pomodoro (o di triplo concentrato)
  • sale 
  • pepe
  • noce moscata
  • 2 chiodi di garofano
  • 3 l acqua bollente
Per saldare la pentola:
  • 150 g farina 00
  • 80 ml di acqua
* se acquistate più pesce, ne userete una parte per fare la ghiotta e il rimanente per preparare una zuppa di pesce a parte, con cui accompagnare il cous-cous.

In teoria il pesce utilizzato per la ghiotta non andrebbe usato in accompagnamento al cous cous perché ha perso oramai tutti i suoi elementi nutritivi, cedendoli al brodo. In pratica però non ho ancora conosciuto la massaia che abbia cuore di buttarlo. Io ne riduco la polpa, accuratamente diliscata, in piccoli pezzi, che mischio alla semola prima di servirla.

Preparare la ghiotta di pesce: affettare finemente la cipolla e metterla a freddo in una capace pentola di terracotta insieme ad abbondante olio. Tritare gli spicchi d'aglio e unirli alla cipolla. Solo a questo punto accendere il fuoco e soffriggere dolcemente. Unire dopo 4-5 minuti (la cipolla deve essere diventata trasparente) le erbe aromatiche tritate, l'estratto (o il triplo concentrato di pomodoro) diluito in poca acqua e il peperoncino sbriciolato, mescolare e poi aggiungere i pomodori pelati, privati dei semi e tagliati a dadini. 
A questo punto aggiungere il pesce, che per motivi pratici consiglio di chiudere morbidamente in una doppia garza da cucina per evitare che le lische pervadano gli altri ingredienti. Coprire con 3 l di acqua bollente, salare, pepare, aggiungere i chiodi di garofano e una punta di noce moscata, portare a ebollizione e far cuocere la zuppa per circa mezz'ora.

Nel frattempo impastare farina e acqua e mettere l'impasto a riposare coperto da pellicola trasparente.

Trasferire un terzo abbondante del brodo e le teste dei pesci nella parte inferiore della cuscussiera (o della pentola per la cottura a vapore), diluendolo con 1 litro di acqua calda.
Ungere uniformemente la semola con poco olio extravergine di oliva (10 g di olio per ogni 100 g di semola) e mescolare bene con una forchetta per essere certi che venga unta uniformemente: questo le permetterà di non attaccarsi durante la cottura, diventando un unico pastone. Disporre la semola su una doppia garza da cucina o su un tovagliolo a trama non troppo spessa (lavato a mano con sapone di marsiglia, sciacquato benissimo e senza ammorbidente), mettere il tovagliolo con la semola nella parte superiore della cuscussiera o sul cestello per la cottura al vapore e badare che sia distribuita uniformemente. 

Tirare l'impasto di farina e acqua precedentemente preparato formando una striscia lunga, stretta e sottile (circa 4 cm di larghezza). Se la striscia dovesse risultare più larga non preoccupatevi: stendetela, poi tagliatela a metà nel senso della lunghezza, saldate i due capi e continuate a stendere. 
Saldare la parte inferiore della pentola a quella superiore, in modo che il vapore non fuoriesca ma vada tutto verso la semola, facendola cuocere.


Incoperchiare, portare a bollore e far cuocere per un'ora e mezza, poi togliere la semola dal cestello, versarla in una pentola di terracotta pulita e sgranarla bene con i rebbi di una forchetta. Estrarre i pesci dalla garza, staccare qualche pezzettino di polpa, diliscarla e mescolarla alla semola. Versarvi quindi la metà del brodo (ben caldo) tenuto da parte e debitamente filtrato, poi chiudere ermeticamente la pentola e far riposare per un quarto d'ora. Aggiungere altro brodo tenendone un poco da parte e servire, accompagnando con dell'altro pesce accuratamente diliscato, che si sarà cucinato in zuppa separatamente e il restante brodo di pesce ben caldo, con cui ogni commensale irrorerà a piacere la preparazione.



22 commenti:

  1. Io adoro quel film! E mi piace molto l'associazione con questa ricetta! :)
    Un bacione

    RispondiElimina
  2. Complimenti!!! Bellissima la tua descrizione del perchè hai scelto questo piatto e il piatto stesso!!!! Buona serata

    RispondiElimina
  3. Allora ... come prima cosa, la metafora della semola è pazzesca!!! come seconda cosa, il cous cous di pesce è uno di quei piatti che è una vita che mi sogno di fare e che ancora non ho osato affrontare. Complimenti davvero!

    RispondiElimina
  4. Anche tu con Woody!!bellissima veramente!Un accostamento meraviglioso!! ^_^
    Mi aggiungo ai lettori fissi,c'è un posticino per me?
    A presto
    Monica

    RispondiElimina
  5. Adoro questo piatto...almeno quanto il film, ne sento il profumo fin qui!!

    ciao loredana

    RispondiElimina
  6. Ecco, quando si dice che la classe non è acqua!

    RispondiElimina
  7. La " storia" del cous cous e del pesce è veramente carina....bravissima.
    Ottimo piatto,parola di Trapanese.

    RispondiElimina
  8. Ah ma assocciare la rosa purpurea del Cairo al cous cous !! E chi ci avrebbe pensato.....!! Eppure é vero....

    RispondiElimina
  9. Adoro questo film!!! e hai fatto una bellissima analisi e un piatto stupendo!

    RispondiElimina
  10. Ecco, vedi, quando mi rendo conto che siete entrate nel gioco, io mi commuovo e mi galvanizzo come una pazza e tu non sai quanto mi hai fatto galvanizzare con questa analisi cinegustologica. Davvero bravissima e splendida l'associazione che hai trovato, in una ricetta tanto complicata quanto preziosa. Sono davvero felice che tu abbia partecipato Mapi....mi verrebbe da dire che hai ancora tempo per la commedia leggera, vedi tu! T abbraccio forte e ti inserisco subito! Buona giornata, Pat

    RispondiElimina
  11. Porca miseria che ricetta! Un cuou cuous con i fiocchi e controfiocchi!!! micidiale l'associazione con La rosa purpureo del Cairo del grande maestro Woody Allen... veramente grandi idea e soprattutto .... grande piatto di cucina speciale! :O)

    RispondiElimina
  12. buonissimo! ha un'aria mooolto invitante!
    in bocca al lupo per il contest! ;)

    RispondiElimina
  13. *O* hai scelto uno dei miei film preferiti di Woody Allen...ti adoro anche per questo :D! Anche se sulla questione "film preferiti" farei meglio a stare zitta, altrimenti ricomincio a mettere in dubbio il secondo film che ho scelto per questo contest ^^'''...me ne piacciono talmente tanti che non è stato per niente facile sceglierne solo due!
    E da siciliana con mamma del trapanese è superfluo aggiungere che il cous cous di pesce è uno dei miei piatti preferiti, fin da piccola (e io da piccola ero mooolto schizzinosa col pesce XD)...ma te lo dico lo stesso ;)!
    Un bacione :*

    RispondiElimina
  14. Vorrei scatenare un pizzico di invidia nell'intero web: avete ragione, il paragone è azzeccatissimo, raffinato e davvero invitante, ma il cous cous è davvero FANTASTICO!!!! Io l'ho assaggiato per cui ne posso parlare a ragione. GRANDE MAPI!!! Cristina P.

    RispondiElimina
  15. ecco... cosa si può dire a una che ti scrive un post così? che ti propone uno dei più bei film dell'universo abbinandolo rocambolescamente a una ricetta spaziale? eh, cosa le si può dire??
    soltanto: voglio quel cous cous!!!!!!!
    mapi, sei il mio mito :))))

    RispondiElimina
  16. già sono in crisi sulla partecipazione al contest della Patty perchè non trovo l'ispirazione, leggendo il tuo post mi demoralizzo, è semplicemente perfetto e così raffinato, tutto...sei una grande non c'è altro da dire!
    Cris

    RispondiElimina
  17. Ho amato la rosa purpurea del cairo, e amo il cous cous. E la tua ricetta è davvero invitante. La farò, e intanto mi sono aggiunta ai tuoi lettori... a presto!

    RispondiElimina
  18. Bel film bella interpretazione e bella ricetta ! Poi adoro il cous cous....

    RispondiElimina
  19. ero convintissima di aver già commentato. vabbè, ci ritorno, visto che il post me l'ero letto tutto dall'inizio alla fine.
    il film è delizioso, e tutto il filo conduttore che hai costruito molto sottile e intelligente.
    e la ricetta? beh... quella...

    È BUONISSIMA! sempre un po' più in là, tu!

    RispondiElimina
  20. Ehilààà..bellissima...bellissima la tua versione...del couscous...sai io sono originaria di Trapani..e la tua versione è molto creativa..bella l'associazione tra il film e la semola...ed il valore onirico del brodo...ne vogliamo parlare...mi piace mi piace...quest'elemento ^_^

    RispondiElimina

Nella Apple Pie c'è posto per tutti, tranne i maleducati. :-)