lunedì 2 aprile 2012

SHEPHERD’S PIE


- Mamma che strano, quest'anno non si sono ancora viste le zanzare!
- Tranquillo amore ci sono, ma sono andate tutte a casa della Zia!



Questo dialogo tra il Dolce Principe e mia sorella rispecchia la pura, sacrosanta verità: le giornate sono stupende, l'aria è tiepida e quando torno dal lavoro spalanco tutte le finestre di casa per fare entrare la primavera. 
Ho usato l'indicativo presente? Mi correggo. Spalancavo tutte le finestre di casa per fare entrare la primavera, ma ho smesso subito quando mi sono accorta che insieme a lei entravano le zanzare. Frotte di zanzare. Nugoli.

Sabato scorso, quando è entrata in vigore l'ora legale, ero andata a letto con la fissa che dovevo dormire e cercare di recuperare rapidamente lo scompenso da cambio dell'ora, perché il lavoro sta assorbendo tutte le mie energie e non posso permettermi di essere più stanca di quanto già non sia abitualmente. Stavo per addormentarmi, quando il noto e fastidioso ronzìo che preannuncia una zanzara affamata si è fatto sentire. Brutta disgraziata, pungimi in fretta e vattene! Ho pensato, ma quella continuava a ronzarmi attorno implacabile, impedendomi di dormire. A mezzanotte ho sventolato bandiera bianca e ho cominciato la caccia. Accendo la luce, inforco gli occhiali e... orrore! C'erano 8 zanzare sul muro accanto alla testata del letto!!! Mi sono armata di fazzolettino di carta e ho cominciato ad ammazzarle (e mi avevano già punta tutte, le bast disgraziate!!!), ma qualcuna che sfuggiva c'era sempre. Sono andata avanti così, accendendo la luce ogni tot e facendone fuori qualcuna ogni volta, fino alle 3.30 del mattino, poi mi sono arresa. Il giorno dopo ne ho sorprese altre 2 ancora vive ed ho accoppato pure quelle, ma da quella notte insonne (che, manco a dirlo, ha segnato tutta la mia settimana) ho il terrore delle finestre spalancate e le apro solo al mattino presto, quando le zanzare satolle stanno dormendo e non cercano di entrare nelle case. 

Il Dolce Principe può quindi dormire sonni tranquilli: finché c'è sua Zia che attira le zanzare dall'altra parte della città, lui farà sempre sogni d'oro e arriverà a scuola fresco e riposato... lui! ^_^


SHEPHERD’S PIE
Da: Il grande libro dei cuochi – A cura di Gualtiero Marchesi – Rizzoli

Per 6 persone:
500 g polpa di agnello tritata
250 g piselli surgelati
750 ml brodo di pollo o di agnello
6 piccoli scalogni
1 grossa carota
50 g burro (o 30 g burro chiarificato)
2 cucchiai olio d’oliva
1 cucchiaio concentrato di pomodoro
1 foglia alloro
1 rametto timo fresco
Salsa Worcestershire (qualche goccia)
Sale
Pepe

Per la copertura:
500 g patate farinose (se optate per le teglie individuali, arrivate anche a 750 g)
120 ml latte
125 g burro
2 tuorli
Sale
Pepe

Tritare scalogni e tagliare la carota in piccola mirepoix. Tenerli separati.
Scaldare in un’ampia padella il burro insieme all’olio e farvi cuocere gli scalogni fino a quando diventano trasparenti. Aggiungere quindi la carota, l’alloro e il timo, proseguire la cottura per 2-3 minuti, infine aggiungere la carne di agnello e farla rosolare bene, schiacciandola con una forchetta per dividere i pezzi più grossi. Regolare di sale e pepe, incorporare il concentrato di pomodoro, la salsa Worcestershire e il brodo caldo. Far cuocere 20 minuti o fino a quando si ottiene la consistenza di un ragù. Negli ultimi 5 minuti aggiungere i piselli.

Nel frattempo coprire le patate con acqua fredda, portarle a bollore e farle lessare per 20 minuti o fino a quando non saranno tenere, ma non sfatte. Pelarle e passarle un paio di volte allo schiacciapatate. Scaldare in una pentola il latte e il burro e incorporarli alle patate insieme ai tuorli, sale e pepe.

Preriscaldare il forno a 190 °C in modalità statica. Versare il ragù di carne in una pirofila (o in 6 pirofile individuali) livellandolo. Versare il purè di patate sopra alla carne in uno strato uniforme (per un lavoro ben fatto, metterlo in una tasca da pasticceria dotato di bocchetta larga e liscia), poi livellarlo uniformemente con una spatola o un coltello, quindi decorare la superficie sollevando la punta del coltello a intervalli regolari. 

Passare in forno caldo per 30 minuti o fino a quando la superficie del purè è ben dorata.
Far riposare per 10 minuti e servire, accompagnando volendo con la piccalilli (una giardiniera inglese un po' forte). A me tuttavia piace così com'è! ;-9


21 commenti:

  1. Da questa parte della città se ne vedono davvero poche, voglia di cambiare casa?
    Mi sa che la tua ricetta tornerà utilissima per la settimana di Pasqua, è previsto tempo orribile e un "pasticcio" caldo ci sta benissimo.
    Buona giornata

    RispondiElimina
  2. Copio, ecco la mia ricetta per Pasqua!!

    ciao loredana

    RispondiElimina
  3. Un piatto godurioso, di quelli che piacciono tantissimo a me, copio la ricetta!!

    RispondiElimina
  4. Ti potrei consigliare un fornellino elettrico "amazzazanzare"ma penso tu li conosca..le bestiacce moriranno e non ti sveglieranno e neppure il piccolo Principe sara' disturbato!!!
    Bella ricetta..piacera' anche a Diana penso:-)
    Un caro saluto!!
    Sandra

    RispondiElimina
  5. o caspita! Io sono uno splendido e graditissimo autogrill per zanzare da che ho memoria, quindi comprendo lo stress Mapi! Lieta per il piccolo principe e preoccupata per te! :-) Sulla ricetta come sempre, nulla da dire: sei bravissima, si sa :-)))! Buona giornata e cerca di ripozzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzare un po'!!! ;-)
    Dani

    RispondiElimina
  6. A casa nostra c'è il pargolo n. 2 che le attira e poi io... tutti gli altri dormono sonni tranquilli... :(
    P.s. Questa ricetta mi piace assaissimo... ma dove sta la novità? :*

    RispondiElimina
  7. meraviglioso. un piattini light, molto inglese, ma perfetto e saporito. a me questi "cosi" piacciono tantissimo, è una cucina che adoro.

    per le zanzare... giusto perché sei a milano. se no verrebbero tutte da "mamma gaia", e dai di lei figli. qualche anno fa contai, sulla gota del mio piccolino, trenta (30!!!!) pinzate. e così che la mamma ecologica si arrese al meraviglioso, santo, chimico e probabilmente cangerogeno fornellino.

    RispondiElimina
  8. Che meraviglia di ricetta, la cerco da quando l'ho mangiata in Inghilterra. Grazie
    Un abbraccio, cara e tanti auguri

    RispondiElimina
  9. Non voglio ne anche sentire la parola "zanz..." ! Sono il suo sorbeto preferito... le odio, bleh!
    Di al principe che ci sono pure io che le attiro, può stare il doppio tranquillo.

    Copio anche io, mi piace l'idea dell'agnello in "gateau", non si sa mai che a pasqua deva cucinare io...

    besos

    RispondiElimina
  10. è una 'pie' che mi piace tanto tanto, ma mi credi che non sono mai riuscito a farlo per bene!
    ottimo il tuo!

    RispondiElimina
  11. ma come??, credevo stazionassero tutte da me le zanze malefiche!!!! se ce n'è una nel raggio di 10 km è sicuro che verrà a posarsi sulle mie tenere carni! anch'io mi sono arresa al fornelletto e non m'importa di svegliarmi col mal di gola causa emissioni nocive... l'importante è dormire :))))
    il pie è stupendo!!!!

    RispondiElimina
  12. delizioso...questo piatto lo fa sempre la mia mamma per le occasioni speciali...quanto è buono!

    RispondiElimina
  13. Ciao
    bellissima ricetta....credo ci siano problemi con la mail che hai indicato perchè fallisce sempre l'invio.
    Tanti auguri per una Pasqua serena
    :-)

    RispondiElimina
  14. Cara Mapi, passo di corsa di corsa perché sono in partenza per il Molise dove passerò la Pasqua. Volevo ringraziarti per le tue parole ma soprattutto farti gli Auuguri per questa Pasqua che spero passerai in meravigliosa compagnia. Questa Pie fa già buona parte del successo. Ti abbraccio caramente, Pat

    RispondiElimina
  15. Grazie mille per gli auguri, che ricambio.
    Non c'è nessun errore nell'indirizzo mail, ma fai attenzione: Marellla è scritto con 3 elle. ;-)

    RispondiElimina
  16. bellissima! l'agnello mi piace un sacco, non lo faccio spesso, ma come quasi tutti i greci lo adoro!
    Buona Pasqua!

    irene

    RispondiElimina
  17. Ah...chiedo scusa avevo letto male...proprio sfuggita la terza elle.. grazie comunque per avermi risposto.
    Rinnovo gli auguri a tutto il forum
    Ciao

    RispondiElimina
  18. ci sono anche qui!! già sono arrivate, assurdo ma vero... pensa a quest'estate! oh mammma!! bella questa torta! pensavo ci fosse la sfoglia! davvero particolare! ciao cara buona Pasqua!

    RispondiElimina
  19. buonissimo questo pie...mi devo decidermi a farlo.p.s.> non parliamo delle zanzere perche' mio marito ha una vera fobia ed e'capace di svegliare tutti in piena notte perche'ne sente una girare!tanti auguri!

    RispondiElimina
  20. uuuuh quanto mi piacciono queste ricette! le torte di carne...
    buòòòòòòne! mi sa che per non pensare a dolci e creme estemporanee e dato il freddo hce è tornato prepotentemente stasera me la preparo..

    RispondiElimina

Nella Apple Pie c'è posto per tutti, tranne i maleducati. :-)