venerdì 2 settembre 2011

Fichi Caramellati



Nella nostra campagna in Sicilia non ci sono solo pale di fichi d'India: abbiamo anche un bellissimo agrumeto, alcuni alberi da frutto e 4 o 5 alberi di fico.
I fichi abbondano quindi sulla nostra tavola ed è sempre mia mamma che li coglie la mattina, non si sa se prima o dopo i fichi d'India, per poi portarli in tavola.
Destinarne una parte per preparare i fichi caramellati è stato quindi un passo naturale, anche se la totalità della mia produzione siciliana è andata ai parenti, perché i limiti di peso del bagaglio non mi consentivano di portarli con me.
Li ho rifatti volentieri una volta tornata a casa però, perché i fichi caramellati non possono mancare nella mia dispensa. In Romagna li consumano insieme allo squaqquerone, ma io li trovo squisiti anche con i formaggi più piccanti come il pecorino di fossa, e li ho utilizzati anche per il risotto con cioccolato al peperoncino che avevo presentato per le (st)renne di Pasqua.
La ricetta è presa dal libro di Suor Germana "Quando cucinano gli angeli" e a mio avviso è da svenimento. Eccola:

FICHI CARAMELLATI
(Da Suor Germana - Quando cucinano gli angeli)


1 kg di fichi maturi ma sodi
300 g di zucchero (io ho usato 200 g di zucchero Muscovado e 100 g di zucchero semolato)
1 limone non trattato (succo e scorza)
1 stecca di cannella
1 tappo di rhum scuro


Lavare i fichi, tamponarli delicatamente con carta da cucina e disporli con la buccia in un unico strato e in cerchi concentrici dentro una pentola di capienza adeguata.
Versarvi sopra lo zucchero, il succo e la scorza grattugiata del limone e la stecca di cannella, coprire e lasciar macerare al fresco per tutta la notte.
Il mattino dopo metterli sul fuoco bassissimo (io uso il fornello più piccolo con la fiamma ridotta al minimo) e farli cuocere molto lentamente per 6-8 ore.

Dopo un'oretta di cottura avranno già rilasciato una parte del loro succo e comincerenno a muoversi e galleggiare.


Proseguire la cottura fino a quando si saranno caramellati, senza mai toccarli: i fichi devono infatti rimanere interi e assumere una colorazione bruna caramellata. Questo "lotto di produzione" ha cotto solo per 6 ore, ma mi è capitato di averne alcuni che si sono caramellati dopo 10 ore; la media comunque è di 8 ore di cottura.
Togliere la stecca di cannella.

Sterilizzare i vasetti e i loro coperchi e invasare delicatamente i fichi caramellati. Sciogliere lo sciroppo rimasto nella pentola con 1 tappo di rhum e versarlo nei vasetti.
Incoperchiare i vasetti e capovolgerli fino al raffreddamento, per creare il sottovuoto.


12 commenti:

  1. Ma come sono belliiiiiii e buoniiiiiiii. Li voglio anch'io!!!

    RispondiElimina
  2. MApiiiiiiiiiiiiii...je t'aime...desideravo una ricetta dei fichi caramellati collaudata..e se la posti tu...VADO SUL SICURO...grazie,...e goditi il weekend...bacionissimi, Flavia

    RispondiElimina
  3. che buoni! li fa mia suocera e io non ho mai provato, che pigra...

    RispondiElimina
  4. mi hanno attirato l'attenzione perchè sono simili ai nostri in grecia. se ti va guarda qui

    http://mangiaregreco.blogspot.com/2011/08/retseli.html

    RispondiElimina
  5. Mary sono davvero buoni! :-9

    Meris grazie! Te ne mando un vasetto? :-D

    Flaviaaaaa!!!! Tesoro ciaoooo!!!! Sono contenta che questa ricetta possa tornarti utile: a me piace moltissimo.

    Acquolina, se li fa la suocera in effetti non viene voglia di mettersi in ballo con 8 ore di cottura, ti capisco. Io però sono la suocera di me stessa e quindi... ;-)

    grEAT grazie per la visita! In effetti la cucina greca e quella del Sud Italia hanno molto in comune (e non a caso a me la vostra cucina piace da morire). ^_^

    RispondiElimina
  6. Uhhhlallaà Mapy, questi m'ispirano...eccome!!!!!!!!!!!!!!!!!!brava

    RispondiElimina
  7. Ma che bella idea caramellare i fichi! Ma lo sai che non ci avevo mai pensato?! Devono essere deliziosi!

    RispondiElimina
  8. i sto preparando adesso!!! Con la ricetta di Ale però, non avevo ancora visto la tua sul mio blogroll. In mattinata sono andata al mercato tardi e c'erano dei settembrini piccoli piccoli - insomma monoporzione - li ho guardati ed...è stato amore a prima vista. Sul numero di strati però alcune ricette dicono di farne anche più d'uno. Cosa che ho fatto in una pentola ma non sono convinta. Infatti nella tua ricetta si raccomanda uno strato unico. Mmmm vado a spostarli? :))

    RispondiElimina
  9. Francy, sono semplici da fare anche se non propriamente veloci, ma vuoi mettere assaporarne il gusto durante la stagione invernale? :-9

    Claudia sai che li ho scoperti anch'io da 3-4 anni? Ma da allora non manco mai una stagione. ;-)

    Rosy la ricetta di Ale è senz'altro da svenimento, hai fatto bene a sceglierla! ;-) Per quanto riguarda il numero di strati concordo, se ne può fare anche più di uno.
    Questa volta avevo sotto mano solo 1 kg di fichi e quindi ne ho fatto uno strato solo, ma mi è capitato di farne 2, senza alcun problema. Tranqui!!! :-D

    RispondiElimina
  10. Francy, sono semplici da fare anche se non propriamente veloci, ma vuoi mettere assaporarne il gusto durante la stagione invernale? :-9

    Claudia sai che li ho scoperti anch'io da 3-4 anni? Ma da allora non manco mai una stagione. ;-)

    Rosy la ricetta di Ale è senz'altro da svenimento, hai fatto bene a sceglierla! ;-) Per quanto riguarda il numero di strati concordo, se ne può fare anche più di uno.
    Questa volta avevo sotto mano solo 1 kg di fichi e quindi ne ho fatto uno strato solo, ma mi è capitato di farne 2, senza alcun problema. Tranqui!!! :-D

    RispondiElimina
  11. wwwwoowwwoowowwww! Libidine!

    http://gattoghiotto.blogspot.com/2011/09/piccola-bottega-di-campagnauna-nuova.html

    RispondiElimina

Nella Apple Pie c'è posto per tutti, tranne i maleducati. :-)