lunedì 6 dicembre 2010

Terrina di capesante e salmone


Sabato, ora di pranzo, reparto pescheria del mio ipermercato di fiducia. 

- Buongiorno signora, avrei bisogno di un po' di capesante. Avrei bisogno di circa 400 g netti, noce più corallo.
- (con aria incerta) Non può aspettare la mia collega? Torna alle due meno un quarto...
- (guardo l'orologio: sono le 13.15) Ma signora, sono lì dietro a lei, non può darmele?
- E' che questo non è il mio reparto... sto solo sostituendo la collega andata in pausa, perché non c'è nessun altro che lo possa fare...
- Senta signora, facciamo così: mi può pesare una capasanta, con tutto il guscio?
- Va bene... sono 118 grammi.
- Hmmm.... secondo lei più o meno quanto pesa il frutto?
- Non saprei... per me non pesa niente...
- Non è che me ne peserebbe uno? Tanto per sapermi regolare?
- In realtà non è il mio reparto... non so... e poi la bilancia non glielo rileva, pesa troppo poco...
- Ma certo che lo rileva... su signora, gliele compero sa, mica gliele faccio sgusciare per niente...
- Va bene... vediamo un po'... 32 grammi. Oh toh, gliel'ha pesata! Sa, questo non è il mio reparto...
- Ok, allora vediamo... me ne dia 6... anzi no, 12... aspetti, me ne aggiunga altre due...
- Fa 1 kg in tutto.
- Perfetto, 1 kg di capesante mezzo guscio.
- Adesso però le devo mettere nel sacchetto... come faccio?
- Se gliele infilassimo ad una ad una?
- Dice che si può? Sa, non è il mio reparto...
- Ma certo che si può, venga che la aiuto.
- Ha bisogno di altro?
- Beh, veramente vorrei due astici, ma non credo che lei se la senta di pescarli...
- Pescarli da dove?
- Da quella vasca lì in fondo.
- Ah, quelli si vendono? Non sono lì per bellezza?
- No signora, si vendono.
- (con aria ancora più incerta e decisamente schifata) No signora, per gli astici dovrà proprio aspettare la mia collega... sa com'è, non è il mio reparto...

OK. Vedo chiaramente dal volto della mia interlocutrice che non c'è verso di farla anche solo avvicinare alla vasca degli astici: se dovessi insistere, si licenzierà sui due piedi.

- Va bene, allora basta così, grazie.
Sorriso luminoso da parte mia, sospiro di sollievo da parte della povera commessa proveniente da altro reparto, non meglio specificato, dell'iper.
Scelgo un bel trancio di salmone nel banco dove la sua collega della pescheria li aveva confezionati stamattina e mi reco alla cassa.

Questa ricetta è facile, veloce e, come direbbe la mia amica Ale, da porca figura. Io invece la definisco da minimo sforzo per un massimo risultato. Da porca figura, insomma. :-D

Terrina di capesante al salmone
da Meilleur du Chef




Per 10 persone:
400* g di capesante, noce + corallo
100 g di salmone fresco
500 g di panna fresca
1 uovo + 1 albume
8 g di sale fino
pepe di mulinello

* la ricetta originale parla di 375 g, ma secondo voi dopo tutta la fatica fatta per comperarle, mi confondevo per una capasanta? Nossignore! :-D

Sgusciare le capesante, sciacquarle e tamponarle con carta da cucina.
Sciacquare il salmone, tamponarlo con carta da cucina e tagliarlo a cubetti.



Mettere le capesante nel mixer e ridurle in crema. Aggiungere sale, una macinata di pepe, l'uovo e l'albume e frullare ancora. Incorporare la panna e dare un'ultima frullata, per amalgamare bene.

Porre gli stampini di silicone della forma preferita (semisfera, piramide tronca, savarin...) in una teglia più grande, con 2 dita di acqua. Versare il composto di capesante negli stampini, ottenendo 10 porzioni individuali. Distribuire equamente i dadini di salmone in ogni porzione e infornare in forno preriscaldato a 200 °C (modalità statica) per 20 minuti.
Far raffreddare, sformare e servire. Sono buone sia a temperatura ambiente, sia tiepide.


Per togliere l'odore di pesce dagli stampini in silicone, dopo averli lavati versare in ciascuna formella aceto fino a 1/3 della loro capacità, poi completare con acqua fino al bordo e lasciarvela per tutta la notte.

Con questa ricetta partecipo al contest Controcorrente della Renna in Cucina.


21 commenti:

  1. Ussegneur!!!come direbbe qualcun' altro, ma io lo scrivo alla francese.........
    Mapi questo è da Vigilia di Natale!!
    Grazie mi piace anche per il minimo sforzo etc.
    Diana

    RispondiElimina
  2. Numi d'0limpo è proprio la ricetta che mi serviva per completare il menù per quei golosi senza fondo del mio nipotame misto a figliolanza varia! Lo preparerò e ti saprò dire, per quanto io non sia di questo reparto.... :-))))
    Baci e buonissima giornata, ragazza
    Dani

    RispondiElimina
  3. Eeheheh.. ma poverina la commessa, era fuori reparto :-) Buona la ricetta Ciao ciao

    RispondiElimina
  4. Sono assolutamente solidale con la commessa "prestata"!!! ;)))) Però mi piaceeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!

    RispondiElimina
  5. Alla cassa avresti poi dovuto dire: "Pagare? No, guardi, sto momentaneamente sostituendo mia cognata nel fare la spesa e questo non rientrerebbe nelle mie competenze...!"

    RispondiElimina
  6. Ah beh...come "giudichessa" non potrei dire molto....ma secondo me....ti basta la frase più copiata ad Ale da mezzo mondo, me inclusa??? ...DAPORCAFIGURA!!!!!...baci bella mia

    RispondiElimina
  7. Bene.. Mapi sono felice che partecipi..
    Interessantissimo piatto.
    Ale e' fuori presto aggionera' il tutto sul suo blog..
    Saluti dalla giudichessa Alessa'

    RispondiElimina
  8. Marella, ma pure tu, mettere in imbarazzo la commessa dell'iper...ma che cavolo! :-)))
    Magnifica ricetta, copiata e messa in evidenza per Capodanno. Ciao.

    RispondiElimina
  9. Eheheheheeh...io da perfetto rompiballe le avrei chiesto di che reparto era...e poi mi sarei presentata li dopo!!! ahahahaahahhaah
    Scherzi a parte...mai cucinate le capesante...e mi sa che prendo anche nota...della ricetta in primis e del modo di "ripulire" le formine...forse per la mia sopravvivenza in cucina la cosa più importante!! :D ahahahaahahah

    RispondiElimina
  10. Molto molto interessante questa ricetta, hai ragione fa proprio la sua porca figura! Non mancherà sulla mia tavola in queste feste: Deliziosa scoperta il tuo curatissimo blog. Ti seguiamo, ciao da Simona e Claudia

    RispondiElimina
  11. Potresti spedirmi questa ricetta preparata dalle tue manine fatate?Sai sono fuori ,ma propio fuori
    per prepararla io .Scherzi a parte,il tutto è meraviglioso!bacioni,Lisa.

    RispondiElimina
  12. Diana è vero, stavo proprio pensando alla cena della vigilia mentre la preparavo!

    Dani, vale la pena sconfinare di reparto per provarla! ;-)

    Deborah e Stefania, vi confiderò un segreto: ero pienamente solidale con la povera commessa anch'io e... per niente al mondo avrei pescato un astice!!! Appena arrivata a casa li ho schiaffati in freezer, in attesa della pentola.

    Virò, mannaggia a me, perché non ci ho pensato??? Il pagamento che non è nelle mie competenze è bellissimo!!! :-D

    Flavia grazie! Ci sono espressioni che rendono perfettamente un concetto, e "da porca figura" è decisamente una di queste!

    Alessà, che piacere vederti qui! Non ho fretta, so che Alessandro è in Patria per qualche giorno e mi fa piacere che se la goda un pochino.

    Nadia, quando hanno immaginato la Signorina Rottenmeier pensavano sicuramente a me! ;-)

    Mario, tu mi fai sempre morire dal ridere. Ho scoperto dopo che in realtà lei lavora in panetteria, che in effetti è anni-luce lontana dal pesce. Sai una cosa? Per me era la prima volta che cucinavo le capesante... ora che ho rotto il ghiaccio (oltre che le scatole della commessa) mi cimenterò più spesso con questi squisiti frutti di mare.

    Simona e Claudia, ma grazie! E' un onore avervi mie ospiti, dico sul serio!!! :-)))

    Lisa, il pacco è stato spedito oggi pomeriggio per corriere espresso, arriverà domani a ora di pranzo! ;-)

    RispondiElimina
  13. Mapi, mentre leggevo, ero convinta che nella riga successiva avrei letto di te che ti tiravi su le maniche per prendere l'astice dalla vasca, sotto gli sguardi inorriditi della tipa dell'altro reparto :-DDDD

    @ Virò: ti ho già detto che ti adorooooooooooooo?

    @ Gambetto: hai ragione, sarebbe stato bello andare a trovarla "in loco" ahahahah

    RispondiElimina
  14. MA che storia!Pensa quando al reparto diquella commessa ci troverai quella della pescheria!
    ahahahahha
    :D
    Per la terrina niente da dire( squisita), piuttosto: ha chi hai rubato tutta quella "chincaglieria" ella foto?!!?!?!?
    :D
    Un baciotto e buon 8 dicembre

    RispondiElimina
  15. Muscaria, confesso che ci ho pensato; poi però mi sono resa conto di non aver mai pescato un astice in vita mia (neppure cucinato, a dire il vero) e ho deciso di aspettare la "vera" commessa del reparto pescheria... ;-)

    Cranberry, poi ho scoperto qual'era il suo reparto: proveniva dal pane. In effetti, po'ra stella, sono lontani anni luce!
    La chincaglieria è roba di famiglia, sottratta a Mà e Pà col loro consenso! :-D

    RispondiElimina
  16. Questa e una cosa che mi piace.Devo farla.Grazie!

    RispondiElimina
  17. certo che sei stata perseverante!

    la terrina capesante e salmone... buoooooooooona!

    ecco, una domanda una sola: mi spieghi perchéhai aspettato tutto questo tempo tu, ad aprire un blog di cucina?????

    RispondiElimina
  18. Provala Lilly, è facile e veloce!

    Gaia, grazie di cuore. che cosa aspettavo ad aprire un blog? Boh... un po' di incoraggiamento, credo... ;-)

    RispondiElimina
  19. che bella, proprio una ricetta per le feste!

    RispondiElimina
  20. Sto ripassando tutte le ricette per il verdetto, quindi non mi pronuncio :D !!! In bocca al lupo, Flavia

    RispondiElimina

Nella Apple Pie c'è posto per tutti, tranne i maleducati. :-)