domenica 12 dicembre 2010

Aggiungi un Blogger a tavola: Bisque di astice al latte di cocco


Quando ho letto il titolo del contest della Genny, "Aggiungi un Blogger a tavola" il primo pensiero è stato per Alessandra, non tanto e non solo perché è una grande cuoca e una grande Blogger, quanto per il fatto che lei è ancora più avanti, rispetto a questo concetto: uno dei suoi motti potrebbe essere "Aggiungi un Blogger alla Blogsfera". ;-)
Poco più di un anno fa a Bordighera ha incoraggiato Annalù e Fabio ad aprire il loro blog; quest'anno ha spinto sulla via della perdizione Blogghistica me, Flavia e Simonetta&Deborah, sta attivamente corteggiando Diana e Licia per fare altrettanto e solo il Cielo sa di quanti altri Blog è madre putativa.

Per non farsi mancare niente, quest'anno ha deciso:
a) di lanciare l'MTChallenge per dare maggiore visibilità ai Blog meno noti (ma non per questo meno validi) della Blogsfera, e
b) di lanciare l'iniziativa "Le (st)Renne di Babbo Natale", instaurando una strettissima collaborazione tra 5 blog in una staffetta ideale da un'idea-regalo golosa all'altra, per dimostrare ancora una volta che la collaborazione tra Blog è possibile e anzi auspicabile: ne è scaturita infatti un'amicizia ancora più salda, fatta di aiuti concreti, scambi e condivisione di idee e di ricette e - imprevista ma non meno importante - di solidarietà quando una di noi si è trovata in emergenza per problemi familiari imprevisti.

Tutto questo per me fa molto Natale: un Natale scevro dal consumismo e dalla frenesia di apparire e ricco invece di amore e di gioia, deli gusto di dare, condividere, aiutare chi è in difficoltà e promuovere quei sentimenti di fratellanza e di pace di cui si sente tanto parlare, ma che si vedono raramente nel concreto della vita quotidiana. Queste cose infatti sono prima di tutto dentro di noi, e se lì mancano, mancheranno anche nei luoghi dove agiamo, nella vita reale e anche (oserei dire soprattutto) in quella virtuale.

E' per questo che le ho chiesto se voleva partecipare con me e sono stata molto felice quando ha accettato. Il nostro modo di raccontarvi il Natale in tavola è attraverso questa ricetta, perfetta per la cena della Vigilia di Natale, dove sapori esotici e insoliti si uniscono per creare un insieme armonioso ed estremamente delicato.

Bisque di astice al latte di cocco
Da Meilleur du Chef



Per 4 persone:
2 astici
400 g di latte di cocco
1,5 litri di acqua
50 g di olio extravergine di oliva
3 scalogni
1 limone (succo)
1 gambo di lemon grass (può essere sostituita con un cipollotto)
1 pezzetto di zenzero di 2-3 cm
1 cucchiaio di zucchero semolato
1 spruzzo di nuoc-mam (può essere sostituito con colatura di alici)
alcune foglie di coriandolo fresco (o prezzemolo)
Peperoncino di Espelette (o peperoncino normale...)

Sale

Portare a ebollizione abbondante acqua salata in una pentola capace e sbollentarvi gli astici per 3 minuti. Sgocciolarli e farli raffreddare.
Staccare le code dalle teste e aiutandosi con le forbici da cucina tagliare i carapaci ed estrarre la polpa. Fare lo stesso con le chele.
Tagliare i carapaci in pezzettini piccoli e farli saltare a fuoco vivo in 50 g di olio extravergine di oliva. Coprire con un litro d'acqua, portare a ebollizione e far cuocere 30 minuti schiumando spesso.
Nel frattempo tagliare a dadini la polpa degli astici e conservare in frigo.
Sbucciare e tritare finemente lo zenzero; tritare finemente anche gli scalogni.
Mettere lo zucchero in una casseruola, aggiungervi il succo di limone e gli scalogni.
Aggiungere il latte di cocco e il gambo di lemon grass privato della guaina esterna, che è dura.
Passare allo chinois il brodo di astice e premere bene con un cucchiaio per spremerlo al massimo. Versarlo nella pentola con il misto scalogni/latte di cocco, portare a ebollizione e far fremere per 5 minuti.
Aggiungere lo zenzero tritato, il peperoncino di Espelette sbriciolato e uno spruzzo di nuoc-mam. Togliere il gambo di lemon grass.
Passare la bisque nel colino a maglie fini e mantenere in caldo su fiamma bassa, facendolo fremere. Unirvi la polpa di astice a dadini e proseguire la cottura per 5 minuti senza far bollire. Regolare eventualmente di sale.
Servire la bisque immediatamente, decorandola con qualche foglia di coriandolo fresco.

12 commenti:

  1. MApi...è un post grandioso...ed è vero...ALe è ancora più grandiosa con tutte le sue stupende idee!!!Baci, Flavia

    RispondiElimina
  2. Tu sei una fata, dillo, che sei una fatina buona e dolce, confessa! Ti adoro!!!
    COn questo piatto a chi potevi rivolgerti se non all'altra maga della blogsfera????
    Baciiiiii

    RispondiElimina
  3. E' un piatto davvero da "STRAPORCAFIGURA", e condivido e sottoscrivo ogni parola che hai detto sulla donna più stupefacente della blogsfera!
    baci

    RispondiElimina
  4. mi associo agli altri commenti : tu e la ale : coppia mito! non c'è nulla da dire...bè a parte un certo discorso di punto g , con un marito che fa dichiarazioni d'amore ...ma non alla moglie !!! :-))))) un mega abbraccio
    p.s.: la stordita (cioè io) ha scoperto perchè aveva casini con il tuo blog : ehm...l'avevo scritto sbagliato e quindi mi dava errore...dai, fai finta di niente,please!!! :-) baci

    RispondiElimina
  5. Mapi, ciao!
    ho appena letto su MT del tuo blog e sono corsa a salutarti!
    Bellissima grafica, ora mi leggo con calma i contenuti. A presto

    RispondiElimina
  6. Flavia, con la Ale si va a colpo sicuro, senza tema di sbagliare! ;-)

    Stefania, ma quale fata buona e dolce, ho un caratterino che te lo raccomando! ;-) E' che la Ale ispira un sacco di buoni pensieri e.. di buone ricette! :-))

    Ginestra, la straporcafigura è assicurata, così come gli sguardi severi degli astici (cotti) mentre svuoti le loro code dalla polpa! :-D

    Roby, mi hai fatto tirare un sospiro di sollievo: temevo ci fosse un problema di connessione. :-(
    Un bacione bella!

    Eugenia, grazie davvero! :-)))

    RispondiElimina
  7. Belle le Mapi ed Ale!!!!!!!! vorrei dirvi "in bocca al lupo per la gara", ma dato che parteciperò anche io....Vincano le migliori :-)))

    RispondiElimina
  8. Ciao, questo è il tipo di cose che mi fan gola!
    gnam.. mi aggiungo ai lettori del blog, che trovo molto carino.
    e a presto!

    RispondiElimina
  9. Assai difficile per me:) Ma davvero bello, complimenti!!

    RispondiElimina
  10. che bel post! Veramente commovente!

    oddio... io mi sono commossa anche per la bisque, ma è un altro tipo di emozione ;-)

    RispondiElimina
  11. Ahahaaaaaaaaa accoppiata fantastica!!! :-DDDD
    Come si fa a non tifare per voi??

    Mmmh quell'astice ha un viso familiare... ma è quello che avresti dovuto pescare tu direttamente dalla vasca perché la tipa era di un reparto diverso da quello??? :-P

    Ricetta splendida! Ha un colore così delicato ed irresistibile...

    RispondiElimina
  12. Mai comprato astici, tranne uno già arrostito lungo 20 cm, spolpato nella plaza de toros di Valladolid alla fiera dei mariscos.
    Ma con il latte di cocco mi sa che bisognerà rimediare.

    RispondiElimina

Nella Apple Pie c'è posto per tutti, tranne i maleducati. :-)