giovedì 21 ottobre 2010

SPUMONE DI FRAGOLE TONIN


Questo blog è appena nato e ha un sacco di difetti; il più evidente è la mia scarsa abilità con le fotografie. In attesa di acquistare Photoshop e imparare a usarlo (se non sai fotografare usa il maquillage, no?), pubblico una mia vecchia ricetta in rosa per aderire alla campagna sulla prevenzione del tumore al seno della LILT, e pazienza se le foto lasciano a desiderare. Spero mi perdoniate.  

Quando ero piccola un'amica di mia mamma le aveva passato un'ottima ricetta di spumone di fragole, presa da un giornale. C'erano fragole, panna e amaretti e nei miei ricordi di bambina era un dolce speciale e buonissimo.
Poi un anno mamma non lo fece più, forse perse l'appunto con la ricetta, non so; fatto sta che lo spumone di fragole non comparve più sulla nostra tavola. Ogni tanto ci pensavo, poi me ne scordavo.
Un anno e mezzo fa, mentre per purissimo caso girellavo tra le bancarelle di un mercatino dell'antiquariato (era davvero un purissimo caso, perché non li frequento mai) sono incappata in uno stand dove erano in vendita dei vecchissimi numeri de La Cucina Italiana, che andavano da metà degli anni '50 a metà degli anni '70.
A parte la mia passione per la cucina, quelle riviste erano incantevoli perché c'era racchiusa dentro la storia del costume italiano. Ne ho sfogliate un po', affascinata dalle pubblicità e dagli articoli di economia domestica, convivenza matrimoniale (bellissima la rubrica "Comprensione in atto"!), educazione dei bimbi, etc. Ne ho comperate 10 e se avessi potuto ne avrei prese di più. Il fatto è che ero con alcune amiche e anche loro ne hanno acquistata qualcuna...
Tornata a casa mi sono messa a leggerle ad una ad una e arrivata al numero di maggio 1965 sono saltata sulla sedia: C'ERA LA RICETTA DELLO SPUMONE DI FRAGOLE!!!!!
Questa meravigliosa gemma di cultura culinaria era rinchiusa in un articolo sullo Chef Tino Nordio, che ha dedicato questo dolce al suo terzogenito Tonin, che dovrebbe avere più o meno la mia età.
La riporto così come è scritta sulla preziosa rivista:

SPUMONE DI FRAGOLE TONIN (Tino Nordio)


Mondare accuratamente le fragole poi lavarle in acqua gelata e lasciarle scolare bene.
Lasciar macerare 200 grammi di fragole nel succo di due arance.
Ridurre in polvere grammi 20 di amaretti.

Passare al setaccio le fragole e gli amaretti.
Mescolare il tutto a 250 grammi di zucchero al velo, ed amalgamarlo a grammi 400 di panna montata.
Riempire uno stampo e porre in frigorifero, nella parte più fredda, lasciandovelo per due ore.

Poco prima di servire, capovolgere e guarnire lo spumone con panna montata e fragole.

Questa la ricetta originale. Io ricordo che mamma lo passava nel freezer, e così ho fatto anch'io. Ho inoltre lasciato macerare le fragole nel succo di un'arancia (più che sufficiente) e le ho frullate col minipimer, senza passarle al setaccio (a me piacciono i semini).


Che bello ritrovare i sapori dell'infanzia, specialmente quelli che si credevano perduti! :-D

22 commenti:

  1. Ottima e splendida questa preparazione Mapi. cmq la tua foto non è affatto bisogoosa di maquillage molto meglio di certe mie, che, confesso ritocco molto con photoshop, almeno si rendono visibili agli occhi dei "profani" quelli che ne capiscono mi beccano subito.
    Ciao!!

    RispondiElimina
  2. MApieeee....questo dolcino so che lo amerò tanto...amo le fragole &co. Anche io ho un po' di vecchi CI dal 1953 al 1955...e sono bellissimi....con quelle pubblicità in pieno boom economico..i primi elettrodomestici, i vestiti...gli attrezzi da cucina...... penso alla cucina tutta rosa di mia nonna, anni '50, lei madre di tre figli maschi....!!!Grazie bella , e buona giornata

    RispondiElimina
  3. Benvenuta nella "blogsfera", anche io ho iniziato da poco...

    /Alessandro www.larennaincuinca.blogspot.com

    RispondiElimina
  4. Scorrere il 'rollo' dei blog e vedere:"'Spumone di fragole Tonin' pubblicato da Mapi su La Apple Pie di Mary Pie - 15 minuti fa"...è un bel vedere ovviamente ehehehehehe :D
    Le foto invece rendono benissimo, se poi veramente hai intenzione di renderle migliori con la post-produzione ti posso consigliare le lezioni dello ZioPiero (ipasticcidelloziopiero.blogspot.com/) nelle quali spiega come correggere alcuni difetti delle istantanee digitali con un programma di fotoritocco free che merita. Io non uso niente ed infatti si vede ehehehehe quindi usa anche il mio sito per riaccquistare il sorriso :DDD
    Tornando invece alla ricetta posso solo dirti che quelle legate alla famiglia sono sempre le migliori senza ombra di dubbio!
    Grazie per l'ottima condivisione :)

    RispondiElimina
  5. @Diana: il problema è che se prendi come benchmark le foto impeccabili di molti altri blog, capisci subito dove le mie fanno difetto: troppo scure, sfondi inadeguati, etc. Per me è già stato un bel passo avanti il mettermi a farle, queste benedette foto... ;-)

    @ Eli/Fla: anch'io adoro le fragole e benché non vada matta per gli amaretti, il connubio con le fragole è indovinato.
    Belle vero, le riviste vecchie? Piene di un "come eravamo", ma con già dentro i germi di ciò che siamo...

    @ Alessandro: tu hai iniziato da poco ma... La Renna rules! Fra le ricette sfiziose, le belle foto e la tua simpatia e creatività, è davvero un bel blog! Grazie per il benvenuto. :-)

    @Mario: sono onorata che uno dei blogger più simpatici della blogsfera entri nella mia umile dimora. Grazie per la dritta sul photo editing e sul programma gratuito: dovrò già investire parte dei miei magri guadagni in una reflex, cavalletto e altre diavolerie, almeno i costi di Photoshop li risparmio! ;-)

    RispondiElimina
  6. Allora siamo in due...al momento continuo con la mia piccola digitale...poi quando e se sarà il caso di crescere vedremo di fare il mutuo per una reflex adeguata! :P ehehehehehehe
    Compagni di viaggio anche in questo :)

    RispondiElimina
  7. Bellissimo! Lo propongo a Gaby per il ns. pranzo della domenica!
    Bellissime foto, comunque (se vedessi che combino io con FB quando pubblico le foto dei miei "pasticci")!!!
    Complimenti di nuovo =)
    Nora

    RispondiElimina
  8. Benvenuta Mapina!!!!
    In bocca al lupo per questa nuova avventura!
    Baciiiii
    Paola

    RispondiElimina
  9. Ricetta storica,anch'io ricordo anni indietro quando lo spumone di fragole era "in",tutti facevano a gara per farlo bene ed in casa.Grazie per la ricetta,mi sara' molto utile.Lisa

    RispondiElimina
  10. senti, mapi: se mi fai un'antologia della rubrica "Comprensione in Atto", ti mando il maritoshop. Che così, tu fai il corso accelerato di foto, e io mi godo la solitudine. Però, cerca di far foto un po' bruttine, perchè con queste, in una o due lezioni se la sbriga...:-)
    ale

    RispondiElimina
  11. ma è perfetto, se l'avessi fatto io sformandolo mi sarebbe venuta na poltiglia:DDDD

    RispondiElimina
  12. Cominciamo decisamente male... :D
    Non potevi lasciarle lì quelle riviste, no? :-P
    Fabio

    RispondiElimina
  13. La tua foto parla da sola, molto più di qualsiasi cosa photoshoppata!
    E il tuo spumone me lo segno subito perché mi ero persino dimenticata della sua esistenza, grazie per avermelo ricordato, e per aver postato la ricetta perché appena arriveranno le fragole me ne ricorderò eccome! :P
    E poi mi piace l'idea che venga da un vecchio numero de La Cucina Italiana, rende il tutto molto molto più speciale ;-)

    RispondiElimina
  14. @Mario, hai ragione: la spendacciona che è in me era già partita con lo studio dei modelli di reflex, ma è molto meglio affinare prima le tecniche con quello che si ha a disposizione.
    Grazie per la segnalazione dello splendido corso dei Pasticci dello Zio Piero: oltre ad essere simpaticissimo, è pure molto chiaro e utile.
    Certo che... lo sapevo che col blog avrei dovuto studiare come una matta e, come dice Fabio, Appleicarmi...

    @Nora: Grazie stella, anche per la segnalazione dell'inconsapevole blocco degli utenti non registrati. Come vedi non c'è stato bisogno del tuo "stalking"... ;-) Come sta Andrea?

    @Lisa: verissimo, lo spumone è un classico ed è stato un tormentone, un po' come il finger food lo è adesso. E' bello ripercorrere la storia del nostro Paese (e anche la nostra storia personale) anche attraverso le ricette... Proust docet! Un bacione carissima!!!

    RispondiElimina
  15. @PiccoLina: grazie mille stella, sei sempre un tesoro!

    @Ale: "Comprensione in atto" l'ho letto dal punto di vista storico, con tanto di risatona di chi sa come si sono evolute le cose. Vuoi una chicca? "Le donne sono quei pasticcetti che..." Non ho sottomano dette riviste, ma ti assicuro che la conclusione era perfettamente in linea con l'incipit! :-D

    @Genny: infatti prima di sformarlo io l'ho passato in freezer, perché sospetto che lo Chef non abbia detto proprio tutto... ;-) manca almeno un pochino di colla di pesce!

    @Annalù e Fabio: no, non potevo proprio lasciarle lì, e anzi a momenti strappavo alle altre amiche quelle che hanno comprato loro... ;-) Anzi, mi viene in mente adesso una cosa: stavo per pagare le riviste, ma il venditore mi ha detto che erano già state pagate da una delle amiche: Tina Mamola. Approfitto di questo post per ringraziarla ancora una volta.

    @Muscaria: sarà che è un gusto della mia infanzia, sarà che vado matta per le fragole, ma quesa ricetta per me è proprio speciale. La foto... grazie, sei molto gentile... E hai perfettamente ragione sulla provenienza: La Cucina Italiana è stata la rivista con cui ho imparato a cucinare (insieme agli insegnamenti di Mammà, sia chiaro) e mi ha aiutata tanto con le sue dritte. E' stata per me anche l'introduzione al mondo dei forum... quindi le sono molto debitrice: senza di lei non avrei conosciuto tante persone davvero molto care e non sarebbe nato questo blog.

    RispondiElimina
  16. Non ci conosciamo bene ma avremo modo d'imparare a farlo, benvenuta intanto ed auguri per il tuo new blog che è molto allegro e carino. Ciao Debora

    RispondiElimina
  17. Debora, grazie davvero! Non mi aspettavo tanti benvenuti da foodblogger ben avviati e così bravi!

    RispondiElimina
  18. Ma ciao...ma dai...ma che bello!!!

    Direi che visto questo inizio dolcissimo è già ora di inserire un po' di pepe: cosa suggeriva di bello la rubrica "Comprensioni in atto"?

    RispondiElimina
  19. benvenuta cara mapi! questo post mi somiglia un pò...ho ricevuto anni fa in regalo da mia zia la raccolta de "la cucina italiana" del mio anno di nascita (che ometto per decenza!11) da mia zia Leru! regalo graditissimo e speciale! e poi ...argomento foto: se ti vuoi consolare fai pure un salto dalle mie parti. a poco serve photoshop(almeno a me!!) ma il piacere di condividere ricette e pensieri supera queste "piccole" mie defaillances! ti mando un abbraccio e ti faccio gli auguri di cuore per il tuo blog appena nato!

    RispondiElimina
  20. Oddio, pure Virò e Laroby!!! :-D
    Grazie stelline, siete dei tesori.

    Roby, il mio anno di nascita probabilmente è anteriore al tuo... e mi sarebbe piaciuta una raccolta della CI di quell'anno, ma per quanto abbia strillato, nessuno dei miei familiari e parenti ha colto il messaggio: all'inizio mi davano il succhiotto o mi allattavano; quando hanno cominciato a infilarmi il termometro... ho smesso. ;-)

    Cara Virò, aspetta solo che mi ricordi dove ho infilato quelle benedette riviste, e vi pubblico qualche chicca di Comprensione in Atto: secondo me il Movimento Femminista in Italia è nato dopo averlo letto... :-D

    RispondiElimina
  21. Grazie per la ricetta, aggiungo subito.
    Irina

    RispondiElimina
  22. Che interessante la ricetta. Dovrei provarla, vosto che proprio oggi ho pensato cosa si puo realizzare con gli amaretti. Grazie per la ricetta

    Irina

    RispondiElimina

NO VITALBIOS!!!