martedì 30 dicembre 2014

Triangoli al cotechino e lenticchie


Il 2014 sta per chiudersi definitivamente.
E' stato un anno ricco e intenso, e onestamente non sono d'accordo con i TG, che ogni anno in questo periodo parlano regolarmente di "anno nero X".
Ogni anno porta con se' cose belle e cose brutte: è la vita, e il segreto sta nel vedere sempre il bicchiere mezzo pieno. Si chiudono porte, è vero, ma si spalancano portoni, e se la gente invece di lamentarsi di continuo guardasse al positivo che ha e si desse da fare per migliorare quanto è negativo, staremmo tutti meglio.

E' questo l'augurio che faccio a me stessa e a tutti voi, per il 2015 e per tutti gli anni a venire: guardare la vita con ottimismo, essere grati per i numerosi doni che abbiamo, e rimboccarci le maniche per far funzionare quello che non funziona. E se non c'è nulla che possiamo fare, guardare il lato umoristico della situazione e imparare a sorridere di noi stessi e delle cose che capitano.
E magari dedichiamoci un po' al volontariato: guardarsi intorno e aiutare gli altri ci arricchisce umanamente oltre ogni possibile immaginazione.

BUON 2015 A TUTTI




Avevo già proposto qualcosa del genere, traendo la ricetta da un libro; quest'anno per il buffet di Capodanno, ho pensato di rifare i medesimi fagottini, ma farcendoli con cotechino e lenticchie.
Il metodo di cottura del cotechino arriva diritto diritto da un suggerimento di Massimo Bottura, che personalmente ho trovato di...vino. ;-)
Mi scuso con voi per non aver fotografato l'interno dei triangoli, ma erano tutti destinati al buffet di Capodanno...


TRIANGOLI AL COTECHINO E LENTICCHIE



Per circa 10 pezzi

Per la pasta:
500 g farina 0
280 ml acqua
20 ml olio extravergine di oliva + altro per la ciotola
10 g sale
6 g di lievito di birra fresco (1/4 di cubetto)

Per la farcia:
1 piccolo cotechino da 500 g
1/2 litro di Lambrusco
100 g di lenticchie di Colfiorito
100 g di lenticchie decorticate
1 piccola carota mondata e tritata finemente
1/2 cipolla mondata e tritata finemente
1/2 gambo di sedano mondato, privato dei filamenti e tritato finemente
Brodo vegetale
Olio extravergine di oliva
Sale

1 uovo + 1 cucchiaio di latte (entrambi a temperatura ambiente) per spennellare

1 placca del forno
1 vaporiera


Preparare il cotechino: bucherellare il cotechino in più punti, metterlo in una pentola dai bordi alti che lo contenga giustamente, coprirlo di acqua fredda, portare a ebollizione, ridurre la fiamma e far sobbollire per 1 ora e mezza da quando l’acqua bolle. Negli ultimi 10 minuti di cottura preparare la vaporiera versando il Lambrusco nel tegame inferiore e portando a ebollizione. Trasferire il cotechino nella vaporiera e far cuocere al vapore del vino per un’altra mezz’ora: il cotechino si sgrasserà ulteriormente e assorbirà i profumi del vino. Al termine della cottura farlo raffreddare, tritarlo bene e metterlo in una ciotola.

Preparare le lenticchie: versare in una pentola 3 cucchiaiate di olio extravergine di oliva e mettervi a freddo la cipolla tritata. Mettere su fuoco dolcissimo per 5 minuti, fino a quando sarà traslucida. Non farla friggere, assolutamente: se è il caso, proteggere la pentola con un frangifiamma. Unire poi il sedano tritato, mescolare e fare andare per altri 3 minuti, sempre a fuoco dolcissimo. Aggiungere infine le carote e proseguire la cottura del soffritto per altri 5 minuti.
A questo punto unire le due lenticchie, mescolare e farle insaporire per 2 minuti, prima di coprirle con brodo vegetale caldo; salare leggermente. Far sobbollire per 20-25 minuti: avremo così lenticchie di 2 consistenze diverse. Scolare le lenticchie dal brodo, unirle al trito di cotechino, mescolare con cura, assaggiare ed eventualmente regolare di sale.

Preparare la pasta: setacciare la farina un paio di volte, fare la fontana sulla spianatoia, sbriciolare al centro il lievito di birra e versare acqua e olio. Impastare, aggiungere il sale e proseguire fino ad ottenere un impasto tenero ed elastico, che non si appiccichi al piano di lavoro. Ungere d'olio una ciotola e porvi la palla di impasto a lievitare, coprendola con un panno umido e tenendola al riparo da correnti d'aria (va bene anche il forno spento).

Quando l'impasto ha raddoppiato di volume rilavorarlo brevemente, farlo riposare per 5 minuti, poi stenderlo sul piano leggermente infarinato prima con le mani e poi aiutandosi con il mattarello, fino a raggiungere lo spessore di 3 mm.
In questa fase l'impasto tenderà a tornare indietro: quando succede non insistete, ma fatelo riposare per 5 minuti prima di ricominciare a stenderlo, per evitare di strappare le maglie del glutine, compromettendo l'ultima lievitazione.
Ricavare dall'impasto dei quadrati di 10 cm di lato, farcirli con una cucchiaiata di composto, poi inumidire leggermente i bordi e chiudere i triangoli, sigillandoli bene con i polpastrelli.

Preriscaldare il forno a 180 °C.

Disporli sulla placca da forno distanziandoli un poco e farli rilievitare per una ventina di minuti. Spennellarli quindi con l'uovo sbattuto insieme al latte, entrambi a temperatura ambiente, e cuocerli nel forno per 20-23 minuti.

Al termine della cottura sollevarli e "bussare" sul fondo con le nocche: se suona vuoto sono cotti, se suona pieno trasferirli sulla griglia del forno, spostarli all'ultima tacca in basso, abbassare la temperatura di 10 °C (coprendoli con un foglio di alluminio se fossero già ben dorati) e farli cuocere per altri 5 minuti o finché bussando con le nocche sul fondo, questo non suoni vuoto.

Farli intiepidire su una gratella e servire.

9 commenti:

  1. Un augurio bellissimo il tuo, Mapi, grazie.
    Hai proprio ragione, se invece di lamentarci tanto vedessimo bene quello che abbiamo...
    E grazie per questa ricetta molto particolare per offrire cotechino e lenticchie, mi incuriosisce molto anche la cottura al vapore del vino.
    Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Stefy carissima. :-)
      La cottura al vapore del vino è eccezionale... e infatti non è mia. ;-)
      Un bacione e un grande abbraccio a te e famiglia!!!

      Elimina
  2. Buon 2015 anche a te, Mapi carissima!! sante parole...
    Bottura è un genio e la cottura al vapore di Lambrusco è un'idea da copiare assolutamente!
    Un abbraccio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Cri.
      Augurissimi di cuore a tutti voi!!!!

      Elimina
  3. Cara Mapi Poppins colgo l'occasione per farti gli auguri per uno Splendido 2015. Condivido totalmente quanto hai scritto, anzi ti dirò di più, da molti anni è il mio vademecum tanto da rendermi sempre disponibile per aiutare "il prossimo" a vedere gli aspetti, anche più dolorosi, da un punto di vista più "elevato" che però alla fine fa una gran differenza. Stiamo tutti vivendo un momento particolare dove diventando più consapevoli del vero senso della vita si arriva anche a comprendere che non è più una questione di vedere il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto ma è bensì fondamentale riconoscere il contenuto "preziosissimo" del bicchiere. Ora visto che la vita è fatta anche di piaceri e tra questi piaceri il cibo è tra i primi posti, almeno per me e presumo anche per te, riporto l'attenzione sulla ricetta che hai postato... gran bella e sfiziosissima ricetta, un modo diverso di mangiare il cotechino con le lenticchie, sublime la cottura del cotechino, la voglio proprio provare. Grazie Mapi, è sempre un piacere leggere le ricette che proponi sia sul tuo blog che sul mitico Starbooks da cui tanto sto apprendendo. Un abbraccio di Luce sia a te che alle altre Starbookers, siete nel mio cuore. Ancora tanti Auguri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piperina, je t'adore, quante volte te l'ho detto? :-) Per la profondità dei tuoi pensieri e insieme per la leggerezza con cui li esprimi.
      Grazie, grazie di cuore!!!!!

      Elimina
  4. Cara Mapi...il tuo blog è una delle scoperte più belle e gustose di questo anno di blog! è sempre bello e interessantissimo leggerti...ti auguro un bel 2015, con il sorriso, l'ottimismo e la forza che ti distinguono. un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Carissima Mapi il tuo augurio e il più bello che si possa fare che la vita ti sorrida sempre un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Ciao! molto belli questi triangolini, ottima alternativa per il classico cotechino e lenticchie!

    RispondiElimina

NO VITALBIOS!!!