lunedì 7 aprile 2014

Risotto alle erbe aromatiche e guanciale, con fiori di rosmarino


Sabato mattina, mentre mi preparavo a uscire per fare la spesa, è squillato il telefono: mia sorella mi chiedeva se potessi tenerle la Pulcetta fino a ora di pranzo. Non c'era problema, ovvio, e quando la bimba è arrivata siamo uscite insieme a fare la spesa. Abbiamo trascorso insieme una piacevole mattinata chiacchierando, scherzando e raccontandoci un sacco di cose, e quando l'ora di pranzo si è avvicinata e ho cominciato a cucinare, mi è venuto spontaneo invitarla a pranzo e chiamare i suoi per avvertirli che la bimba si sarebbe fermata da me e l'avrei riportata a casa nel pomeriggio.

Subito dopo però è arrivata l'ansia da prestazione: la Pulcetta è un soggetto difficile da nutrire, perché mangia poco, malvolentieri e pochissime cose. Certo, con una pasta al pesto si va sempre sul sicuro con lei, ma io stavo guardando con occhi amorevoli i vasi delle mie erbe aromatiche in balcone, e mi era venuta una gran voglia di sperimentare un risottino alle erbe, che per me rappresentano il profumo e il sapore della Primavera.
Pensando che avevo comunque in frigo altre cose che avrei potuto darle se questo non le fosse piaciuto, ho deciso di andare avanti e ho fatto bene: alla Pulcetta è piaciuto tantissimo e mentre lo mangiava mi ha detto: "Lo sai Zia, è bellissimo essere qui a casa tua e mangiare questo risottino meraviglioso!". Una soddisfazione che non vi dico, perché non sempre ci ho azzeccato con la Pulcetta, e anche se non è mai venuta via da casa mia affamata, mi è sempre rimasto un fondo di dispiacere.
Non sabato scorso, però. J

RISOTTO ALLE ERBE AROMATICHE E GUANCIALE

Per 2 persone:

160 g di riso Acquerello
400 ml circa di brodo vegetale caldo (io ho usato acqua calda in cui ho sciolto 2 cucchiaini colmi del mio dado vegetale casalingo)
2 scalogni
30 g di burro
30 ml di vino bianco secco
4 foglie di salvia giovani e tenere
2 rametti di origano fresco
2 rametti di maggiorana fresca
2 rametti di timo limone fresco
4 foglie di dragoncello
4 foglie di basilico
4 steli di erba cipollina
fiori di rosmarino per decorare i piatti
4 fettine di guanciale stagionato (Terre Ducali per me) + 2 per decorare i piatti
2 cucchiai di Parmigiano Reggiano delle Vacche Rosse


Far sciogliere il burro in una pentola, poi spegnere il fuoco e farlo raffreddare.
Nel frattempo mondare e tritare finemente gli scalogni, e metterli nella pentola. Accendere a questo punto il fuoco regolando la fiamma al minimo, meglio se con un frangifiamma, e fare appassire lo scalogno a fuoco dolcissimo per qualche minuto: in questo modo lo scalogno cuocerà senza bruciarsi.
Unire il riso allo scalogno, alzare la fiamma e tostarlo a fuoco vivace per 3 minuti. Bagnare con il vino bianco e non appena questo sarà evaporato unire il brodo caldo a poco a poco, lasciando che si assorba prima di aggiungerne altro, abbassando la fiamma e mescolando di tanto in tanto.
Mentre il riso cuoce sciacquare velocemente le erbe aromatiche sotto il getto dell'acqua e asciugarle tamponando delicatamente con un panno.
Tritarle finemente, preferibilmente con un coltello in ceramica, per non farle annerire.
Tritare le 4 fette di guanciale.

A cottura ultimata del riso (18 minuti circa) spegnere la fiamma e mantecare con il guanciale tritato. Mescolare, unire le erbe aromatiche tritate lasciando i fiori di rosmarino per la decorazione, aggiungere il Parmigiano Reggiano e amalgamare bene il tutto.

Servire il risotto decorando ciascun piatto con una fettina di guanciale e qualche fiore di rosmarino fresco.



10 commenti:

  1. /complimenti é una vera soddisfazione quando chi non mangia tutto e è contento di quello che abbiamo preparato,felice settimana

    RispondiElimina
  2. *_* che meraviglia
    E i colori delle foto, i fiori...stupenda.
    Me la segno perché nell'ort del mio babo cresce di tutto...è proprio da replicare questo risotto.
    Bravissima!
    Un bacio e buon inizio settimana
    Lou

    RispondiElimina
  3. Anche io sono stata una bambina molto difficile di gusti...magari avessi avuto una zia che cucinava così bene!!!

    RispondiElimina
  4. questo risotto è una cosa meravigliosa, bellissimo coloratissimo e immagino di un gran buono! bravissima

    RispondiElimina
  5. Tua nipote è una buongustaia ed ha capito tutto dalla vita. Ma avresti corrotto anche il più inappetente dei nanetti. Sei un mito e stupendo risotto.
    Baci grandi.

    RispondiElimina
  6. Complimenti al tuo fornitissimo balcone. Le erbe aromatiche mi piacciono moltissimo e basarci praticamente un piatto intero, è una splendida idea.

    RispondiElimina
  7. come solo l'amore di una zia sa fare!

    RispondiElimina
  8. Con la tua cucina nessuno potrebbe resisterti!!! Pulcetta inclusa! <3

    RispondiElimina
  9. what a stunning idea for a risotto... I love how it can be so subtle but packed with flavour... your blog is beautiful x

    RispondiElimina
  10. gnam,gnam...da provare sicuramente...sento il profumo!!
    Vera

    RispondiElimina

Nella Apple Pie c'è posto per tutti, tranne i maleducati. :-)