lunedì 12 dicembre 2011

Soufflé di foie gras nella mela


"Cari genitori, a seguito dell'esperienza positiva dello scorso anno, anche quest'anno gli alunni della scuola daranno vita a un Presepe vivente per le vie della città.
Così cominciava la mail recapitata a mia sorella, e in effetti l'anno scorso era stato proprio bello. La scuola aveva fornito a tutti i bimbi i costumi da indossare sopra al piumino, e
tutti erano stati entusiasti dell'iniziativa.
Quest'anno però le cose sono un po' diverse: i genitori devono provvedere a far confezionare i costumi per i loro figli. Seguono indicazioni precise sul tipo di tessuti da usare (niene fodera che costa poco, per intenderci) e sui colori, in modo da essere quanto più fedeli ai costumi dell'epoca.
Con mia sorella ci siamo date appuntamento davanti al negozio che vende tessuti della nostra città. Appena entrate siamo state accolte a braccia aperte: "Tesorini, amorini, venite! In che cosa vi posso servire? Entrate, prego, accomodatevi!". Non so perché, ma tutte queste smancerie mi avevano fatto pensare alla strega di Hansel e Gretel. Entriamo e spieghiamo ciò di cui abbiamo bisogno. Loro sanno già perché altre mamme e zie ci hanno precedute, e ci propongono subito i tessuti di cui abbiamo bisogno. Spiego che per le tuniche di sotto ho già la stoffa in casa (un vecchio lenzuolo) e la signora dice che va bene, e di passare alla tunica sopra. Poi sciorina rotoli su rotoli di stoffa e mi consiglia di lasciar perdere la stoffa che ho già in casa e di comperare tutto nuovo da loro, Amorini, su che vi faccio un prezzaccio! Ci lasciamo tentare perché gli abbinamenti sono belli e azzeccati. Poi arriva il momento del conto. "Vi faccio un prezzaccio, vedrete!" Dice garrula la signora, poi va alla cassa e batte lo scontrino. Settantasette euro. € 77,00!!!!! Gli amorini pagano, troppo annichilite per essere in grado di dire alcunché, e la signora pronta ci chiede: "Sapete cucire o avete bisogno che vi raccomandi una sartina?". Non sappiamo cucire ma entrambe ci arrangiamo con la macchina da cucire, e con quello che abbiamo speso solo di tessuti direi che va bene così. Mi addosso l'onere ed è subito subbuglio in casa, con tessuti di qui e di là, cartamodelli in carta velina, forbici, macchina da cucire montata, etc.
Onestamente pensavo che sarebbe stato più semplice, ma come si suol dire l'ho sfangata anche stavolta, maledicen pensando con una certa intensità a Preside, insegnanti, comitato organizzatore e tutto il resto. Non so se a Natale si debba per forza essere più buoni; so per certo che questo Natale la scuola della Pulcetta e del Dolce Principe ha messo alla dura prova la mia pazienza. 

Al termine dei lavori ho deciso che preferisco mille volte fare un soufflé che cucire una tunichetta, così ho festeggiato con queste strepitose delizie, dal sapore delicato e perfette per aprire il pranzo del giorno di Natale.
La ricetta è facilissima e di sicuro effetto; il problema più grosso è mettere le mani su del foie gras fresco. :-)


SOUFFLE' DI FOIE GRAS NELLA MELA

Da Meilleur du chef


Per 4 persone:
4 belle mele Royal Gala
120 g di foie gras fresco
100 ml panna fresca
2 uova
sale
pepe
2 cucchiai di Armagnac




Lavare le mele e tagliarne la base e la parte superiore. Disporle su una placca antiaderente e farle cuocere nel forno preriscaldato a 200 °C (modalità statica) per una ventina di minuti, tenendo d'occhio la cottura affinché le mele rimangano intere e con la polpa ancora soda.

Svuotarle servendosi di un tagliabiscotti rotondo, attraversandole per l'intera lunghezza. Tagliare d ogni cilindro di mela estratto una fetta spessa 1 cm e disporla sul fondo di ogni mela, poi mettere da parte su una placca rivestita di carta forno, facendo raffreddare.
Tagliare a dadini il foie gras e farne saltare la metà in una padella antiaderente per 30 secondi. Sgocciolarli e distribuirli tra le mele.


Mettere i rimanenti dadi di foie gras in un pentolino insieme alla panna e all'Armagnac. Salare e pepare, portare a ebollizione e far bollire per 30 secondi. Versare poi nel bicchiere del frullatore a immersione e azionare il frullatore in modo da ottenere una crema liscia e omogenea. Regolare di sale e pepe e far raffreddare.

Preriscaldare il forno a 180 °C in modalità statica.
Dividere i tuorli dagli albumi. Incorporare i tuorli alla crema di foie gras; montare a neve gli albumi con un pizzico di sale e incorporarli delicatamente alla crema di foie gras. Riempire con questo preparato le mele e infornare per una ventina di minuti, fino a quando il soufflé sia gonfio e dorato. Servire immediatamente non appena tirati fuori dal forno. 



7 commenti:

  1. Ho seri problemi nell'aattaccare un bottone, figurati cucire alcunchè!!!
    Meglio fare i soufflè, specie se belli come questo...

    RispondiElimina
  2. Mapina, ecco l'incontro che hai avuto tu con la sorella di Grimilde e' uno di quelli ai quali preferisco caldamente una seduta dal dentista. Anche io lavoro al pubblico, ma non ho mai sopportato certe smancerie considerando che se poi il cliente si convince, devo battere cassa e non fa mai piacere a nessuno. Parlando del tuo souffle' nella mela, ti giuro che sono commossa da tanta meraviglia e il mio cervellino si domanda basito se certe idee ti vengono nella notte o fai uso di funghi meravigliosi....ti mando un bacio, ma grande. Pat

    RispondiElimina
  3. fortissimo! abbiamo avuto più o meno lo stesso gusto, io pera, tu mela, tu foie gras, io fegatini di pollo (ligia alla tradizione toscana) ma mai avrei osato di fare un soufflè dentro al frutto!!
    Pazzesco
    Brava brava brava
    Cris

    RispondiElimina
  4. Ma che meraviglie...devono essere deliziose!! Bravissima!!

    RispondiElimina
  5. Fortunatamente ai miei figli quest'anno grembiulino e cappellino rosso.
    Suffle nelle mele ma per me è fantascienza!
    Bravissima!

    RispondiElimina
  6. anche una mia nipotina l'ano scorso l'ha fatto e i bimbi si sono molto divertiti :)
    la ricetta delle mele la trovo molto intrigante :P

    RispondiElimina
  7. Grandiosa ricetta!! Dico solo questo.

    RispondiElimina

Nella Apple Pie c'è posto per tutti, tranne i maleducati. :-)