mercoledì 14 settembre 2011

Macedonia di frutta in Sangria bianca di sidro

Quando ho visto il quadro d'autore di Fabiana nel post che annunciava la sfida di settembre dell'MTChallenge, mi è venuto un colpo. Eccheccavolo, mi son detta, va bene che una sfida deve avere qualche elemento per renderla tale, ma io non sarò mai all'altezza di cotanta arte!!! Poi leggendo attentamente ho tirato un sospiro di sollievo: trattavasi solamente di una macedonia di frutta.
Già, la macedonia. Spesso usata come svuota-fruttiera e utilizzando frutta che rischia di percorrere la via della rumenta (l'Araba docet! ^_^), in realtà è piuttosto semplice da preparare: basta pensare al resto del menù, dosare colori e sapori, dolcezza e acidità, e il gioco è fatto.

Stavo pensando a come reinterpretare la macedonia per l'MTC quando la mente ha cominciato a vagare, nostalgica, verso l'estate appena trascorsa e gli allegri pomeriggi passati insieme a parenti ed amici, in Sicilia. Due miei zii hanno un bellissimo baglio che hanno ristrutturato con amore e pazienza e dove questa estate abbiamo organizzato una piacevole merenda tra amici e cugini, figli inclusi. Il baglio è stato teatro, quando eravamo ragazzini, di terribili scherzi notturni aventi per oggetto i fantasmi: complice il posto isolato in piena campagna, era facile suggestionare il pollo di turno dicendogli che il baglio era infestato. In realtà gli unici infestatori erano quelli che, appostati lì da un paio d'ore, eseguivano gli scherzi preparati (compresa la pioggia di fuoco, ottenuta facendo bruciare un tubo di plastica leggera) in una sequenza collaudata e infallibile, che si concludeva con urla terrorizzate e sgommate di motorini accesi in fretta e furia per fuggire lontano.

Quest'estate, memori di quegli scherzi, abbiamo provato a dire ai bambini che il baglio era infestato: era giorno, erano in tanti e insieme hanno subito cominciato a scorrazzare per il baglio e la tenuta, a caccia dei suddetti fantasmi e pronti a ridurli in polpette.
Per la merenda ognuno di noi doveva portare qualcosa, e io ho preparato la focaccia e una bella Sangria rossa, con tanta frutta profumata.




Stavo ripensando a quell'allegro e spensierato pomeriggio di agosto, quando mi si è accesa una lampadina: e se per l'MTChallenge presentassi una macedonia... alcolica? Più ci pensavo e più l'idea mi piaceva, così ho cominciato ad approfondirla.
Innanzi tutto la mia Sangria avrebbe dovuto essere bianca per non tingere i frutti, che altrimenti non avrebbero avuto l'aria di una macedonia. E poi quali frutti? E che liquori usare? Hmmm... perché non il sidro, visto che il nome del mio blog richiama le mele?
E' da queste riflessioni che è nata la miscela di vino, sidro, liquori e frutta che propongo per la sfida di questo mese. 
E per la decorazione, che Fabiana gradirebbe? L'idea alcolica mi ha aiutato anche in questo, spingendomi a utilizzare una semplicissima decorazione da coktail.


Ecco quindi a voi la mia 


MACEDONIA DI FRUTTA IN SANGRIA BIANCA AL SIDRO  







500 ml spumante secco
600 ml sidro leggero (perfetto Strongbow Gold)
50 ml Cointreau
50 ml Calvados
50 ml Grand Marnier
50 ml Brandy
50 ml Rum bianco
100 g zucchero semolato

125 g lamponi
125 g mirtilli neri
125 g fragole di piccole dimensioni
1 mela Granny Smith
1 banana
100 g prugne gialle denocciolate
100 g prugne nere denocciolate
1 pesca noce
1 arancia non trattata
1 limone non trattato
1 lime non trattato


1 stella di anice stellato
8 cm di stecca di cannella
3 chiodi di garofano
5 grani di pimento (all spice – pepe garofanato)
1 grano di pepe lungo





24 ore prima di servirla, preparare la Sangria: versare in una ciotola di adeguata capienza il vino, il sidro, i liquori, lo zucchero e le spezie.
Lavare, asciugare e pelare laddove richiesto la frutta e metterla a mano a mano nella ciotola. Lamponi, mirtilli e fragole vanno messi interi, gli altri frutti vanno tagliati a pezzetti.
Tagliare gli agrumi a fette sottili in modo che rilascino il succo e l'aroma della scorza.
Sigillare la ciotola con pellicola trasparente e tenerla in frigo per 24 ore.


Trascorso questo tempo eliminare le spezie, distribuire la frutta e un mestolino di Sangria nei bicchieri e servire, accompagnando con altra Sangria a parte.
La decorazione, semplicissima, è da cocktail: tagliare con lo spelucchino uno spicchio  da un'arancia non trattata e separare parte della polpa dalla buccia. Tagliare la calotta di un limone e procurarsi una ciliegina da cocktail, denocciolata. Infilzare con uno stuzzicadenti prima lo spicchio, poi la ciliegina e infine il "cappello" di limone. Sistemare sul bordo del bicchiere.

Nota: nel corso dell'infusione, i lamponi si disfano e cedono colore: aggiungerli solo all'ultimo momento (e così pure le fragole) se si desidera una Sangria veramente bianca.


Postfazione: lunedì sera ho concluso la mia cena con questa deliziosa macedonia; poi ho inserito le foto sul post e... per errore l'ho pubblicato, anziché salvarlo (beh, è alcolica, la Sangria... ^_^). 
Me ne scuso con gli MTChallengers e Fabiana.
Ovviamente questa ricetta va fuori concorso in quanto pubblicata con una dozzina di ore di anticipo rispetto alla data fissata... e così mi toccherà pensare a qualcos'altro per partecipare!!! :-D

20 commenti:

  1. Mapi sei un genio ! Con il racconto estivo e questa macedonia alcolica mi ha tirato su la giornata di fine inverno...
    Sai che qui questa preparazione si chiama Clericó. Ovviamente la fanno senza il tuo tocco raffinato e personale, solo tanta frutta e spumante, molto ghiaccio. Sulle spiagge di Punta del Este, davanti all'Oceano..ecco dopo tre quattro bicchieri non senti piú la nostalgia per il mediterraneo..Bacioni Mapi

    RispondiElimina
  2. Molte di noi si arrnderanno strada facendo...tu almeno ci gai provato...io neanche quello, mi sono arresa in partnza!!
    ne berrei volentieri un bicchiere!!
    ciao loredana

    RispondiElimina
  3. oooooooooooh, mi piace!! io camminerei a zig zag con l'alcolico :-)ma mi farebbe proprio piacere con questo caldino di fine estate. Io ho scritto fogli di notes di varie combinazioni e forse ho trovato la mia versione...ma questa volta aspetto un po' prima di postare. buona giornata, Valentina

    RispondiElimina
  4. Senti tu....non è mica giusto vincere l'MTC per due volte...non è giustooooooooooooooooooooooo...... UFFA!!!! Comunque un bacio e buona giornata, Flavia

    RispondiElimina
  5. Se comincio a bere all'alba non riesco neanche più a salire sul treno!!!
    Una macedonia alcolica.....brava, questo significa capire la mia propensione nonchè passione enoica... trasformarla in una freschissima e ricca sangria.....beh, quella è davvero una grande furbata!!!
    La sangria non basta mai, questa con un mix di spezie più articolato e completo è ancora più interessante e....bella!

    RispondiElimina
  6. ecco, per una bella sangria avrei raddoppiato anche la dose dell'odiatissima. e quanto mi piace la foto, e quanto invidio le riunioni nei cortili delle case, richiamano alla memoria periodi per me lontanissimi!

    RispondiElimina
  7. mitica mapi!! e che meraviglia il tuo cinesino aggrappato al bicchiere :D

    RispondiElimina
  8. Mapi, bellissima la tua versione alcoolica della macedonia.
    La decorazione mi ricorda un cinese, se non fossero arance, direi che si trattava di un mandarino cinese :-D
    Fabio

    RispondiElimina
  9. Macché problemi con la macedonia alcolica: ce ne fossero! Amme mi piace assai, e soprattutto la decorazione che non mi sembra un cinese ma mi fa pensare ad un torero con la sua mantilla sulla spalla pronto a gustarsi la sua bella macedonia sangriosa, dopo la paura che ha preso per la scampata incornata (ecco perchè il cappello è diventato giallo!). Un bacione, Pat

    RispondiElimina
  10. La macedonia alcolica.. deve essere mia!!! ;)

    RispondiElimina
  11. Per quanto astemia, me ne servirebbe una bella porzione per dimenticare.
    Cosa, lo saprai tra non molto, ma a che fare con il link che hai messo...;-)

    Bravissima come sempre :-)

    RispondiElimina
  12. Beuonissima e molto simpatica la presentazione! Almeno a te una bella idea è venuta ... a me nemmeno una! Da oggi ti seguo anche io ... mi è piaciuto molto anche il tuo racconto! Un bacio

    RispondiElimina
  13. Dopo un aperitivo doppio preso con quella matta di Fabiana- che sarebbe diventato triplo o quadruplo o quintuplo se non avessi avuto un appuntamento poco dopo, ti dico solo che ti sei già "bevuta" due giudici su tre. Ora, però, bisogna vedersela con il coniglio... dici che se gli diamo la cannuccia giusta, gli piacerà??? :-)
    grazieeeee- e sei in concorso, tranquilla!
    ale

    RispondiElimina
  14. ah bell'alcolica...brava...!mi piace...eccome!

    RispondiElimina
  15. fantastica mapi!
    e quanto mi piace la decorazione, così carina ed essenziale!

    e poi in questo rientro delirante, quanto mi farebbe comodo una sera questa macedonia alcolica...

    RispondiElimina
  16. Simonetta, grazie! :-) In effetti anche con una bella coppetta di questa, la nostalgia compare: si ha pure l'impressione di essere ancora in vacanza! ^_^

    Loredana, un'EmmeTiChallenger non si arrende mai!!! :-D Vedrai che entro il 28 tutti quanti avrete delle idee brillantissime! :-)

    Flavia, tranquilla che questa tornata non la vinco; non con questa ricetta, almeno. ;-)

    Fabiana, pure io ho un certo penchant enoico, ma solo quando sono in compagnia. E' per questo che la Sangria mi piace tanto: simboleggia il massimo della condivisione. :-)

    Valentina, sai che io ogni volta che ho qualche folgorazione come la presente mi affretto a postarle, per timore che qualcun altro abbia già avuto la stessa idea? ;-) Coraggio, pensa e posta... :-)))

    Dauly lascia perdere, che la tua scultura è spettakolare! :-D

    Cri, sai che credo che il cinesino sia stato uno dei fattori scatenanti dell'idea? L'avevo visto in un libro di coctails e me ne ero innamorata. <3

    Fabio, mi hai beccata: è un Kumquat travestito!!! :-D

    Patty, dici che è un torero? In effetti dopo 3 o 4 bicchieri di Sangria comincio a pensare che tu abbia ragione... hic! ^_^

    Alessia, ma tu sei già inebriata di tuo! ;-) Un abbraccio fortissimo!!!! <3

    Stefania, il sequel s'ha da leggere senz'altro. Ti compatisco assai, ma al contempo noi tutti ci sganasciamo dal ridere per le tue disavventure. :-D

    Monique, l'MTC è fatto così: ci sono volte che le idee tardano a venire, poi improvvisa scocca una scintilla... :-D

    Ale, se becco il coniglio in metropolitana gli rifilo una dose quadrupla di Sangria, poi lo rapisco e lo induco a dirmi dove ha nascosto le altre cannucce!!! :-D E... grazie per avermi tenuta in concorso! :-)))

    Sulemaniche forza! Voglio vedere la tua macedonia! :-D

    Gaia, ti mando una bella ciotola di macedonia alcolica con tanto, taaaaanto sughetto di accompagnamento! Anzi, vengo a brindare con te! Smack!

    RispondiElimina
  17. E non pensare più ad altro che NON PUOI VINCERE un altro MTC!!! BASTAAAAAA!!!

    RispondiElimina
  18. Dopo l'americano, il cinese di Mapi, geniale;-)
    Fabio

    RispondiElimina
  19. Dio che voglia di qualcosa di così dolcissimamente alcolico! E il mandarino cinese è simpaticissimo!
    See you soon.

    PS: organizziamo un mini raduno a Bologna, così..come scusa per vederci..? Beso.

    RispondiElimina
  20. ma che bel bicchierino... con tanto Di ... CAPPELLO !!!

    RispondiElimina

Nella Apple Pie c'è posto per tutti, tranne i maleducati. :-)