lunedì 21 marzo 2011

Lasagne al pesce spada, mela verde e gamberetti



Questa ricetta è un mio cavallo di battaglia ormai da molti anni: l'ho trovata in un vecchio ricettario Barilla e mi aveva subito ispirato.
Risente chiaramente del retaggio degli anni '80, quando la panna veniva inserita ovunque; qualcuno negli anni mi aveva consigliato di sostituire la besciamella con una vellutata fatta con fumetto di pesce e di eliminare la panna, e io in linea teorica sono totalmente d'accordo. Il mio problema è passare dalla teoria alla pratica: la ricetta è talmente buona che ogni volta che la preparo mi manca il coraggio di apportare tali modifiche, che pure esalterebbero il sapore del pesce.
Con gli anni sono giunta alla conclusione che sia perfetta così, un po' come il clam chowder, per il quale la panna è necessaria.
Se però voi volete usare del fumetto di pesce per preparare la besciamella e magari eliminare la panna o sostituirla con qualche altro ingrediente (evitate la ricotta: l'ho già fatto e il risultato non mi è piaciuto per niente) fate pure... :-D


LASAGNE AL PESCE SPADA, MELA VERDE E GAMBERETTI

Per 6 persone

Per il ragù di pesce spada:
350 g lasagne
300 g pesce spada a fette
1 mela verde (la ricetta originale diceva 2 mele, senza specificare il tipo)
30 g burro
½ bicchiere vino bianco
200 g panna 1 tuorlo
200 g besciamella
1 scalogno
1 cucchiaio parmigiano grattugiato
sale
pepe.



Per il sugo ai gamberetti:
200 g gamberetti sgusciati
½ bicchiere vino bianco
1 grosso pomodoro
1 spicchio d’aglio
10 foglie di basilico
3 cucchiaiate olio d’oliva
sale
pepe



Rosolare il pesce spada nel burro insieme allo scalogno tritato e alla mela tagliata a fettine. Mescolare bene, bagnare con il vino bianco e lasciar cuocere per 10’. Far raffreddare un poco. Raccogliere il pesce e le mele nel mixer e tritare il tutto. Trasferire il composto in una ciotola, aggiungervi la panna e il tuorlo, insaporire con 1 cucchiaio di parmigiano e aggiustare di sale e pepe.


Tagliuzzare i gamberetti e metterli a rosolare in padella con l’olio, lo spicchio d’aglio intero (da togliere a fine cottura) e 10 foglie di basilico tritato. Sfumare con ½ bicchiere di vino bianco, farlo evaporare e aggiungere un grosso pomodoro tagliato a cubetti. Cuocere per 5’ e aggiustare di sale e pepe.


Imburrare una pirofila che possa andare anche in tavola e distribuirvi uniformemente sul fondo la besciamella e 2-3 cucchiai di ragù di pesce spada. Stendervi uno strato di lasagne e su queste il ragù di pesce spada. Proseguire alternando strati di lasagne e ragù di pesce e terminare con le lasagne. Versare sopra l’ultimo strato di lasagne il sugo ai gamberetti e infornare in forno ben caldo (225 °C) per 20’ circa.

Guarnire con basilico fresco.

Sono fa-vo-lo-se!!!!

8 commenti:

  1. Questa ricetta è davvero deliziosa, la proverò sicuramente!
    Dato il nome del tuo blog non puoi mancare al mio contest dedicato ai dolci con le mele!!!!! Ecco il link:
    http://morenaincucina.blogspot.com/2011/03/il-mio-primo-contest-dolcemente-mela.html

    RispondiElimina
  2. Una bella ricetta che proveremo ...
    Ciao buona settimana e un saluto dai viaggiatori golosi ...

    RispondiElimina
  3. Però in linea di massima, anche se c'è la panna, è una ricetta light visto che c'è il pesce!!! ;)

    RispondiElimina
  4. Morena grazie, partecipo molto volentieri! :-D

    Grazie Viaggiatori Golosi! :-D

    Cris, sono davvero da urlo!

    Hahahaha Stefania!!! Vuoi mettere? Venerdì pesce... :-D

    RispondiElimina
  5. E questa come si fa a modificarla....!! Mi attrae assai assai e qui farei un figurone...(qui si é molto fusion...). Baci

    RispondiElimina
  6. Mapi...sai che ti dico???Io la lascerei così anni '80..... che mi piace tantoooooooooooooo

    RispondiElimina
  7. bellissima! e per una volta possiamo anche osare con la panna, và...
    sulla besciamella invece non transigerei comunque: io sono ancora di quelle che se la mangia a cucchiaiate (e si vede!)

    mi piacciono molto anche i colori, sono così primaverili...

    RispondiElimina

Nella Apple Pie c'è posto per tutti, tranne i maleducati. :-)