venerdì 25 marzo 2011

Fondant al cioccolato e basilico: quando le (st)Renne riciclano le uova di Pasqua...

Arieccoce ragazzi! Le (st)Renne sono tornate più agguerrite che mai, con un nuovo progetto: RinnUoviamoci. Il titolo è stato scelto dall'eclettico Fabio, mentre Stefania ha proposto un'immagine scanzonata che è piaciuta subito a tutti e che è stata votata all'unanimità.
Il tema che svilupperemo nelle prossime 5 settimane è quello del riciclo delle uova di cioccolato che in questo momento stanno cominciando ad accumularsi nelle nostre case e che a Pasqua abbonderanno; solo che quest'anno la Pasqua viene davvero tardi, con maggio alle porte, il caldo che incombe e tanto, tantissimo cioccolato da smaltire.
E cosa c'è di meglio, quando si è sommersi da un mare di... cioccolato, che aggrapparsi al salvagente lanciato dalle (st)Renne?


La meccanica è la solita: lunedì Ale e Dani ci stupiscono (e ci mandano pure in crisi) con ricette innovative, martedì Annalù e Fabio ci fanno sbavare grazie alla Montersinite che li attanaglia, mercoledì ci delizia Stefania con creazioni da porca figura rigorosamente gluten-free, giovedì Flavia trasforma i lapilli dell'Etna in delizie per il palato e venerdì io mi arrabatto per non sfigurare davanti a cotanti predecessori. Per Pasqua il pdf con tutte le ricette sarà pronto e a voi non resterà che scaricarlo... e mettervi all'opera! :-D


La ricetta che propongo oggi è di Paul A. Young, un Maître Chocolatier di fama mondiale il cui libro, "Avventure al cioccolato", dovrebbe trovare posto nella libreria di ogni chocolate-addict che si rispetti.  
[Giuro che non mi paga per fargli pubblicità. 
Non sa nemmeno che esisto.
(E non sa neppure che un giorno io e lui ci sposeremo quindi per favore non diteglielo, ché voglio fargli una sorpresa!) ;-D]

Se amate l'accoppiata cioccolato-menta, di sicuro adorerete l'abbinamento del Nettare degli Dei con il basilico che un pochino la ricorda, ma che è molto più delicato e a mio avviso decisamente migliore, provare per credere. E' stato proprio mentre stavo mangiando uno di questi fondant che ho deciso di sposare Paul A. Young, perché un uomo capace di creare una simile meraviglia è sicuramente in grado di rendere la vita un'avventura affascinante e indimenticabile (e se fallisce, beh... ci si può sempre consolare con le sue eccezionali creazioni!). 

Secondo la collaudata Legge di Murphy, nel fondant che sono riuscita a fotografare la ganache al basilico è fuoriuscita dai lati del tortino e sembra essere una salsa a specchio; voi siete molto più bravi di me e riuscirete sicuramente a farla rimanere dentro... (io c'ero riuscita nelle versioni che si sono miseramente afflosciate sul piattino e che "mi è toccato mangiare"...). In ogni caso vi assicuro che questi fondant sono assolutamente sublimi.


FONDANT DI CIOCCOLATO CON GANACHE AL BASILICO
Da Paul A. Young - Avventure al Cioccolato - De Agostini



Per 4 pezzi

Per i fondant:
85 g burro
75 g cioccolato fondente dei Caraibi al 66%, spezzettato
75 g zucchero di canna semolato
70 g farina 0
3 uova medie
1 pizzichino-ino-ino di sale
burro e farina per gli stampi

Per la ganache al basilico:*
200 g cioccolato bianco
100 g panna
15 g di foglie di basilico fresco

* Io consiglio di dimezzare tranquillamente queste dosi: avrete comunque ganache abbondante per altri 4 fondant.




Per prima cosa preparare la ganache, che deve riposare prima dell'uso.
Portare lentamente a ebollizione la panna con il basilico. Togliere dal fuoco, frullare e versarla sul cioccolato bianco spezzettato, lavorando con una frusta. Trasferire la ganache in un contenitore con coperchio, farla raffreddare a temperatura ambiente, poi metterla a rassodare in frigorifero. Suddividerla in palline, che saranno conservate in frigo fino al momento dell'uso.

Preparare i fondant: far sciogliere il burro a fuoco dolce, aggiungervi il cioccolato fuori dal fuoco e mescolare bene finché si è sciolto.
Sbattere leggermente le uova con lo zucchero e unirle al composto di cioccolato, quindi lavorare bene con una frusta. Aggiungere la farina e il sale e lavorare fino a ottenere un impasto liscio.

Imburrare e infarinare 4 stampini tronco-conici (io ho usato quelli del babà, alti 7 cm, diametro superiore 7 cm e diametro inferiore 5 cm) e riempirli per 1/3 con il composto, poi metterli a rassodare in frigorifero per 30 minuti. Toglierli dal frigo, adagiare una sfera di ganache su ognuno e coprire con il restante impasto, facendolo leggermente intiepidire se si fosse rassodato troppo.

Infornare nel forno preriscaldato a 180 °C per 9 minuti**, senza aprire il forno durante la cottura. Sformarli sui piatti individuali e servirli accompagnandoli con gelato alla crema o con una crème fraîche ben fredda.

**Ecco, sui tempi di cottura non concordo, ma credo dipendano dalle dimensioni degli stampini, che nel libro non sono precisati: per i miei (quelli da babà alti 7 cm, diametro superiore 7 cm e diametro inferiore 5 cm) ci sono voluti 15 minuti, altrimenti rimanevano troppo morbidi e si spetasciavano al momento di sformarli. Niente di grave, per carità, sono squisiti lo stesso, ma assolutamente infotografabili... e impresentabili a una cena formale (ma se la cena è informale e siete in confidenza con gli amici, le grasse risate sono garantite). ;-)
Credo che 9 minuti vadano bene per gli stampi da muffin, in ogni caso consiglio di fare delle prove prima di presentare questo raffinato dessert a una cena formale. In ogni caso la porca figura è assicurata, in senso letterale o lato... :-D



Con questa ricetta partecipo al contest di Vaniglia e Cannella "J'adore le chocolat"

14 commenti:

  1. Questa ricetta è spettacolare e oltretutto mi hai dato la spinta finale per decidere l'argomento della mia prima raccolta....Intanto copio la ricetta e poi inizio a studiare il mio piccolissimo progetto.
    Un bacio
    Claudia

    RispondiElimina
  2. no no....questi sono da porchissima figura!
    Cioccolato e basilico.... mi piace l'idea....e' da provare sicuramente!
    Grazie della bella ricetta Mapina!
    Un abbraccio e a presto
    Paola

    RispondiElimina
  3. Bellissima e chissenefrega se la cremina al basilico è scappata di fuori, si raccoglie col cucchiaio no?... e veramente stuzzicante il basilico col cioccolato, l'ho assaggiato con la rucola, è veramente sorprendente la versatilità del cioccolato! Complimenti per la scelta
    Cris

    RispondiElimina
  4. MApi.............mi sto sentendo male...sono DIVINE...si si...Mapi sposatelo Paul...che così saremo sempre ospiti a casa vostra noi (st)renne...... buon weekend, baci, Flavia

    RispondiElimina
  5. Futura sig.ra Young, e meno male che si arrabbatta!!! E altrimenti che ci combinava???? Sì, sì sposatelo presto però!!!

    RispondiElimina
  6. davvero geniale il basilico con il cioccolato! sono proprio curiosa di provarli, e poi i tortini morbidosi sono un delirio ;-P

    RispondiElimina
  7. la creatura fa da damigella e io sovrintendo al contratto matrimoniale, che se c'è un matrimonio che vogliamo che duri è proprio questo qua. Ma solo perchè sappiamo che ti renderà felice, ovviamente... nessun interesse personale....
    Scherzi a parte, tempo fa avevo preparato un cake al cioccolato e basilico che mi aveva lasciato un po' lì: in cottura, il basilico aveva perso il profumo e alla fine mi ero ritrovata a mangiare una banale torta al cioccolato con degli antiestetici affarini verdi che si infilavano nei denti. Ero anche stata tentata di dirtelo, nel back stage delle Strenne, ma poi ho pensato: " e figurati se la Mapi non ti tira fuori la ricetta perfetta". Detto, fatto.
    In un'altra vita, faccio un contest a pagamento dove io scommetto sulle tue ricette. e' la volta che diventerò ricca, mai diar...
    besos
    ale

    RispondiElimina
  8. Eh? Cosa? Ma questa ricetta è sensazionale! Cioccolato e basilico? Che delizia! Da provare :-)

    RispondiElimina
  9. Claudia, se ti ho dato la spinta finale nel baratro del cioccolato sono solo contenta! :-D

    Paola, sono davvero da porchissima figura! ;-) Un abbraccio a te!

    Cris, hai perfettamente ragione: si raccoglie col cucchiaino e si gusta mugolando di piacere... ;-)

    Flavia, it's a deal: io lo sposo e vi ospito tutte le volte che passate da Londra; in cambio però dovrete fare da cavie alle sue creazioni... :-D (Povero Paul Young, che di tutto questo non sa nulla!!! :-D)

    Francesca provali, con la ganache al basilico sono ancora più un delirio! :-p

    Perfetto, ho pure la damigella d'onore e l'amica-professionista che sovrintende al contratto matrimoniale. Il povero Paul è spacciato (a proposito, qualcuno potrebbe gentilmente presentarci?).
    In questi tortini il basilico mantiene il suo profumo perché cuoce pochissimo, è davvero favoloso! Ma per pagarti per i contest io comincio adesso, mai diar: se non fosse stato per te non avrei né aperto il blog, né sperimentato queste meraviglie... quanto ti devo? :-D

    Ilaria, provala e non l'abbandonerai più! (un po' come me con Paul, per intenderci: diventerò la sua stalker più accanita, finché non mi sposa! :-D)

    RispondiElimina
  10. Mettere il tortino così non si fa!!! E chi resiste è una tentazione!!!!!!!!!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Non solo mi tiri fuori questo abbinamento che varrebbe bene anche un viaggio a Milano, ma mi nomini anche un libro che NON HO, dicendo per giunta che non può mancare...ed adesso chi lo dice a Fabio che mi dovrò fare un altro giretto su Amazon? :-DDD
    Baci
    Anna Luisa
    P.S. Questo matrimonio sa da fa! ;-)

    RispondiElimina
  12. Che bonta', ma fai un sacco di ricettine interessanti con il cioccolato =), è un paicere averti scoperto!!!

    RispondiElimina
  13. AnnaLù, adesso hai il libro... autografato dall'autore per giunta: che INVIDIAAAA!!!

    Giada grazie, sei gentilissima! :-) Piacere mio per averti conosciuta! :-D

    RispondiElimina
  14. Questo devo provarlo Mapi :)! Assolutamente! Sono troppo curiosa di sentire come sta il basilico nella ganache...
    Fantastica! Come sempre...
    Mille bacini enormi!
    Ema

    RispondiElimina

Nella Apple Pie c'è posto per tutti, tranne i maleducati. :-)