lunedì 3 gennaio 2011

Zuppetta di gallinella light e i propositi per il nuovo anno



Ogni anno è sempre la stessa storia: inizia il nuovo anno e si fanno tanti buoni propositi, che verranno puntualmente disattesi.
Io li faccio almeno due volte all'anno: il mio primo Capodanno infatti è il rientro dalle vacanze estive, tra la fine di agosto e i primi di settembre, quando mi riprometto di stare calma e rilassata, di non prendermela per i piccoli inconvenienti che capitano sul lavoro o nella vita al di fuori; mi riprometto anche di iscrivermi in palestra e qualche volta l'ho pure fatto, finché non mi sono resa conto che è più conveniente non andare in palestra gratis, piuttosto che non andarci a pagamento.
I buoni propositi di gennaio invece, quelli del Capodanno propriamente detto, riguardano altro: constatato una volta di più che tanto mi arrabbio lo stesso e in palestra non ci vado, arrivato gennaio i propositi riguardano la mia cultura personale. Dai corsi di danze folk al proposito di andare al cinema ogni settimana passando per il proposito di telefonare più spesso alle persone care, tutto si frantuma nell'arco di un tempo brevissimo, un po' come i miei ferrei propositi di dieta che falliscono miseramente ogni giorno all'ora dei pasti.

Siamo però al 2 di gennaio e non dispero ancora del tutto: sento che quest'anno ce la posso fare. Per dire, stamattina ho praticamente saltato la colazione e ho bevuto solo un caffé. A pranzo l'idea era di mangiare un pochino di verdura lessa e non è colpa mia se uscita da Messa ho trovato fuori dalla chiesa un mercatino di specialità tipiche e ho acquistato un salamino delizioso, una Boccia di Cremona (la terza degli ultimi 20 giorni) e mezzo kg di pane pugliese di Altamura. Così, visto che pane e salame erano già pronti mentre le verdurine dovevano essere mondate, lavate e lessate, beh... voi che cosa avreste fatto al posto mio? :-D

Ma questa sera no.
Per questa sera avevo già scongelato una gallinella da porzione e l'ho cucinata in modo semplicissimo, assolutamente light. Quindi, vedete, forse ce la posso fare.
Forse.

ZUPPETTA DI GALLINELLA LIGHT


Dose per 1 persona:

1 gallinella da porzione
1 carota
1 piccolo scalogno
1 spicchio d'aglio
4 pomodorini di Pachino
1 patata piccola
5 o 6 olive taggiasche
1 foglietta di alloro
2 cucchiaiate di olio extravergine di oliva
1 mestolo di brodo vegetale
sale
pepe

Sbollentare i pomodorini dopo aver fatto su ognuno un taglio a croce; spellarli, tagliarli in quarti, eliminare i semi.
Sbucciare la patata, tagliarla a cubetti e sbollentarli per 10 minuti.
Raschiare la carota e tagliarla a tocchetti, snocciolare le olive taggiasche.
In un tegame versare l'olio e soffriggervi lo scalogno finemente tritato e l'aglio intero ma leggermente schiacciato. Togliere l'aglio quando comincia a dorarsi, aggiungere il pesce, irrorare con il vino e farlo evaporare. Aggiungere a questo punto pomodoro, le carote, le olive, la patata, la foglia di alloro e irrorare con il brodo caldo. Portare a cottura (15 minuti circa). Regolare di sale, togliere la foglia di alloro, profumare con una macinata di pepe e servire.

10 commenti:

  1. Innanzitutto ringrazio Dio di non avere un mercatino che all'uscita della messa mi metta davanti la Boccia di Cremona, perché altrimenti a casa avrei ben 4 boccioni!!!
    Seconda cosa, ho imparato anche io a non iscrivermi in palestra, perché è molto meglio non andarci gratis!!!
    Terzo ho imparato a non fare buoni propositi... solo i cattivi così se li disattendo, mi sento brava!!!
    Ti adoro e con me tutta la mia famiglia, pargolo n. 3 in primis!!!
    Baciiiiiiiiiiiiiiiiiii

    RispondiElimina
  2. Saltare la colazione????????? nuuuuuuuuuuuuuuuuuu.....però tu seitroppo forte, Mapi, e ti perdono anche la gallinella:-)))

    RispondiElimina
  3. Leggevo il post e ridevo pensando con quanto pane o crostini avrei accompagnato la zuppetta...deviando in modo "poco originale" ma sempre efficace il tentativo di una cena light!! :PP eheheheheh

    RispondiElimina
  4. Leggevo il post e ridevo pensando con quanto pane o crostini avrei "aggirato" in modo efficace ed anche poco originale il tentativo di una cenetta light! :P ehehheehehe
    Non ce la posso mai fare! ahahahahahha :)))

    RispondiElimina
  5. Stefania, l'adorazione per i tuoi pargoli è reciproca, niente da dire! :-D
    Vedo che siamo così totalmente in linea da essere quasi sorelle! ;-)

    Francy, non ho precisato che il salto della colazione era motivato dal fatto che mi ero alzata tardi... ;-)

    Mario, giuro che ho fatto fatica a non mangiarci su un kg di pane!!! :-D

    RispondiElimina
  6. i buoni propositi sono fatti per essere disattesi, se no che buoni propositi sarebbero?

    bentornata, cara mapi!

    RispondiElimina
  7. Ciao tesoro! Dopo i bagordi delle feste questa zuppetta è l'ideale!!!! Ottima idea! Un bacio cara, complimenti e... buon annoooooo!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  8. Grazie Gaietta bella, bentrovata! :-D

    Grazie anche a te Kiara! Tantissimi auguri di Buon Anno!!!

    RispondiElimina
  9. ma noi lo facciamo solo per letteratura. E' Oscar Wilde ad insegnarci che si può resistere a tutto tranne che alle tentazioni, chi siamo noi per metterlo in discussione?!

    RispondiElimina
  10. Ciao,buon Anno.Vedo che inizi bene,io beccata dall'influenza,sono stata graziata dei chili presi durante le feste,ti giuro ne avrei fatto a meno.Meglio scoppiare di salute,quindi quando ci capita mangiamo pure.bacionu,Lisa.

    RispondiElimina

Nella Apple Pie c'è posto per tutti, tranne i maleducati. :-)