lunedì 18 giugno 2012

Scaloppine di salmone al profumo di arancia con marmellata di cipolle e griglia di patate


Sono reduce da una splendida vacanza al mare insieme a un gruppo di sub completamente pazzi, i Bucanieri, e mi sono davvero divertita e rilassata tanto.
Pure il mio stomaco si è divertito, come gli ha fatto notare sarcastico il giro vita, con il bel risultato che adesso sono a dieta. A dieta strettissima intendo, di quelle con pochi grassi, calorie controllate e tante altre cose una più brutta dell'altra (ma purtroppo necessarie).

Epperò c'è in corso l'MTChallenge, che questo mese verte sulle scaloppine e sui fondi di cottura: come conciliare capra e cavoli? Con una bella scaloppina di pesce, mi sono detta.
Un pesce grasso, è vero, ma che contiene i grassi "buoni" (ogni scusa è buona... ^_^) ed è ricco di Omega 3. Insomma, il salmone nella dieta è ammesso, anche se in modiche quantità e non troppo spesso.
Un po' meno le patate duchessa, qui presentate sotto forma di griglia (a cui ho freudianamente dimenticato di aggiungere la base) e la marmellata di cipolle (ma di quella ce n'è proprio pochina).

Pazienza per la dieta, insomma: l'MTC ha la precedenza e io ringrazio ancora una volta Elisa, vincitrice della scorsa edizione, per questa splendida sfida!

SCALOPPINE DI SALMONE AL PROFUMO DI ARANCIA CON MARMELLATA DI CIPOLLE E GRIGLIA DI PATATE


Per 2 persone:

2 tranci di salmone alti circa 2 cm
2 cucchiai di farina 00
1/2 cucchiaio di punte di aneto tritate
Scorza di 1/2 arancia non trattata
Succo di 1 arancia
sale
olio extravergine di oliva

Per la marmellata di cipolle (ricetta di Alberto Baccani):
100 g cipolle rosse di Tropea IGP
60 g zucchero semolato
1 cucchiaino di aceto di sidro
1 pizzico sale
1 foglietta alloro

Per la griglia di patate:
500 g patate
50 g burro
1 uovo
sale
noce moscata


Tritare grossolanamente le cipolle e versarle in un pentolino. Aggiungervi lo zucchero, il sale, l'aceto di sidro e la foglietta di alloro, mescolare bene e far macerare per almeno mezz'ora: lo zucchero è igroscopico e farà uscire parecchio liquido dalle cipolle, facilitando la preparazione della marmellata.

Lessare le patate in abbondante acqua salata per 20-30 minuti (dipende dalle dimensioni).
Passarle allo schiacciapatate almeno 3-4 volte, in modo da ridurle in una crema ben liscia. Rimetterle nella pentola, farle asciugare un attimo sul fornello mescolando continuametne se fossero troppo umide, poi spegnere la fiamma e incorporare prima il burro e poi l'uovo. Salare e profumare con poca noce moscata.
Preriscaldare il forno a 180 °C in modalità ventilata.

A questo punto fate quello che NON ho fatto io, ^_^ presa com'ero dalla griglia: versare i 2/3 del composto di patate in una sac-à-poche con bocchetta liscia e fare con questa un bel rettangolo pieno di purè in ogni piatto (accertarsi che i piatti possano andare in forno), che serva da base alla griglia. Versare il restante composto di patate in una seconda sac-à-poche con bocchetta zigrinata piatta e procedere a fare la griglia, quindi infornare per circa 15 minuti o fino a quando il composto di patate non sarà dorato.
Io ero così presa dalle prove di griglia che ho infornato i piatti con le sole griglie, poi ho cucinato le patate duchesse normali e solo alla fine della cottura mi sono resa conto di essermi dimenticata un pezzo. :-S

Mentre la griglia di patate è in forno, cuocere la marmellata di cipolle mettendo il pentolino su fornello più piccolo a fuoco dolcissimo: le cipolle devono cuocere per 20-30 minuti, fino a quando non assumono la consistenza di una marmellata.

Preparare adesso le scaloppine: con l'aiuto di un coltellino affilato eliminare dai tranci di salmone la lisca centrale; eliminare anche le eventuali altre lische ed eliminare la pelle.
Tagliare orizzontalmente ogni trancio in modo da ricavarne 3 scaloppine.
In un piattino mescolare la farina, le punte di aneto tritate e la scorza di mezza arancia grattugiata e usare la miscela per infarinare con cura le scaloppine.
Far rosolare le scaloppine da ambo i lati in poco olio extravergine di oliva, poi metterle in caldo.
Deglassare il fondo di cottura con il succo di arancia appena spremuto e filtrato con un colino, poi aggiungere il fumetto di pesce e far restringere il sughetto, aggiungendo un pizzico della farina aromatizzata se non fosse abbastanza denso.

Impiattare le scaloppine accanto alla griglia di patate, aggiungere un cucchiaino abbondante di marmellata di cipolle, nappare con la salsina all'arancia e servire immediatamente.





15 commenti:

  1. Che piatto prelibato! Buone queste scaloppine alternative! E poi mi intriga molto l'abbinamento degli ingredienti che hai usato!!!

    RispondiElimina
  2. stupendissima mapi!!! la griglia di patate mi fa impazzire!!!:-) baci grandi

    RispondiElimina
  3. Ops non sono più l'unica con il pesce! Ciao Mapi piacere di conoscerti, davvero belle le tue ricette, allora in bocca al lupo e alla prossima. Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Seconda versione e un'altra meraviglia!
    Salmone, arancia e aneto: accostamenti di sapori divini!
    Marmellata di cipolle: la adoro (l'avevo preparata anche io un po' di tempo fa).
    La griglia di duchesse: bellissima...e ti dirò che mi piace il fatto che tu abbia tralasciato la base, rende maggiormente l'idea della griglia :)
    Brava brava brava! ^^

    RispondiElimina
  5. mamma mia che lavoro!! bella combinazione di sapori, bella davvero! Ma chi ha detto che la dieta è triste? si può fare dieta divertendosi, sono d'accordo e questo piatto ne è la prova!!

    RispondiElimina
  6. Mi vuoi dire che le potrei mangiare anche io??? Sì, perché anche io sono a dieta strettissima... anche se non reduce da una bellissima vacanzacon i sub...

    RispondiElimina
  7. ha un aspetto davvero intrigante! Grande Mapina!!!
    Come stai? Era tantissimo che non passavo...è un periodo delirante!
    Un abbraccio e a presto
    Paola

    RispondiElimina
  8. bellissima la griglia e fantastico tutto!!!

    RispondiElimina
  9. Tanto per darti l'idea di come mi predispongo alla lettura dei tuoi contributi all'mtc, ho aspettato il quarto d'ora assolutamente libero. Stravaccamento e bicchiere di Porto included. E visto che sono già al terzo sorso, attribuisco al vino il bassissimo livello della battuta sui sub- che te li sei andata a scegliere pure divertenti, che maniman i sub.normali per te eran poca roba :-)

    Fine.

    Paulo maiora canamus- e passiamo alla ricetta. e qui torno seria, perchè hai voglia a scherzare, qui sopra. torniamo a dirci le stesse cose, sul gusto innato che ti contraddistingue. Non c'è un dettaglio fuori posto, dall'aceto di mele, all'alloro, alla scorza d'arancia e all'aneto, in un piatto che fa della credibilità e dell'eleganza la sua carta vincente. La griglia di patate è l'ennesimo tocco in più.

    e adesso, non vedo l'ora di vedere la versione con la carne....
    GRAZIE!

    RispondiElimina
  10. Mmmmmm, che ricettina interessante!
    Se passi dal mio blog ho una piccola sorpresa per te ;)
    Baci!

    RispondiElimina
  11. ...se possibile questa ricetta mi piace anche più dell'altra...ma come fai?

    RispondiElimina
  12. Uno splendido connubio di sapori, complimenti!
    Ti seguo, se ti va passa da me:
    http://lestagionideisapori.blogspot.it/

    RispondiElimina
  13. avendo visto per primo la tua proposta di carne ho avuto paura a gusrade quelle di pesce, ed avevo ragione! E hai il coraggio di dire che ti eri dimenticata un passaggio? La griglia è gustosissima anche così!
    Poi prepari anche la marmellata di cipolle di tropea che già a vederla è strepitosa, con il tocco d'allora o che con le cipolle non si sà mai... ogni dettaglio è tuo!

    mi faccio del male e vado a vedere l'altra...

    grande Mapi!

    RispondiElimina
  14. Mi piacerebbe un sacco fare un'esperienza di immersioni. Chissà...
    Intanto mi godo queste scaloppine e al diavolo la dieta per un giorno :-)
    Fabio

    RispondiElimina

Nella Apple Pie c'è posto per tutti, tranne i maleducati. :-)