venerdì 1 febbraio 2013

Queen of Puddings


La Pulcetta è una bimba passionale. 
E' molto intelligente e sensibile, ma soprattutto ha una proprietà di linguaggio fuori dal comune, grazie alla quale ogni tanto se ne esce con delle frasi che lasciano gli astanti con un palmo di naso.

Come l'altro venerdì, per esempio. Ero andata a trovare mia sorella dopo il lavoro e ci stavamo scambiando le ultime notizie. Lei, piccola acrobata, stava facendo delle evoluzioni da circo particolarmente complesse nell'esiguo spazio che va dallo schienale del divano al pavimento. Non so descrivervi esattamente il tipo di acrobazie in cui si è lanciata, so solo che a un certo punto ha fatto un salto carpiato che ha fatto prendere un coccolone a me e a sua madre, perché a momenti si spaccava i denti.
Mia sorella naturalmente l'ha rimproverata, e visto che la signorina aveva già cominciato a mettere il broncio ha aggiunto: "E non ti arrabbiare!". 
Questa frase deve averla fatta uscire dai gangheri, perché ha subito esclamato: "Tu non decidi dei miei sentimenti!" e con passo furioso e altero a un tempo è andata in camera sua. She stormed away, avremmo detto in inglese.
Ovvio che in casi del genere non puoi scoppiare a ridere, ma io e mia sorella ci siamo guardate allibite: da dove ha tirato fuori una frase del genere, questa bimba alta come un soldo di cacio?

Uno solo era il modo per addolcirla, questo budino semplicemente superbo, ma estremamente facile da preparare. I pudding inglesi di solito prevedono delle briciole di pane bianco in cassetta cotte nella custard, l'equivalente inglese della crema pasticcera. Nel Queen of Puddings il pane in cassetta è sostituito dal burroso pan brioche, e la differenza si sente! Ho provato a farlo con marmellata comperata e con marmellata casalinga, e anche qui la differenza di sapore è nettissima. Io preferisco usare la marmellata casalinga di lamponi, più asprigna, che contrasta piacevolmente la dolcezza di budino e meringa. 
Provatelo e non ve ne pentirete. 


QUEEN OF PUDDINGS
(Da: Gordon Ramsay, Mark Sargeant - Great British Pub Food)

Per 8-10 persone:

150 g pan brioche
150 g zucchero semolato + 3 cucchiai
1 limone non trattato (scorza + un cucchiaino di succo)
50 g burro
600 ml latte intero
4 uova medie
3 cucchiai di marmellata di lamponi o di fragole (meglio se casalinga, nota di Mapi)


Eliminare la crosta dal pan brioche e frullarlo riducendolo in briciole, che saranno versate in una ciotola capiente insieme a 3 cucchiai di zucchero e alla scorza grattugiata del limone.
Scaldare leggermente il latte e il burro fino a quando quest'ultimo non si sia sciolto, mescolare e versare sopra le briciole. Lasciar riposare per 5-10 minuti per dar modo al pan brioche di assorbire il liquido.

Nel frattempo riscaldare il forno a 180 °C in modalità statica e imburrare una teglia della capacità di 1,5-2 litri.

Separare le uova, versare i tuorli in una ciotola, sbatterli leggermente e unirli al composto di latte e briciole di pan brioche. Versare il tutto nella teglia imburrata e infornare per 20-25 minuti o finché la superficie non sia leggermente dorata e il budino si sia rappreso. Togliere dal forno e lasciare intiepidire.

Intanto preparare la meringa italiana: versare 150 g di zucchero in un pentolino dal fondo spesso insieme a 30 ml di acqua. Mettere su fiamma bassa fino a quando lo zucchero non si sia completamente sciolto, poi alzare la fiamma e continuare a cuocere lo sciroppo, senza mescolarlo, fino a quando non si addensi e cominci a colorirsi molto leggermente sui lati (a mano a mano che lo sciroppo si addensa, le bolle diventano più grandi). Togliere dal fuoco.
Montare gli albumi insieme al succo di limone fino a raggiungere lo stadio dei becchi morbidi. Versarvi lo sciroppo di zucchero continuando a montare e proseguire per altri 2 o 3 minuti, fino a quando la meringa non risulti soda e lucida e si sia raffreddata.

Spalmare la marmellata sopra al budino intiepidito (è meglio usare quella casalinga, che è molto meno dolce di quella industriale - nota di Mapi) e versarvi sopra la meringa. Pareggiarla aiutandosi con il dorso di un cucchiaio e creare le punte appoggiando il dorso del cucchiaio alla superficie del dolce e sollevarndolo verso l'alto. 
Rimettere il pudding brevemente in forno sotto al grill caldo per 2 o 3 minuti, fino a quando le punte non risultino dorate. Questa operazione può essere fatta subito prima di servire il dolce e volendo si può usare un cannello da chef.
Servire immediatamente.




Note della Apple Pie

Il budino può essere preparato in anticipo e rifinito poco prima di essere servito: la meringa italiana infatti può essere preparata qualche ora prima e spalmata sul dolce & dorata all'ultimo momento.

Non è un dolce da portare a casa di amici: con il passare del tempo (bastano anche un paio d'ore) butta fuori una quantità impressionante di sciroppo, che rischia di inondare voi, la macchina e i passanti. E non chiedetemi come faccio a saperlo. ^_^

14 commenti:

  1. effettivamente la frase di tua nipote lascia senza fiato, è come una freccia che centra in pieno il bersaglio.....caspita! Però un budino del genere può riscattare ampiamente chi non ha potuto decidere dei suoi sentimenti in prima battuta ma alla seconda.... La partita si è conclusa 1-1...palla al centro ;-)

    RispondiElimina
  2. Bellissimo.Non sai quanto mi piace questo pudding!Lo faccio con le briciole del pane in cassetta,proprio come menzioni tu.Lo devo assolutamente provare con pan brioche.La nota sulla marmellata e' sacrosanta!
    C'e' un'aria molto british da queste parti ultimamente..
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  3. In genere queste frasi vengono dalla televisione. I bimbi sono spugne e non sanno bene ancora cosa e come filtrare (peraltro la frase era pure azzeccata).

    RispondiElimina
  4. Deve essere una delizia. Proverò prima o poi. Buongiorno

    RispondiElimina
  5. di sicuro con questo dolce l'avrete riconquistata. ma che storia! i bimbi credo che siano meravigliosi anche per questo, per le frasi che tirano fuori quando meno te l'aspetti! ma poi, davvero non si capisce certe cose da dove le tirino fuori! magici. come magico il tuo queen of pudding. un bacino, sere PS tra marmellate home made e il "resto" non ho dubbi, mi fido ciecamente! ;)

    RispondiElimina
  6. La frase di Pulcetta è talmente forte e vera che ad un adulto non potrebbe mai venire in mente. Ma come fanno i bambini a venirsene fuori con cose del genere è veramente un mistero. Comunque deve aver un bel caratterino, non è la prima volta che racconti episodi del genere :)
    Grazie per le tue bellissime parole, mi hanno fatto un piacere enorme!
    Per quanto riguarda il budino, dire che è stupendo è poco, la meringa italiana non l'ho mai fatta, credo che sia molto difficile ma proverò prima o poi.
    Ciao cara e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  7. La piccola Pulcetta è davvero una TOSTA, complimenti per questa gustosa ricetta, un pò complessa ma davvero stimolante da preparare.
    Coscina di pollo

    RispondiElimina
  8. ma da chi avrà mai preso quella pulcetta? non è che assomiglia un pochino alla ziuccia sua? ;)))
    mi inchino davanti al tuo pudding, con quelle punte invitantissime... ma come fai? troppo brava!

    RispondiElimina
  9. interessante questo queen of puddings, brava

    RispondiElimina
  10. Ma che linguacciuta! Che bello avere attorno bimbe così, non ci si annoia mai! E che bello avere attorno ZIE così!!! Sono appena tornata da lavoro e non so cosa darei per il tuo pudding goloserrimo!!

    RispondiElimina
  11. E' ufficiale: io adoro la tua pulcetta. Devi assolutamente registrare tutte le sue uscite di una saggezza senza eguali perché poi con il tempo si finiscono per perdere. E tu non decidi dei miei sentimenti è quanto di più emozionante abbia sentito negli ultimi tempi.
    Sul queen of pudding ho un piegamento alle ginocchia. Meringa e base umida (il pan brioche mi ha conquistato) ....ma una marmellata di arance potrebbe andare? L'ho appena fatta e mi è venuta da dio! Bacione gigante, Pat

    RispondiElimina
  12. mi stupisco sempre di quello che tirano fuori i bambini..alle volte ti spiazzano..chissà veramente quele è il suo senso.sulla torta direi fantastica, pienamente conquistata!

    RispondiElimina
  13. ahahhaa capisco molto bene il tipo di carattere della pulcetta io ne ho due ..due acrobate ginnaste che appunto per esibirsi sempre anche a casa con il rischio rottura denti e testa ....io le rimprovero e loro se ne escono con frasi del genere :( mah...io non mi sono mai permessa di rispondere ai miei ! generaziione moderna ...ioil pudding mai fatto provero' ....baci alla pulcetta

    RispondiElimina
  14. La vostra pulcetta è la mascotte di tutte noi femmine e io l'adoro!
    E siccome spesso anche io mi sento urtata nei miei sentimenti, forse con questo pudding, anche io riesco a non arrabbiarmi! ;)

    RispondiElimina

NO VITALBIOS!!!