martedì 28 febbraio 2012

Due paté di Cristina P., per l'MTChallenge di febbraio!

I post e le ricette che seguono e le relative foto sono stati scritti (e scattate) dalla mia amica Cristina P., che non ha un blog ma che partecipa da più di un anno all'MTC. 
Finora ha sempre mandato le ricette ad Alessandra, come da regolamento; da questo mese la ospito io, in modo da alleggerire Menù Turistico dalla pubblicazione delle ricette delle tante no blogger che pure hanno piacere a partecipare alla sfida più divertente della blogsfera.

Cristina non ha certo bisogno di presentazioni: cedo la parola a lei e alle sue due ricette!



PATE' DI FEIJOLADA BRASILEIRA


 
Bene! Cimentiamoci con il patè. A dire la verità, non mi piace nemmeno tanto, ma verità per verità, nella mia vita ho sempre considerato patè quello di fegato d'oca, senza pensare che il termine si potesse riferire alla preparazione e non al contenuto. Quindi questa è stata la prima scoperta.

Secondo: se si può fare con diversi alimenti e abbinamenti, allora ci provo con uno che già so che mi piace.....
Guarda caso, ho fatto la feijolada brasiliana, mi piace tanto! Quindi cosa c'è di meglio che "trasformarne" una parte in patè?
La cosa in sé mi è piaciuta sia come idea che come sapore al risultato finale: è il Brasile che si rinnova mantenendo la sua tradizione.
 
Quello che non ho considerato è che non sono particolarmente portata per la fotografia.... cioè, forse sarei più contenta di riuscire a vincere un premio 30 mm che l'MTC...... e che i colori della feijolada non aiutano, dal nero dei fagioli, al marroncino della carne per finire con il bianco del riso.... e che i miei piatti sono tutti bianchi, quindi il riso, ovviamente in forma di crema pure lui, si mimetizza alla grande.... e che pensavo di mettere il tutto in un bicchierino, a strati, invece ho riempito degli stampini più larghi che alti e il risultato sembra un po' un tappo di bottiglia usato....
Insomma, fidatevi se vi dico che le mie intenzioni sono sempre buone e che quando visualizzo le ricette nella mia testa sono anche sempre più colorate e "belle" di come poi riesco a realizzarle.
La grossa soddisfazione che ho ad ogni esperimento sono i figli che assaggiano (e apprezzano) tutto, ormai consapevoli che con me a tavola si devono usare l'olfatto e il gusto più che la vista.....

Feijolada Brasileira
1/2 kg di fagioli neri
1/2 kg di riso
3 etti di costine di maiale
1 etto di salsiccia
1 etto di pancetta affumicata in un'unica fetta
1 cipolla rossa
2/3 spicchi di aglio
olio
sale
pepe
Preparare un soffritto con olio, aglio e cipolla tritata fine, aggiungere i fagioli (lasciati in ammollo per un'intera notte), coprire con brodo e cuocere per un'ora circa
A parte preparare un altro soffritto uguale per la carne tagliata a pezzettini, aggiungere un po' di brodo per volta a richiesta
A cottura ultimata lasciare raffreddare entrambe le preparazioni.
Frullare i fagioli con aggiunta di olio extravergine di oliva fino ad ottenere la consistenza desiderata (sono andata a occhio).
Frullare la carne, senza aggiungere grassi perchè ritengo sufficiente quello contenuto nella salsiccia
Comporre dei bicchierini partendo dalla gelatina avanzata dalla ricetta che seguirà.....
uno strato di fagioli e uno di carne
lasciar riposare in frigo perchè mantenga la forma e rivoltare successivamente su un letto di riso bianco, cotto al vapore e... frullato pure quello.



PATE' DI COPPA DI MAIALE CON PRUGNE E GELATINA AL SIDRO

 
Il secondo tentativo consiste nel reinterpretare (si può dire pateizzare????) un altro abbinamento noto e testato più volte a casa mia: coppa di maiale con prugne e gelatina al sidro.
Esattamente, a casa mia di solito propongo la coppa di maiale (non frullata) con la marmellata di prugne, ma siccome il maiale sta bene anche con le mele e il patè "si presta" ad essere sagomato in un contenitore, ho aggiunto la gelatina!

1/2 kg di coppa di maiale
spezie ed erbe aromatiche (alloro, chiodi di garofano, anice stellato, rosmarino, ecc.)
aglio
olio
sale

Cuocere il pezzo di coppa di maiale in un brodo con le erbe aromatiche e l'aglio, per circa 1 ora
Lasciare raffreddare e frullare il tutto, comprese le erbe (non ho aggiunto grassi perchè lo è già la coppa)
Precedentemente preparare una gelatina con 200 ml di sidro di mele e 3 fogli di gelatina e vuotarla negli stampini per iniziare a farla rapprendere
Aggiungere poi la carne preparata, lasciare raffreddare e sformare il tutto accompagnando con delle prugne secche e denocciolate, anche quelle frullate (a piacere si può aggiungere qualche goccia di limone alle prugne, ma con la gelatina di sidro.... è meglio di no).

Cristina P.

10 commenti:

  1. Che idea originale! Se mi posso permettere un consiglio fotografico, prova a fotografare di giorno, oppure, se la devi fare proprio di sera, usa il flash, allontanandoti dal soggetto. Così il bianco non sarà troppo sparato ed eviterai questo alone giallo.
    Complimenti a te a Mapi che ha deciso di ospitarti!

    RispondiElimina
  2. Complimenti alla tua amica, entrambi molto originali ed interessanti, io scelgo il secondo perchè il maiale abbinato all'agrodolce mi piace da morire!baci <3

    RispondiElimina
  3. quante idee! mi piacciono entrambe le proposte :-)

    RispondiElimina
  4. Si... forse qualche dubbio per i 30mm mi viene.... ma per il resto...ALLA GRANDE!! Bravissima Cri e grazie mille
    Dani

    RispondiElimina
  5. Grazie a tutte e soprattutto a Stefania. Quando le mie foto miglioreranno, fate i complimenti a Mapi, perchè si sta impegnando in questa "missione" dandomi consigli quotidiani a cui aggiungerò questo di oggi. Cristina P.

    RispondiElimina
  6. Sentite voi due..ora basta , eh?!???!.... cioè scusate, ma ora il mio banalissimo patè voi me lo fate diventare ancora più banale così....non è giusto.

    Ora invece mi, vi, ti chiedo: ma perchè la Cri non apre un blog???? Con ricette così sarebbe un archivio meraviglioso :D, bacioni, Flavia

    RispondiElimina
  7. Grazie Flavia, ma lascio che siate voi a curare la "pentola sul fuoco" (mi sono inventata un modo di dire per designare chi ha un blog!)Io mi diverto troppo a saltellare da una all'altra e a scopiazzare le vostre ricette, anzi a trasformarle tutte in muffin! Cristina P.

    RispondiElimina
  8. Ottima idea quella di trasformare la feijoada brasileira in paté! Sarebbe stata perfetta una gelatina di arance, visto che la feijoada è sempre servita con qualche fetta di arancia, e si usa anche mettere l’arancia in cottura che poi va buttata (si dice assorba i grassi in eccesso… chissà poi se è vero).
    Pateizzare è un nuovo verbo che è stato coniato nel corso di questo MTC già da altre colleghe, pertanto ritengo possa essere inserito a breve nei dizionari. E mi piace un sacco la tua pateizzazione della coppa di maiale, che accompagnata dalla gelatina di sidro di mele e dalla crema di prugne è perfetta! Grazie mille a Mapi per averti ospitata, e a te per le tue favolose ricette!
    Bacio, Bucci

    RispondiElimina
  9. Grazie dell'idea! Geniale. Alla gelatina di arance proprio non avevo pensato. Proverò alla prossima feijolada. Cristina p.

    RispondiElimina

Nella Apple Pie c'è posto per tutti, tranne i maleducati. :-)